Un altro Pacs indietro

di SKA su ControInformazione il 22 Agosto 2006

La Senatrice cattolica Paola Binetti (Margherita) afferma al Meeting di Comunione e Liberazione queste testuali parole :

“I Pacs non sono all’ordine del giorno per l’attuale governo: non c’erano nel programma e non si faranno, anche nonostante le affermazioni rese a titolo assolutamente personale da parte di alcuni ministri e di esponenti della maggioranza”

La CDL, ovviamente, applaude.

Bisognerebbe però andare a Pag. 72 del Programma dell’Unione per fugare ogni dubbio :

L’Unione proporrà il riconoscimento giuridico di diritti, prerogative e facoltà alle persone che fanno parte delle unioni di fatto. Al fine di definire natura e qualità di un’unione di fatto, non è dirimente il genere dei convi venti né il loro orientamento sessuale. Va considerato piuttosto, quale criterio qualificante, il sistema di relazioni (sentimentali, assistenziali e di solidarietà ), la loro stabilità e volontarietà .

Non si parla di PACS, ma di Unioni Civili.
Perfino Mastella riesce a capire che sono la stessa cosa.

Qualcuno spieghi ai Sig.ri dell’Unione che quando si scrive un programma ci si dovrebbe attenere al proprio, non a quello degli altri.

Dio, patria e famiglia!

Link:
Il Programma dell’Unione (.pdf)
Pacs, Binetti : “Non si faranno” (Repubblica)

Share

2 Commenti a “Un altro Pacs indietro”

  1. Commenti Federico → http://federicoinblog.splinder.com/

    La Binetti è una furbacchiona infatti. Sa benissimo cos’è contenuto nel programma che lei stessa ha sottoscritto, solo che si trovava al convegno di CL e allora meglio giocare con le parole. Nel programma non si menziona la parola “pacs” e quindi lei si è sentita candidamente di dire che no, in effetti, non rientrano nel programma questi “pacs”, dio ce ne scampi.

    Nel programma si parla di qualcosa di molto simile, un pò annacquato ma comunque riconducibile ai pacs. La Binetti lo sa bene, ha solo voluto fare un giochetto di prestigio per tenersi buona la platea di Rimini. Mi duole constatare che il tentativo è miseramente fallito perchè la senatrice s’è beccata più di un fischio, un “Giuda” e una manciata di “buu” dalla cristianissima platea ciellina.

  2. Commenti fash

    a questo punto se determinati soggetti sono alla maggioranza, c’è da dire veramente chi c***o abbiamo/avete/hanno votato o perchè determinati soggetti non si leggono il programma prima di schierarsi e di candidarsi.
    ah, la pagnotta, ecco il perchè!

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime