Fratelli

di SKA su La dimanche des crabes il 29 Maggio 2005, 18:20

Tempo fa qualcuno mi ha detto che le promesse esistano soltanto per essere deluse, come le regole.
Siete qui perchè qualcuno è contravvenuto alle regole direbbe Tyler Durden sotto la luce opaca di una lampadina, ed io, come davanti ad uno specchio a guardare il mio Tyler, a dire che vorrei prendermi a pugni, come fuori a quel bar.
Iniziare il mio Fight Club personale e ridestarmi dall’insonnia.

La sciocca promessa di non scrivere “cose personali” qui dentro è così scardinata.

Sono qui davanti ad autoconvincermi che dovrei scrivere tutto ciò che penso di getto, senza fermarmi a ragionare, a fare attenzione alle parole, o alla grammatica, alla sintassi. Non ha senso. Eppure continuo a farlo. Basterebbe lasciarsi trascinare dalle emozioni che ti percorrono la schiena, nonostante tutto anche io ne provo. Forse fin troppo E questo mio continuo stato di disagio, d’ansia, di malessere part-time non mi ha mai permesso di far sapere alle persone quel che provo per loro.
E’ confusione, sicuramente indecisione, probabilmente incapacità .

Ci sono riuscito solo con una persona, così apertamente, senza troppi freni o inibizioni.
Ora tu sei la seconda.
Non è un grosso risultato, apparentemente, ma per me lo è.

No, non sto parlando d’amore.
Sto parlando d’amicizia, quella vera, quella di cui non ti libereresti mai, quella che non riusciresti mai a scordare. O a rompere.

Mi ricordo i tempi in cui ero ancora bambino: mi posero nella situazione di scegliere tra l’amico con cui sono cresciuto sin dall’asilo e l’amico vicino di banco alle elementari. Con entrambi mi divertivo un mondo, ad entrambi volevo un bene dell’anima. Eppure dovevo scegliere, i loro due caratteri risultavano essere inconciliabili. Ed eravamo tutti e 3 soli, senza amici, se non noi.
Non volevo scegliere e non l’ho fatto. “Usciamo in tre, che c’è di male”. Pensavo.
Mi ricordo anche il pensiero di due minuti prima dell’uscita “che bello avere degli amici”.
Era effettivamente bello. Finchè non hanno litigato. E mi ritrovai a scegliere per forza, colpa di un pallone, colpa della gelosia, colpa della fiducia nell’amicizia.

E’ da quando mi sono pentito di aver allontanato quell’amico (quello d’infanzia) che non ho più avuto fiducia nell’amicizia.
O forse ho sempre avuto paura di dire nuovamente “che bello avere degli amici”. E perdere tutto. Ancora.

Per un pallone o per la politica: nessuna delle due motivazioni regge davanti ad un amico.
Ma lo riconosco soltanto ora.

Mi nascondo dietro il mio muro d’orgoglio fatto di tante parole, di tanti ideali, di tanta passione, ma resta troppo spesso invalicabile persino da me. Figuriamoci dagli altri.
Dal mio valico tiro la corda, con un pizzico di masochismo, per non so quale motivo. Forse per sentirmi sicuro, accettato, apprezzato. O addirittura disprezzato, ma pur sempre considerato.

Magari arriva un tuo sms e mi spiazza, non so che rispondere, la paura di non sapere cosa dire. Come sempre. O non voler dire nulla in quel modo, perchè adesso ho voglia di dirti tutto qua, tutto quello che non avrei saputo dire a parole o in 160 caratteri.
Come in un assurdo paradosso la paura di perdere un amico, ti porta ad attaccarlo, per essere sicuro che nonostante tutto la sua amicizia resti sempre immutata, per fartelo dire apertamente.

Per tornare bambino e dire: “che bello avere degli amici”.

E anche un po’ vaffanculo. Sì, vaffanculo. Perchè sto qui davanti a piangere come quel bambino, poche persone mi hanno visto farlo, tu stesso che hai vissuto con me anni difficili, mi hai visto farlo soltanto una volta. Finchè non sono scappato in bagno a spaccare una mattonella. E la mia mano.

Si cresce e si capisce, l’orgoglio va tirato fuori in altre occasioni. Non con gli amici.

Tutto questo credo basti da solo a spiegare cosa “realmente mi hai dato”.

Un Buddhista direbbe “ti amo”, da noi è convenzione dire “ti voglio bene”.
Non sono buddhista e non sopporto troppo le convenzioni, ma il concetto è chiaro.
Grazie, amico mio.


Di che reggimento siete
fratelli?

Parola tremante
nella notte

Foglia appena nata

Nell’aria spasimante
involontaria rivolta
dell’uomo presente alla sua
fragilità

Fratelli

Giuseppe Ungaretti – “Fratelli”

Diary of Dreams -- Bird without wings

Commenti 1 Commento »

Referendum, SI – NO – NON VOTO : ma perchè?

di SKA su ControInformazione il 29 Maggio 2005, 09:14

Fatevi la vostra idea. Nessun commento

Art. 48.

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età .

Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.

La legge stabilisce requisiti e modalità per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini residenti all’estero e ne assicura l’effettività . A tal fine è istituita una circoscrizione Estero per l’elezione delle Camere, alla quale sono assegnati seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati dalla legge.

Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.

Links :
Comitato per il Referendum
I Quesiti referendari
Scarica il Testo Legge 40.pdf
Scheda dettagliata sui punti della Legge che andrebbero abrogati

Siti in favore del Referendum
Scheda sulla procreazione dello UAAR
Articolo di Luca Sofri
Dei mezzi filonazisti che dicono sia meglio NON VOTARE

Un unico ed ultimo consiglio : Votate
In una Democrazia Reale dovremmo essere Noi a scegliere per noi stessi e non un manipolo di legislatori che ha la nostra stessa esperienza e conoscenza della materia, ossia Nessuna

Commenti 5 Commenti »

Non votare chi ti dice di Non votare

di SKA su ControInformazione il 26 Maggio 2005, 22:04

Il ragionamento è semplice:
“Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.” […]
“Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge.”
(Art.48 Costituzione Italiana)

E fin qui ci siamo.
Ma allora mi chiedo : questi signori che ci invitano, più o meno cortesemente, a NON votare ad un Referendum Costituzionale, oltre ad essere essi stessi Anti-Costituzionali
come possono poi chiederci di andare a votare per Loro?

Black Flag - Depression

Commenti 3 Commenti »

Sette anni e non sentirli

di SKA su Satira il 25 Maggio 2005, 21:43

Che gioia.
Previti ha preso una condanna in appello a 7 anni di reclusione per il processo Imi-Sir, assolto con forma dubitativa (insufficienza di prove) per il processo Lodo Mondadori. Pacifico 7, Metta 6, Squillante 5, Rovelli 3, Battistelli 2. Bingo!
E in tutto questo si è gridato Gaudio e Tripudio!, il signor Previti, che siede da 11 anni in Parlamento, non ha preso la condanna all’ergastolo perciò non è un delinquente.
Per un processo condannato, per l’altro assolto con insufficienza.
E questi esultano “tesi accusatoria totalmente sconfessata”!

E’ come dire: se fai 2 rapine sei un ladro, se ne fai 1 no.

Ma in tutto questo qual’è la parte veramente comica? Siccome i piccoli gerarchi del regime se non difendono a spada tratta il loro padrone per più di 5 minuti stanno male non hanno saputo far altro che dichiarare :
Previti assolto per Lodo Mondadori = Berlusconi assolto

Ma perchè correre in difesa del padrone quando il padrone in quel processo non era neanche imputato ?

Misteri del Regime.
Vademecum del piccolo imputato:
Processo Guardia di Finanza: prescrizione.
Processo All Iberian1: prescrizione.
Processo All Iberian2: in corso.
Processo Medusa: assoluzione.
Processo Macherio: aministiato.
Processo Mondadori: prescrizione.
Processo Sme-Ariosto: assoluzione e prescrizione.
Processo Lentini: prescrizione.
Processo Telecinco: sospeso.
Processo Fininvest: prescrizione.
Processo Mediaset: richiesta rinvio a giudizio

Mi spiegate, tra l’altro, in tutti i suoi processi quando mai è stato assolto?

Dead Kennedys - Kill the poor

Commenti 1 Commento »

Fascisti su Marte

di SKA su Il Terzo Occhio il 24 Maggio 2005, 20:24

Cari i miei ex neo e post fascisti,
come mai non vedo e non sento nessuna parola dalle vostre bocche dopo l’ennesima rivisitazione del periodo Fascista, della sua totale inconcludenza, ferocia, idiozia e che soprattutto non ha portato altro che morte e distruzione per la Vostra tanto amata Italia?
Forse vi vergognate? Forse come al solito non sapete come rispondere? Ah, ma voi sapete dire soltanto che Mussolini ha fatto tanto bene all’Italia, l’ha bonificata, ha portato le pensioni, ci ha arricchito. Certo, certo. Ma chi l’ha bonificata l’Italia, i Fascisti? No, solo le braccia dei nostri nonni mentre i fascisti guardavano, ridevano e davano ordini. Per chi erano le pensioni? Per tutti? Ops, erano solo per quelli che NON votavano contro. Ci ha arricchito? Espropriandoci di tutto? Anche delle pentole in rame.
image
Il suo unico errore è stato allearsi con la Germania.
Vi affaticate tanto a tirare fuori i libri, i film, anche le mutande se fosse possibile, per dimostrare quanto orripilanti siano stati gli “altri” regimi e non avete neanche il coraggio di ammettere che il Vostro Duce non ha fatto altro che il didascalico “Armamioci, e partiTE”.
I film servono, talvolta, a ricordare che uno come Galeazzo Ciano si è ribellato al Regime per non far cadere l’Italia in quel disastro futuro che è stata poi la guerra. E’ stato fucilato. Ed era fascista.
Vi preoccupate tanto di mettere le banderuole a mezz’asta perchè degli Italiani sono stati ammazzati ferocemente da partigiani NON Italiani. E per gli Italiani fucilati dai fascisti Italiani?
Per loro non conta, sono morti per la patria. Loro.

… Perchè lui era forte, di lui manteniamo i busti in bronzo dentro casa, andiamo a Predappio a rendere onore a quell’eroe che era a capo di un regime che ci ha svuotato di tutto. Per prima la libertà .

Ma sì, ma sì. I partigiani erano cattivi…i partigiani hanno fatto le foibe, i comunisti qua i comunisti là …ma dite un po’ quel che cazzo vi pare.

Parlare dei Comunisti non vi esimerà dalle vostre responsabilità , sì perchè VOI che avete i busti di Mussolini in casa, Voi che ancora vi dite Fascisti, Voi che ancora difendete il Fascismo con lo specchietto per le allodole degli altri Regimi.
Voi, non siete altro che complici

CSI - Linea Gotica

p.s. E chi ha letto il post su Cuba abbia l’accortezza di non ripetere le solite menate sui comunisti ed il solio blablabla. Ogni cosa al suo posto.

Commenti 6 Commenti »

Anche io, come lui, mangio Pane e Cicoria

di SKA su Satira il 23 Maggio 2005, 18:44

“Berlusco’, ma perché cell’hai co mme? Ma io sto a lavorà per te! Mannaggia l’ingrato, ahò! Sò cinque anni che te portamo l’acqua cole recchie! Ma che ce voi pure ‘a scorza de limone? a Berlusco’! Me fa rabbia, ahò! Tutti a dì che in cinque anni nun avemo fatto niente. Ma in cinque anni de centrosinistra manco t’avemo toccato le televisioni. Nun te piaceva Prodi? Tre l’avemo mannato a l’estero, tac, trappolone, mannace ‘na cartolina da Bruxelles! Questi sò fatti… Ma perché sei così ‘ngrato? D’Alema la prima cosa che fa è annà a Mediaset a dì che è ‘na grande industria culturale e che te sei ‘n grande statista europeo, e pubblica tutti i libri co la Mondadori. Bossi faceva er drogato? Se lo semo pijati noi, te l’avemo disintossicato e te l’avemo ridato co la garanzia, ahò! Te dava fastidio Veronesi che nun piaceva ar Santo Padre? Te l’avemo isolato, nun se candida più: perché noi er Santo Padre l’anticipamo, nun ce deve manco telefonà . Berlusco’, ma che c’ho che nun te va? So troppo arto? Me sego le gambe! Ma che devo fa, Berlusco’? Tutti te volevamo bene, ma che voi de più, ahò! Sei n’ingrato! Sei ‘n padrone cattivo! Noi se semo fatti in quattro per te, Silvio, nun t’avemo mai chiesto li straordinari, manco li sabati e le domeniche, pè te, ahò! Pè fatte stà tranquillo sula barca. Gnente, ahò! A me me frega gnente, mo’ vado a Bruxelles. Ma me dispiace pè tanti omini onesti de l’Ulivo che hanno lavorato e lavorano pè te… Er Paese nun è de destra e manco de sinistra: er Paese è de Berlusconi! Io nun so chi vince ‘sto conflitto elettorale. Posso dì sortanto ‘na cosa: che, se vince Berlusco’… Berlusco’, ricordate de l’amici! Ricordate de chi t’ha voluto bbene!
(Corrado Guzzanti interpreta Francesco Rutelli, “L’Ottavo Nano”, 2001)

“Per tre anni ho tirato la carretta, ho mangiato pane e cicoria per consegnare a Romano Prodi un centrosinistra capace di vincere. Questa è la nostra realtà unitaria. Questa è stata la battaglia di anni. La Margherita è una forza al servizio di una forza più grande e se quel progetto unitario più grande esisterà , sarà soltanto se la Margherita sarà una forza vera”
(Francesco Rutelli, 19 maggio 2005)

Mr. Bungle - My Ass is on Fire

Commenti Nessun Commento »

Cuba: e questa è la Rivoluzione?

di SKA su ControInformazione il 22 Maggio 2005, 08:31

L’arresto e la conseguente espulsione dal territorio Cubano di due giornalisti italiani, Francesca Caferri (Repubblica) e Francesco Battistini(Corriere della Sera), riaprono le polemiche ed i legittimi dubbi sulla politica di Regime instauratasi nella piccola isola dopo la fantomatica Rivoluzione.
Non sto ad entrare nello specifico, ma questa sarebbe la Libertà ? Nel nome dell’Anti-Imperialismo ?
No, no è soltanto un altro Regime che si fregia indegnamente della dicitura di Comunismo. Così come tutti i maledetti regimi che hanno usato il loro blaterio anti-imperialista, rivoluzionario, chiusi-all’esterno, NOI siamo la verità . NOI sappiamo cos’è meglio per Voi.
Anzi, siccome lo sappiamo Noi vi togliamo dall’impiccio di pensare.
E’ evidente che se soltanto ci provate, ne pagherete le conseguenze.

E’ strano vedermi scrivere queste cose? Sono improvvisamente diventato un fascista? Un filo-americano? Un democratico-bombarolo?
Niente di tutto questo. — Disperazione —

Che ve ne rendiato conto o no, la nostra Testa è autonoma ed indipendente e – incredibile, ma vero – possiamo addirittura provare a pensare da soli! Lo so che è difficile, ma non si chiede mica la Luna.
Non sono gli altri a dover pensare per noi, non sono i clichè, non sono le logiche di partito, non sono gli amici, non sono i profitti, non sono i libri di gente che reputiamo intelligente solo perchè dicono questo di loro stesse.
Pensa da solo

E’ questa la vera Rivoluzione: pensare da soli, scegliere, informare sè stessi per essere informati, avere consapevolezza.
Senza di questi saremmo sempre vittime di un Regime.
Che poi si chiami Democrazia o Comunismo poco cambia…

…you can kill the Revolution, but you can’t kill the Revolutionary…

Tool & Rage Against The Machine - Revolution

Links:
Espulso Battistini, inviato del Corriere
Espulsa Francesca Caferri, inviata di Repubblica
Unione per la Libertà di Cuba

Commenti 2 Commenti »

Offlaga Disco Pax – Socialismo Tascabile

di SKA su KulturaUrbana il 19 Maggio 2005, 15:28

9 pillole narrative da prendere in piccole dosi, prima e dopo i pasti, sono la ricetta del nuovo socialismo da viaggio firmato Offlaga Disco Pax.
image
La cura non ha particolari controindicazioni, si rivolge ai nostalgici degli anni ’70 così come agli attuali ascoltatori che vogliono seguire il nostro tempo con occhio differente, senza i soliti slogan ridondanti ed antiquati, senza astrazioni decadenti e depressive, senza voler essere “alternativi” a tutti i costi, ma in fondo uguali agli altri. Continua a leggere »

Commenti 1 Commento »

Nine Inch Nails – With Teeth

di SKA su KulturaUrbana il 14 Maggio 2005, 08:48

A 6 anni di distanza dal suo ultimo vero lavoro, Trent Reznor torna alla ribalta scardinando il suo silenzio artistico, costellato di tante voci, “rumors” e aspettative dalla stampa e dai fan. E lo fa “con i denti”.image
Ad un primo avviso potrebbe apparire un’opera “facile”, addirittura priva d’ispirazione o per dirla con una bestemmia musicale : “assimilabile”. Ma è forse l’abitudine ad opere eclettiche, traboccanti di idee e sperimentazioni che non riesce a farci apprezzare quello che in realtà è questo With Teeth. Nessuno o pochi paragoni col passato ; ogni lavoro va letto per quello che è, in un determinato contesto storico-sociale nonchè personale dell’artista. Continua a leggere »

Commenti 1 Commento »

Il Regime è uguale per tutti

di SKA su Notizie Commentate il 11 Maggio 2005, 14:13

Se Regime è che lo sia fino fondo, per Dio!
Francesco Giorgino, simpaticissimo conduttore del Tg1, si è perfino permesso di criticare la linea giornalistica “tenuta su alcune notizie”. Avrebbe perfino contestato i fischi tagliati e gli applausi finti. Come se non lo sapesse che al Tg1 quella non è altro che prassi.
Infatti non lo sapeva. Ed è stato sospeso.

Insomma anche Giorgino, che è tutto fuorchè di sinistra, cade nei Diktat Sovietici che hanno portato all’esilio anche Biagi, Santoro, Luttazzi, Sabina Guzzanti e Freccero.

La prossima volta, Giorgino, ricordati che prima di parlare devi tacere.

Notizie Flash :
Ritrovati i soldi del Premio Nobel rubati all’associazione Nobel per la Pace fondata da Dario Fo e Franca Rame.
Magari ho portato fortuna.

No eh?

Offlaga Disco Pax - Kappler

Commenti 2 Commenti »

Io Strago. Tu Stragi?

di SKA su Notizie Commentate il 10 Maggio 2005, 13:43

Come saprete la Cassazione ha confermato la piena assoluzione agli imputati per la strage di Piazza Fontana. Nella stessa sentenza viene decretata la clamorosa beffa, i familiari delle vittime dovranno pagare le spese.
In un atto di civiltà il Governo decide di pagare le spese del processo della strage. Bravi.

Vien da chiedersi : ma il Governo non aveva già pagato per farla la strage?*

citazione di Michele Foresta

Nine Inch Nails -- The Great Below

Commenti 2 Commenti »

Precauzioni per la vecchiaia

di SKA su Il Terzo Occhio il 8 Maggio 2005, 14:23

Di cose strane, assurde e fuori di testa se ne trovano a bizzeffe su internet. Ma questa risale posizioni come una scimmia congolese.

Vorreste sapere come diventerete in vecchiaia?, beh questo sito ve lo permette. O almeno ci prova.
Per la gioia di grandi e piccini ho prestato il mio bel faccione per la causa :

Prima della cura
image
Tra 20 anni
image
Tra 40 anni :°°°
image
Tra 10 anni
image
Tra 30 anni
image
Dulcis in fundo : sono donna!
image
…non è così bello in verità
http://www.ifonlylifewasaspredictable.co.uk/
Gianni Maroccolo & Ferretti - S'ostina

Commenti 4 Commenti »

Soldi, soldi, soldi…

di SKA su ControInformazione il 7 Maggio 2005, 10:26

Queste notizie le posto più per memoria storica che per immediato interesse ad informare. Sono quelle notizie che ti fanno storcere la bocca da una parte in un amaro sorriso e poi dire “tsk, ma com’è possibile”. Invece è possibile

Caso Izzo : scoperti finalmente il movente ed il presunto iter omicida. Nonchè tutta la storia che ha portato a questo. Soldi, come sempre. Maria Carmela Maiorano aveva una piccola eredità di 40mila euro su cui Izzo aveva messo gli occhi e voleva mettere le mani. Trovandosi davanti la ferma opposizione della donna, ha prima seviziato ed ammazzato davanti ai suoi occhi la figlia per poi passare alla madre.
40.000 euro ragazzi. 40.000 euro….

Franca Rame e Dario Fo depredati dei soldi del Nobel: sarà contento il mio amico Faciolo che ha sempre affermato che il
Premio Nobel dato a Dario Fo era una vergogna e che l’attore non è altro che un coglione. Infatti, come coglioni (per loro stessa ammissione) sono stati truffati di praticamente tutto il patrimonio proveniente dal prestigioso premio.
Il momento di storcere la bocca viene ora : quei soldi erano stati totalmente investiti sopra una Onlus Nobel Per i Disabili che ha come scopo l’aiuto diretto alle persone diversamente abili che ne facciano richiesta. In tutto questo interviene il solito truffatore pseudo-lavoratore, che per anni lavora come commercialista (stipendiato), ma senza alcun titolo. Firme false, giri di denaro, conti svuotati. Sempre la stessa storia.
Luciano Silva si chiama, se lo vedete spaccategli la faccia.

Fonti : Repubblica.it
Izzo e l’eredità
Franca Rame: così sono spariti i miliardi del premio Nobel

un p.s. : sembra essere diventata la moda del momento quella di ritirare fuori delitti di anni fa, magari con l’aria di redenzione. Stavolta tocca a Pelosi accusato e condannato a 30 anni di carcere per l’omicidio Pasolini. Dovrebbe riaprirsi il fascicolo chiuso spudoratamente nel ’75.
La giustizia come al solito la si fa in Tv

Diaframma -- Tre volte lacrime

Commenti 3 Commenti »

Chi trova un amico…

di SKA su Il Terzo Occhio il 5 Maggio 2005, 15:00

Bush : Calipari è un eroe amico degli Stati Uniti

Berlusconi : Diversità evidenti, ma l’alleanza è salda

ERGO

Gli americani agli eroi-amici gli sparano amichevoli scariche di mitra.

Noi non sappiamo difendere un concittadino morto in un operazione di Stato perchè bisogna mantenere “salda l’amicizia”.

Strano concetto l’amicizia…

husker du -- something i learned today

Commenti 2 Commenti »

RincoglioNation

di SKA su Il Terzo Occhio il 4 Maggio 2005, 08:53

Un post multiargomentativo, giusto per ricordare che su questa Terra non c’è più posto per qualche briciolo d’intelligenza, e se ce n’è è stata aspirata dal
Folletto.

Piazza Fontana : Alle 16.37 del 12 dicembre del 1969, alla Banca dell’Agricoltura a Milano esplose un ordigno con sette chili di tritolo. Morirono 17 persone, oltre 80 quelle ferite. 3 Maggio 2005, la Cassazione conferma l’assoluzione per i tre neo-fascisti Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi e Giancarlo Rognoni, condannati all’ergastolo in primo grado. Oltre il danno la beffa, per effetto della ricusazione dei ricorsi ora saranno i familiari delle vittime a dover pagare le spese processuali. E’ evidente che quelle 17 persone si sono ammazzate da sole.

Caso Izzo: ne voleva parlare il Faciolo, ne parlo io. Il famoso “mostro del Circeo”, dopo essergli stata concessa la libertà vigilata, torna ad ammazzare. Uccide Maria Carmela Linciano e Valentina Maiorano (14 anni), madre e figlia. Egli stesso ammette la sua colpevolezza ma nega la violenza sessuale, altro capo d’imputazione pendente su di lui.
Io sono per il recupero, ma quando vedi cose del genere viene da pensare : qual’è il metodo per capire che un “delinquente” sia veramente recuperato a termini di legge? Probabilmente non c’è

Legge 106/2004 – Legge Urbani: se non vi va di leggerla questa Legge praticamente obbliga chiunque detenga documenti destinati all’uso pubblico e fruibili mediante la lettura, l’ascolto e la visione ad un deposito legale alla Biblioteca di Roma o Firenze. Di tutto questo fanno parte anche i siti internet. Chiunque abbia un sito dovrebbe quindi mandarne copia alle biblioteche al fine di conservare la memoria della cultura e della vita sociale italiana. Pena 1.500 € di multa.
Fortuna che anche la Biblioteca di Firenze si sia accorta dell’assurdità dell’operazione, esortando a non inviare (su CD o via posta elettronica) copie di siti web alla nostra biblioteca. E’ in costruzione un crawler per l’indicizzazione automatica delle pagine.
Comunque vada, saremo sempre controllati.

Diary of Dreams - Monsters and Demons

Commenti 2 Commenti »

Omesso l’omissis

di SKA su ControInformazione il 1 Maggio 2005, 20:25

Veramente un peccato non essere stato su internet ieri sera, come ogni sera.
L’avrei potuta scoprire anche io quella “magagna” nel rapporto, non perchè sia un genio, ma semplicemente perchè è veramente una stronzata che poteva scoprire anche un bambino con livello-curiosità +2.
Sì insomma, gli Americani spendono miliardi in tecnologia e poi scrivono i rapporti con l’Acrobat… ancora mi viene da ridere.
Selezioni tutto dal .pdf. Copia. Incolla (su word o blocco note) e tutte le parti cancellate appositamente dai Signori Usa compaiono magicamente.
Leggendolo non ci credevo. Ho provato. E’ vero.
Bastava, perlomeno, attivare la funzione che blocca la copia del testo. Probabilmente non sanno neanche cosa sia.

Perchè non far divertire anche voi dunque al nuovo gioco del 1° Maggio? E soprattutto, visto che ci siamo, perchè non mettersi a leggere il rapporto statunitense?

Il rapporto senza Omissis
Il rapporto con gli Omissis

—rettifica del 4 Maggio : a scoprire e pubblicare per primo la notizia è stato un blogger italiano, che riporta la notizia su Macchianera.

P.s. non ho volutamente parlare del contenuto degli “omissis” visto che per quello ci sono i giornali, se siete pigri vi linko alcuni articoli esplicativi

Da Repubblica
La regola delle ‘4 S’ per ammazzare – Ansa
Le verità nascoste dal rapporto USA – Corriere della Sera

il resto è solo copia/incolla. Almeno io mi limito a “citare”

Clan of Xymox -- Cry in the Wind

Commenti 1 Commento »

Sono cattolico, sono uguale a te

di Reverendo SenzaDio su L'ora di religione il 30 Aprile 2005, 07:00

Finalmente un altro pezzo di civiltà si aggiunge alla nostra già sgangherata Costituzione.
La Corte Costituzionale ha infatti dichiarato illegittimo l’articolo 403 del Codice Penale in cui si punisce il reato di vilipendio ad una religione, con l’aumento di pena per chi offende il Cattolicesimo.
Da ora in poi viene cancellata un “inammissibile discriminazione” sanzionatoria tra religione cattolica e le altre confessioni religiose

D’altronde l’assemblea costituente era d’impronta fortemente Cattolica, sia per i famosi patti, sia proprio per il futuro partito che andrà a creare De Gasperi e che tanti danni ha fatto in giro per il Belpaese : la Democrazia Cristiana.
I tempi cambiano, le Costituzioni si adeguano e gli scudi crociati se ne vanno in cantina

Depeche Mode -- Personal Jesus

Commenti 2 Commenti »

Terroristi! Irakeni? No, Usa

di SKA su Notizie Commentate il 29 Aprile 2005, 08:57

Noam Chomsky è il fondatore del Generativismo Linguista, ed è titolare della cattedra di lingue moderne e linguistica al MIT (Massachussets Institute of Tecnology – da dove vengono tutti i Nobel scientifici Statunitensi).

Tempo fa è stato invitato a Bologna, in cui gli è stata conferita la «Laurea honoris causa» ed ha potuto tenere una lezione su Mass Media e Terrorismo.
Lascerò alle sue parole spiegare cosa ha detto :

«Gli Usa sono uno dei principali paesi terroristi ma nessuno può perseguirli per atti di terrorismo internazionale»
nessun mezzo termine…

Sull’Iraq : «nel 1982 il paese fu tolto dalla lista dei paesi minaccia per gli Stati Uniti; all’epoca gli Usa mandavano aiuti militari all’Iraq per supportare l’industria bellica di Saddam, quando l’Iraq fu tolta da quella lista restava un buco e nell’elenco fu messa Cuba che aveva tutte le potenzialità per farne parte. Gli aiuti degli Usa all’Iraq continuarono anche quando Saddam compiva atrocità contro i curdi. Nel 2002 – continua – fu deciso l’attacco all’Iraq perché stava sviluppando armi di distruzione di massa e malgrado il governo abbia ammesso che non era vero metà della popolazione americana continua a crederci, questo dimostra l’efficacia dei media. Il motivo per cui gli Usa creano attraverso questi mezzi una situazione di continua minaccia, è perché negli ultimi 25 anni il potere salariale è diminuito, e il solo modo per far accettare tutto questo alla gente è farla sentire continuamente minacciata, distratta dalle sue preoccupazioni».

Ricordando il duro intervento contro la Guerra di Papa Giovanni Paolo II : «In realtà a Bush non interessava assolutamente, o interessava poco il consenso del Papa alla guerra. Le critiche del Vaticano sono state pressoché ignorate dai media statunitensi. In realtà gran parte di ciò che il Papa ha detto durante il suo pontificato non è stato pubblicato negli Usa, perché le sue prese di posizioni sono state giudicate troppo critiche nei confronti del capitalismo. Voglio dire che quando critica il comunismo va bene e lo pubblicano, ma spesso nei suoi messaggi oltre a criticare il comunismo fa appelli per la libertà e critica anche il consumismo, il materialismo, il capitalismo, la barbarie. Questo fa sì che sia stato praticamente escluso dai media statunitensi».

Dunque i Media Statunitensi sono preoccupatamente controllati, ma quelli Europei?
«L’Europa e gli Stati Uniti – afferma Chomsky – non sono poi molto diversi. Negli Usa la maggior parte dei media sono essenzialmente aziende, corporation, o parte di corporation ancora più grandi. I loro omologhi in Europa, i principali quotidiani internazionali, sono in gran parte aziende che vendono un pubblico privilegiato ad altre aziende e non è sorprendente se l’immagine del mondo che presentano riflette l’interesse degli acquirenti, dei venditori. Ci sono altri fattori, ad esempio i forti legami con il governo. C’è un grande interscambio tra il governo, i media, il mondo economico, il mondo accademico. Esiste una sorta di classe politica in tutti i paesi, circa il 20% della popolazione, attivamente coinvolta in una qualche forma di gestione, politica, economica o accademica dei media e nell’ambito di questa classe ci sono più o meno gli stessi interessi. Voglio dire che condividono ampiamente gli stessi interessi, quelli dei privilegiati che sono al potere e le loro pressioni esterne sui media tendono a condurre i mezzi di comunicazione in una certa direzione».

Nient’altro da aggiungere

Fonti :
Repubblica.it
Disinformazione.it

Faith no more -- Zombie eaters

Commenti Nessun Commento »

Fininvest Vs. Grillo

di SKA su Notizie Commentate il 28 Aprile 2005, 07:17

Alla faccia della libertà d’espressione contenuta nell’art. 21 della Costituzione (che recita “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.” nella sua forma abbreviata) la Fininvest denuncia
Beppe Grillo per un articolo pubblicato su Internazionale intitolato per la precisione Il caso Parmalat e il crepuscolo dell’Italia

Grillo viene denunciato per Diffamazione perchè si parlerebbe dei fondi neri e dei falsi in bilancio della società del Presidente del Consiglio.
Se si va a leggere l’articolo invece si può tranquillamente presumere che il Cavalier RicrescitaMiracolosa si sia stizzito per frasi di questo tipo:

Prima di fondare Forza Italia la dimensione dei debiti di Berlusconi, la sua dimestichezza nel falsificare i bilanci, la sua ragnatela di società finanziarie offshore ricordavano la situazione di Tanzi. Berlusconi confidò a giornalisti come Biagi e Montanelli che l’unico modo per salvarsi era conquistare il potere politico.

Si può dire che è basso, pelato, megalomane e va tutto bene. Ma se metti in dubbio i suoi beni più cari, i guadagni, sguinzaglia i seguaci avvocati.

La nuova concezione di libertà d’espressione : puoi dire ciò che vuoi finchè non ti impicci dei fatti miei.

———————————————-
Fonti :
Il sito di Beppe Grillo
Lo “scandaloso” articolo denunciato
Grillo-Fininvest, show in Aula

Joy Division - Transmission

Commenti Nessun Commento »

Il Bis non s’ha da fare, o sì?

di SKA su Satira il 26 Aprile 2005, 22:01

“Non si tocca niente nel governo e nel programma”. (Silvio Berlusconi, 5 aprile 2005)

“Questa storia del Berlusconi bis mi pare una vera buffonata, e io non faccio il buffone”.
(Silvio Berlusconi, Corriere della sera, 14 aprile 2005).

Forse invece farebbe meglio a cambiare mestiere…
——————————————————————————————————————
AUGURI FACIOLO!
lo stereotipo prevederebbe l’augurio di altri 100 giorni come questo. Ma non mi sembra davvero il caso. Mi auguro soltanto che questo giorno possa siglare l’inizio di una nuova pagina, che scriverai tu di tuo stesso pugno.
Auguri amico mio.

… notare la tempestività dell’orario

The Cure - Boys don't cry

Commenti Nessun Commento »


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.