Tav-ti Saluti

di SKA su Satira il 14 Febbraio 2006

Oggi è S.Valentino e non me ne frega una mazza.
Tanto per dire.
Quello che provo lo dico ogni giorno dell’anno, non c’è bisogno che me lo dicano una multinazionale o la Tv.
Chiuso il discorso.

Ero venuto per parlare d’altro, ma ho appena visto che Beppe Grillo mi ha rubato le parole
Ormai ci sono e ribadisco il concetto.

Ha ancora senso che il Comitato NO-TAV protesti in maniera così decisa e massiccia, se poi Prodi mette già le mani avanti dicendo “La TAV si farà , punto e basta.
Punto e Basta?

Ma una volta la sinistra non era quella che ascolta i cittadini ?
Che si occupa di problemi sociali?

Caro Prodi, stai iniziando a far di nuovo cazzate ancor prima di andare alle urne?

Stanotte ho sognato tutti gli esponenti della sinistra e tutti gli esponenti della destra gozzovigliare all’interno di una casa comune con vino e puttane.

Stamattina svegliandomi ho realizzato di aver sognato La Fattoria degli Animali di Orwell.

Vorrete scusarmi per lo sconveniente paragone.
Mi rivolgo ai porci, ovviamente.

PGR - Ah! Le monde
Share

2 Commenti a “Tav-ti Saluti”

  1. Commenti Stefano Fiaschi → http://www.fiaschi.org

    In realtà , comprendo benissimo Prodi. Il corridoio cinque è un progetto che la Comunità Europea porta avanti da più di un decennio, io non so quanto sia utile questo traforo, quanto porebbe essere utile, invece, ammodernare le linee esistenti, ma so che in Italia ogni opera di forte impatto viene bloccata per le proteste degli “indigeni”. Se vogliamo discutere pragmaticamente sul TAV, io sono pronto a farlo e forse sono anche contrario ad esso.
    Ma mi pare che a protestare si vedano solo No-Global che, come liceali a novembre, protesterebbero anche contro il Po, perché scorre troppo in fretta, e cittadini che, comprensibilmente, non capiscono perché questa patata bollenta la debban’ prender loro.
    Le patate bollenti qualcuno deve pur prenderle e compito di chi governa è proprio quello di mediare con le amministrazioni locali perché queste opere si facciano.
    Ovvio che non parlo solo di TAV in val Susa, ma parlo anche di TAV Firenze-Bologna, di discariche, di inceneritori, e centri di smaltimento rifiuti speciali.

    Poi se vogliamo dare retta a Grillo, il TAV non ha senso, perché non ha più senso spostarci, discariche e inceneritori non hanno senso perché non ha più senso buttare, etc.
    Probabilmente la direzione che ci indica è quella giusta da seguire, ma si parla di direzione, non di realtà , nella realtà servono Treni, autostrade, discariche e centri di smaltimento, che qualcuno deve pur prendersi, in tutta sicurezza, sia chiaro.

  2. Commenti SKA → http://www.terzoocchio.org/

    La questione non è tanto dar retta a Grillo, personalmente ho soltanto concordato sulla visione globale che vede CDL ed Unione totalmente ciechi davanti al problema posto dai cittadini. Che non sono tutti No Global ignoranti.
    Credo che la cosa più sensata sia quella che hai anche detto tu in conclusione : se l’opera è realmente necessaria, si apra una discussione sui reali rischi legati ad amianto, uranio ed impatto ambientale, ed assicurare totale sicurezza.
    I Diktat non servono a nessuno, soprattutto di questi tempi.

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime