La legalizzazione dei giochi online di poker e casino

di Camerata Stizza su Shit Propaganda il 28 luglio 2011

Questo post fa parte di una particolare serie legata al gioco d’azzardo

Il 18 luglio sono stati legalizzati in Italia i giochi di casino online, ed il poker cash game. Nel primo caso sono quindi nati i primi casino online aams, casino sicuri, provvisti di regolare licenza per operare nel mercato del gambling del nostro Paese, mentre nel secondo si tratta della modalità di poker diversa dal torneo, nella quale si siede al tavolo non con un buy-in fisso e dei premi in palio in base al piazzamento ottenuto, ma si acquistano le chips per puntare soldi veri, e si vince di volta in volta l’ammontare del piatto, con la possibilità di lasciare il gioco in qualsiasi momento, e questo vale al blackjack come alle future, ancora non disponibili, slot machine online aams.
In Italia però c’erano già moltissimi giochi a premi, come gratta e vinci, lotterie, scommesse sportive, giochi di abilità, slot machine e video poker dal vivo, ed a conti fatti le spese degli Italiani nel mercato del gambling sono alle stelle, e non tutti sono in grado di controllare il proprio impulso ed a giocare in modo responsabile.
Il quadro dei giochi a premi in Italia è ben descritto dal libro di Carlotta Zavattiero, “Lo stato bisca” dove si parla del ruolo ricoperto dallo stato italiano, che dopo aver bombardato la gente con slogan che invogliano al gioco, promettendo vincite facili, ha compiuto un altro passo avanti, con la legalizzazione dei casino online e del poker cash.
Purtroppo alcune persone, una ristretta minoranza al momento, composta soprattutto da chi ha difficoltà economiche, tentano di risolvere i propri problemi giocando, sperando in qualche vincita importante che permetta loro di cambiare vita, senza pensare al fatto che le probabilità di vincere sono tutt’altro che alte, specie nei casi di premi particolarmente ricchi.
“Vincere è facile” recita lo slogan, ma la verità è ben diversa, e di fatto a vincere non sono i giocatori, ma i concessionari, unica categoria che trae veramente vantaggio dal mercato dei giochi; nemmeno lo stato fa un affarone con questo mercato, perché buona parte delle entrate nelle casse dell’erario, vengono poi reinvestite nell’assistenza a tutti quei casi di giocatori problematici, che finiscono per indebitarsi, rubare o sfasciare la famiglia, per colpa della dipendenza dal gioco.

Condividi
  • Facebook
  • email
  • Google Reader
zv7qrnb

I commenti sono disabilitati.


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.