Libertà di Stampa 2006 part 2 : Freedom House

di SKA su ControInformazione il 2 Febbraio 2007

image
Come promesso qualche mese fa riporto il nuovo rapporto sulla Libertà di Stampa di Freedom House inerente al 2006

La notizia l’avrete già letta da qualche altra parte, ma è sempre poco.

In quel post scrissi che non ci sarebbe stato da essere molto fiduciosi

Ed infatti non è che la nostra posizione sia migliorata, anzi, è peggiorata!

Breve riepilogo:
2002 : 41° (Free)
2003 : 37° (Free
2004 : 74° (Partly Free)
2005 : 77° (Partly Free)
2006 : 88° (Partly Free)

Come ogni anno, andate sul sito di Freedom House se volete leggere le motivazioni

In breve
Ciò che ci fa considerare Parzialmente liberi è :

– la stratosferica concentrazione di potere mediatico nelle mani di un privato : circa il 90% dell’industria mediatica ed informazione.

– La Legge Gasparri e la Legge Frattini che hanno aumentato la concentrazione, andando contro le norme anti-trust.

– La cacciata di Santoro per cui la Rai ha subito una condanna dal Tribunale di Roma, la perquisizione al Corriere della Sera.

– Controllo ed influenza di 6 su 14 canali televisivi da parte di un privato.

– Monopolio di fatto sugli introiti pubblicitari nel 2004 (58% Mediaset, 28% Rai)

– Legge antiterrorismo del 2005 che consente il controllo dei contenuti su Internet.

Ma come si fa ancora a credere alla parola Libertà , soprattutto se c’è chi la usa a sproposito?

Non è la libertà che manca, mancano gli uomini liberi.

Devo - Freedom of Choice
Share

6 Commenti a “Libertà di Stampa 2006 part 2 : Freedom House”

  1. Commenti Fash

    Lui direbbe che siamo messi meglio di Iraq e Iran…

  2. Commenti justfrank → http://justfrank.netsons.org

    …e diciamolo, anche la Rai che è ancora una TV governativa che fa dei telegiornali governativi.
    Telegiornali che, per far un favore all’amico Rutelli per tenere a bada l’onnipresente-onniparlante Ruini, hanno dato ieri un insolito risalto ad un episodio di violenza domestica avente come protagonisti un bimbo e il convivente della madre ( PACS = MALE !!! ).

    Nonostante l’enorme ingombro politico-mediatico dell’arcoreo cavaliere, non è Berlusconi il primo problema di noi poveri italiani…

  3. Commenti SKA → http://www.terzoocchio.org/

    Ho riportato la sintesi del rapporto sulla Libertà (presunta) di Stampa, Frank 🙂 Per l’analisi politica dei problemi dell’Italia ci ritroviamo qui per un’analisi approfondita.
    Basta analizzarli uno per volta 😉

  4. Commenti justfrank → http://justfrank.netsons.org

    Beh, tutti i punti elencati sotto la voce

    “Ciò che ci fa considerare Parzialmente liberi è :”

    Riguardano in un modo o nell’altro tutti il Cavaliere. Non per difenderlo, ci mancherebbe altro, ma troppi a sinistra hanno inquadrato lui come “unico problema italiano”, quando i veri guasti sono forse altri e, come direbbe qualcuno, “strutturali”.

    Intanto, il Governo Prodi liberi la Rai dal giogo della politica, come aveva promesso: questa si che è una riforma strutturale 🙂 ( che ci farà fare balzi in avanti nelle varie classifiche della libertà di stampa )

  5. Commenti SKA → http://www.terzoocchio.org/

    Forse mi sono spiegato male, quei punti sono la sintesi del rapporto di Freedom House, non sono miei pareri personali ne quelli della sinistra italiana 🙂 Per evitare l’incarfinicazione del male in Berlusconi, non l’ho neanche nominato, guarda un po’ 🙂

    Se vuoi una conferma, leggi il rapporto di Freedom House sull’Italia. Ah, Freedom House non è nè di sinistra nè comunista, stila rapporti indipendenti per tutti i paesi : penso gliene freghi meno di niente di essere faziosa nei nostri confronti

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime