Grande Fratello Silvio

di SKA su ControInformazione il 20 Gennaio 2006

Ha ragione chi parla di bulimia televisiva del Presidente del Consiglio.
Ha ragione anche chi parla di invasione o guerriglia mediatica, perchè è evidente.

Ma il fatto di vedere solo lui e le sue chiacchiere, porta all’istintivo riflesso di non parlare d’altro.
Si occupa più spazio possibile per non parlare di nient’altro.
Che ne so, magari per non parlare più delle dichiarazioni inutili alla magistratura sul Caso Unipol.
O per non far parlare delle accuse ancora pendenti di i appropriazione indebita aggravata, frode fiscale e falso in bilancio.
O per non parlare dell’invito a comparire per rispondere della corruzione giudiziaria del teste David Mills recapitatogli mesi fa, a cui non ha mai risposto.
O per non parlare delle presunte tangenti versate ad Alemanno da Parmalat

O magari, ma proprio in conclusione, per non parlare del controesame nell’aula bunker di Firenze che vede tra gli imputati Toto “Vasa Vasa” Cuffaro, colui che è definito anche come uomo di Berlusconi, con l’accusa di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra.

Quelli del centrosinistra pur di non dire niente di tutto ciò, preferiscono prendersi le calunnie del Premier e piangere perchè non stanno in Tv.

Ecco, il lavoro del pagliaccio è proprio questo.
Distrarci.

Caparezza - L'età  dei Figuranti
Share

2 Commenti a “Grande Fratello Silvio”

  1. Commenti Francesco → http://www.ilmiofuoco.com

    Consiglio una canzone a tal proposito SORRIDI dei COLLE DER FOMENTO:

    Sorridi
    ma tu vuoi tutto e subito
    Sorridi
    tu vuoi soltanto un pubblico
    Sorridi
    tu vuoi che manco giudico
    Sorridi
    tu vuoi che manco dubito
    Sorridi

    Siamo sul fondo ma tu scavi
    e adesso penso che quasi ce speravi
    e come fosse quello che volevi
    tu al centro dello schermo in mezzo a tutti gli altri scemi…(continua)

    Bella

  2. Commenti Francesca → http://www.terzoocchio.org/

    Siamo decisamente arrivati alla frutta.Che la politica non vivesse uno dei suoi momenti migliori era chiaro a tutti noi.Ma ora mai siamo arrivati alla parodia della pseudo politica.Gli unici che sembrano cantarla un po megli sono i comici nel pieno esercizio del loro lavoro.Gli attuali politici sono solo una maschera sbiadita di loro stessi;vorrebbero proprio fare qualcosa di sensato ma il teatrino è sfuggito di mano a tutti

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime