Caccia alle balene

di Kiappone su ControInformazione il 19 Novembre 2007

International – Il Giappone sta per riaprire la caccia alle balene. La flotta baleniera – nascosta nel porto di Shimonoseki – è pronta a salpare per l’ennesimo, inutile massacro. Nel mirino, più di mille balene. Ma, in agguato, c’è la nave Esperanza di Greenpeace. E questa volta sono tre gli attivisti italiani a bordo.
Il Giappone persevera con la caccia alle balene. Anche quest’anno la flotta baleniera giapponese si spingerà nelle gelide acque del Santuario dei Cetacei, in pieno Oceano Antartico, a caccia di balene.
Al Governo giapponese evidentemente non bastano le 4000 tonnellate di carne di balena invendute e ammassate nei magazzini. Nè basta il sondaggio pubblicato dal Nippon Research Centre nel 2006, secondo il quale oltre due terzi dei giapponesi disapprova la caccia baleniera in Antartide e il 95 per cento non mangia mai, o solo raramente, carne di balena.
Il programma di caccia prevede l’uccisione di oltre mille balene. E, tra queste, anche cinquanta balenottere comuni e cinquanta megattere: due specie in pericolo. Il tutto avviene sotto gli occhi dell’impotente Commissione Baleniera Internazionale, che ha inutilmente chiesto al Giappone di fermare il massacro nel Santuario dell’Oceano Antartico.
La nave di Greenpeace Esperanza seguirà come un’ombra gli assassini di balene. Quest’anno, a bordo della nave di Greenpeace ci sono tre attivisti di nazionalità italiana: Caterina Nitto (secondo ufficiale), Gianluca Morini (radio operatore), Simona Fausto (assistente cuoco).

Le balene valgono molto più da vive che da morte. Il whale watching – l’osservazione pacifica delle balene in mare – frutta, su scala mondiale, un miliardo di dollari l’anno.

Nota_L’articolo è ripreso dal sito di Greenpeace. Non me ne vogliano gli amici di greenpeace, ho fatto copia/incolla per diffondere la notizia, a fin di bene…
Con affetto, un vostro affiliato!

Fonte: Greenpeace.org

Share

2 Commenti a “Caccia alle balene”

  1. Commenti Anonimo

    La cosa più assurda è che questo massacro viene giustificato facendolo passare come ricerca scientifica,che stronzata!

  2. Commenti Anonimo

    Le foche, gli orsi, le balene… BASTA! non se ne può più!!

    Ma perchè non le lasciano vivere insanta pace visto che tra l’altro sono animali che non rompono i maroni a nessuno?!

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime