Lettera fuori dalla massa

di SKA su La dimanche des crabes il 11 Novembre 2007

Caro K.,
ti scrivo per esprimerti un mio personale disagio.
In questi giorni l’argomento principale di dibattito in internet, sui giornali e checchè se ne dica anche nelle televisioni è stato l’ormai plurinominato VaffanculoDay organizzato da Grillo ed il suo staff. Nei giorni passati mi sono lasciato un po’ prendere la mano nell’esprimere la mia personale contrarietà ad una manifestazione di piazza e di massa come questa, aggiungendo anche qualche obiezione in riferimento al testo di legge integrale (non la sua sintesi) che poco condivido e che potrebbe avere dei profili in violazione di trattati internazionali.
Nei commenti mi viene scritto, da un blogger che stimo profondamente (JP), che no, non ci sarebbero profili di incostituzionalità.
Va bene, mi fermo qua, ho ammesso di non essere un giurista e di non poter andare così nel profondo di una legge.

Nonostante nel passato abbia sempre cercato di partire da testi di legge, li abbia analizzati nello specifico, perdendo anche giornate intere per tentare di portare qualche possibilità di informazione in più. Poi ti senti dire che “non hai mai letto un bando di concorso” che “fai pena” che “sei qualunquista” e un po’ ti viene da ridere, ma poi ti viene da starci un po’ male.

La coerenza con le proprie idee è l’ultimo baluardo per continuare a fare quel che si fa, per non cadere nel baratro dei voltagabbana che pensano a comando o semplicemente per interesse. Perciò non desisto.

Però mi dispiace che alcune parti del mio pensiero sul V-Day siano state lette come affini alle parole di gente come Fini, Bossi, Craxi (Bobo), Casini ed altra gente che avrebbe fatto molto meglio a starsene zitta ed ignorare il V-Day come hanno fatto altri.

Loro però hanno un motivo, un interesse per esprimersi contro Grillo: debbono difendere i propri interessi di casta, gli interessi di un’oligarchia che spesso e volentieri nessuno del popolo ha scelto. Una completa distorsione di quello che dovrebbe significare Democrazia, ossia sovranità popolare. Che è solo un significato formale, il significato sostanziale è tutt’altro.
Il popolo non è sovrano, è suddito.
Il governo non è retto dal popolo, è retto da una circostanziata oligarchia.
Il governo non è scelto dal popolo, non è scelto dal singolo cittadino – one man, one vote – è scelto comunque da un voto organizzato. Dai partiti.

Qui invece io non ho nessun interesse da difendere, neanche consociativo. Sono solo, come lo siamo tutti davanti allo Stato.

La brevità dello spazio disponibile su un blog prima che il lettore si stufi di leggere obbliga sempre ad una sintesi del proprio pensiero, spesso quindi non si riesce ad approfondire e si lasciano dei messaggi fraintendibili ed ovviamente criticabili, come qualsiasi parere. Almeno la libertà d’espressione ci è garantita, perlomeno in uno spazio indipendente e libero come il mio.

Non credo nei partiti e non ho alcuna intenzione di parteciparvi.
Così come credo nel completo fallimento del progetto “liberaldemocratico”, la Democrazia, che si è imposta come forma di governo verso cui tutti gli Stati dovrebbero aspirare e se non lo fanno da soli, che lo imparino con la forza.
La Democrazia è diventata una nuova religione, una nuova concezione teleologica applicata ad una forma di governo. Pensatori come Popper accostarono la Democrazia alla Ragione, quella pura diciamo, e pur negando qualsiasi finalismo storico descrive la Democrazia come lo scopo cui deve tendere l’umanità intera.
Tutte le forme di governo del passato, antiche monarchie in cui il popolo ubbidiva al Re per devozione e non per schiavitù, le aristocrazie che si basavano sulla meritocrazia, il feudalesimo, e soprattutto le dittature pensavano di sè stesse ciò che pensa la Democrazia. “Il migliore dei governi possibili” e verso cui la natura umana dovrebbe tendere. La Democrazia, a confronto delle prime 3 elencate, non è di certo migliore.
E’ solamente il modo migliore per far credere al popolo di essere libero.

In Democrazia la pace interna è auto-conservazione, e quindi necessaria. E’ una pace utilitaristica, più che una pace raggiunta con l’evoluzione del pensiero umano. A nessun governo interessa far scatenare guerre interne, soprattutto perchè è lo Stato a detenere il potere della violenza legalizzata. Il cittadino è svuotato perfino della possibilità di potersi ribellare con la forza, la ribellione naturale degli animali in gabbia, per paura di ritorsioni da parte dello Stato.

La Democrazia è un metodo, un contenitore, non è un valore in sè e non propone alcun valore.

Ti giuro caro K., tutto ciò che ho scritto è importante.
Criticare Grillo ed il V-Day non significa credere ciecamente nello Stato, nei partiti e negli oligarchi.

Significa esprimere una reale paura.
L’Italia ed il mondo hanno già vissuto esperienze di piazza in cui un singolo personaggio carismatico lancia i suoi proclami dall’alto, messaggi facili da comprendere per il popolo, facile propaganda per le masse. Il carismatico proclama, urla, fa le sue pause per accogliere gli applausi.
La folla esulta, acclama, grida VivaViva. E’ agghiacciante.

Nel 2007 si può dire, non possiamo di certo nascondere la testa sotto la sabbia ancora, ma anche Mussolini ha vissuto lunghi anni di consenso.
La storia successiva ha tentato di deviare il discorso, ma è ormai un fatto assodato che per lunghi anni il consenso ricevuto era per lo più reale e non imposto. Non sto difendendo il Fascismo e non sto dicendo che tutta l’Italia desse il suo consenso, anzi.
Ma una buona fetta scendeva in piazza, ad applaudire, a gridare, ad annuire ai proclami di forza del proprio Duce. Volontariamente. Credendoci per davvero.

Bisogna diffidare sempre dall’accentramento del potere su di Uno. Soprattutto se si proclama portatore della Verità. Se inneggia, se fa propaganda.
E non mi si venga a dire “200.000 voti li chiami populismo?”. Il populismo viene prima, il populismo è propaganda rivoluzionaria, l’azione quindi viene dopo che si è stati convinti.
Anche Hitler è stato votato con regolari elezioni, ve lo siete dimenticati?

Amico mio, questo significa pensarla da qualunquisti?
Significa, secondo te, dire “tanto non cambierà mai niente” oppure “è tutto un magna magna” “fa tutto schifo”?
Non lo so caro K., ma non credo. Altrimenti non sarei qua a rodermi il fegato o a spulciare libri, leggi e l’intera rete per tentare di dare qualcosa.

Questo per me significa non accettare che qualcuno, tantomeno Uno, mi dica ancora come debba pensarla.
Lo slogan di terzo occhio è “Pensa da solo, sii fonte di domanda”. Ed io mi pongo costantemente delle domande, per primo su me stesso. E provo a pensare da solo, ovviamente a rischio di sbagliare.

In Italia non siamo abituati a pensare da soli. Abbiamo sempre bisogno di qualcuno che ci dica come-dove e perchè.
Pensa all’ironia: per ascoltare i suoi proclami il Duce neanche faceva pagare il biglietto. Così, per dire.

Ecco caro K., io credo che qualcosa cambierà invece. Anche in maniera quasi spontanea, la Democrazia, come tutte le forme di governo del passato, è destinata ad implodere. Che sia per l’avvento di qualche causa scatenante o per l’arrivo di un nuovo capo-popolo che riesca ad accentare su sè stesso i malcontenti del popolo verso la politica e la classe politica.

Credo nei Movimenti, quelli con la M maiuscola, e non le mobilitazioni di massa. Quei movimenti organizzati che funzioni da-molti-a-molti e non da-uno-a-molti. Capisci cosa intendo?

Non smetterà mai di chiedere giustizia, legalità, onestà e libertà, quella vera, in ogni sua forma.
Non è libertà quella che ti chiede di scegliere tra 2 candidati l’uno specchio dell’altro.
Non è libertà quella che ti fa scegliere tra 4-5 marche di cellulari, è sudditanza.

Continuerò a pensare tutto questo, nonostante vengano a dirmi che faccio schifo, che faccio pena, che sono una capra ignorante ipocrita ed opportunista. Perchè non è così, perchè porto avanti un pensiero sino alla fine, perchè non ho proprio niente da cui trarre vantaggio.

Continuerò a fare quel che faccio. Ma da solo, o assieme a qualcuno con gli stessi obiettivi.

I capipopolo mi danno l’orticaria.

Con affetto
Fabio

Update
Leggere il post Il cosa e il come di Daniele Luttazzi.
Una ventata d’aria fresca. Ora mi sento meglio

Share

9 Commenti a “Lettera fuori dalla massa”

  1. Commenti Anonimo

    Ripeto ancora una volta: questo esibizionismo di Grillo non è mai andato giù. In principio le idee erano buone ma il Grillo mi dà l’impressione di averci preso la mano e di aver preso dalla sua parte molti consensi.
    è diventato da semplice opinionista a leader carismatico : guarda quà il risultato per aver criticato un suo “meeting”.
    la folla è femmina e forse il Grillo sa come sedurla: finora c’è riuscito bene!

  2. Commenti Anonimo

    In effetti, credo che sia lecito criticare e criticare la critica. Certo, quello che sorprende poi, è la mancanza di autocritica, cosa che in questo blog, invece c’è. Poi non capisco la rabbia che della critica fa uno strumento di offesa. Dietro a un Pc, o in piazza quelle che contano sono le idee sia che siano condivisibili o meno.
    Almeno credo.

  3. Commenti Anonimo

    Cavolo questo si che significa parlar chiaro:))

  4. Commenti SKA → http://www.terzoocchio.org/

    Mi sono posto la stessa medesima domanda JP.
    Nonostante l’idea delle liste civiche slegate dai Partiti sia assolutamente condivisibile, non credo possano esistere delle “Liste Beppe Grillo” senza un apparato principale a coordinare decisioni, strategie e programma politico. Il che li fa diventare, di per sè, sottostanti ad un unico partito di riferimento.

  5. Commenti Tetris

    Solo da poco sono entrato nel mondo dei blog ma ho imparato già molto confrontandomi e “ascoltando” (dovrei dire leggendo) le varie opinioni, peraltro tutte fuori dal coro mediatico, come non avevo mai fatto.

    Per qualche comento irrispettoso (del pensiero altrui) non avevi bisogno di giustificarti. Noi abbiamo capito la tua critica: magari qualcuno penserà che è un’esagerazione, o forse il Terzoocchio ha la vista lunga.
    Più di quanto possiamo immaginare.

  6. Commenti Anonimo

    “fuori dalla massa” significa non essere tra i 300.000 che hanno partecipato al v.day?

    ma non sono forse “massa” i 50 milioni di italiani che non hanno partecipato all’iniziativa???!!!

  7. Commenti Anonimo

    Da sempre non mi è mai piaciuto il Grillo…L’ho sempre visto come un rompiballe! (mi sembra ke poi volesse apparire in quel modo)…Ora ha fatto qlkosa, qlkosa ke potrei fare anke io domani: pensare una legge, stampare volantini, raccogliere firme e portarla in parlamento attendendo poi la sua approvazione o meno! Grillo ha clikkato su un link (tanto per utilizzare un termine “internettiano”) della democrazia accessibile a tutti commettendo nessun tipo di crimine…Il problema, come giustamente fai notare tu, è ke è stato poco kiaro nel pubblicizzare il testo della legge, utilizzando una tecnica comune a tutti quelli ke fanno della buona politica; ed infatti, come succede poi nella politica di Prodi e Berlusconi (per intedere il livello,con questo non voglio insinuare niente di particolare), arriva la massa dei “volponi” -nomignolo ironico e benevolo che si usa dalle mie parti per indicare un soggetto non troppo sveglio- ke, ad okki kiusi, grida “Viva Viva” o “Vaffa Vaffa” a seconda delle situazioni, ma ke poi rappresenta solo lo 0,4% della popolazione intera…
    Tutto questo pensiero confuso, o come dici tu Ska, a mo’ di “flusso di coscienza” senza punti, l’ho scritto per dire cosa:
    1. Paragonare Grillo a Mussolini è un po’ azzardato…Anke se passabile.
    2. Non credo ke questa legge vada avanti per motivi di interessi evidenti (non voterei mai per una legge ke mi allontani dal mio posto di lavoro).
    3. Non devi kiedere scusa o cmq motivare i tuoi discorsi a gente ke mette i “paraocchi&orecchie” e nn vuole accettare un pensiero differente dal proprio.

    Vabbè…concludo dicendo ke personalmente non ho firmato, non credo ke passi la legge popolare, e ke sta storia DEVE andare nel dimenticatoio…soprattutto quando in Italia (finalmente) si è scoperta la falsità dei test delle facoltà mediche, e quindi la decadenza della credibilità di un mestiere molto importante. Soprattutto quando gli’USA (e speriamo getta) ritornano sui propri passi di guerra. Soprattutto quando succedono altre cose più importanti di un semplice V-Day ke si permette di miskiarsi con il D-Day…Ora magari mi verranno anke a dire ke sono qualunquista! Ciao Ska…

  8. Commenti Anonimo

    Questo meraviglioso post m’era sfuggito, cazzo.

    Adesso ho capito perchè hai detto che la genetica non mente.
    Siamo particolarmente in sintona ‘sto periodo 🙂

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime