Gioco online e modelli di regolamentazione

di SKA su Notizie Commentate il 18 luglio 2017

Sono alcuni anni che si sente parlare sempre più spesso di gioco d’azzardo, che sia online od offline, collegando la questione ad una sorta di emergenza sociale e sanitaria. Le ludopatie esistono e sono un fattore da tenere sotto controllo con tutte le dovute accortezze, ma vorrei guardare la questione da punti di vista differenti. Nel 2016 il giro d’affari collegato al gioco ha raggiunto la cifra di 95 miliardi di euro, una crescita dell’8% in più rispetto alle cifre del 2015. Questo succede in un contesto normativo sempre più attento ed anche in un contesto in cui si è cercato di fornire strumenti che rallentassero l’ascesa del mercato irregolare.

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano in collaborazione con Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) e Sogei, la spesa riservata al gioco online regolamentato con vincite in denaro in Italia, nel 2016 è stata di circa 1,03 miliardi di euro ed ha un’incidenza del 5,4% sul valore complessivo del gioco. Contemporaneamente le azioni a contrasto del gioco irregolare, una tassazione basata sulla spesa e l’introduzioni di regole a tutela dei giocatori, hanno portato ad un maggiore recupero del sommerso e contemporaneamente ad un conseguente aumento del flusso di gioco, come abbiamo sottolineato nell’introduzione.

Tra le tipologie di gioco in crescita ci sono il settore del Casinò Games (+35%) e quello delle Scommesse sportive e delle scommesse sportive online, che valgono circa 350 milioni di euro. In calo il poker (-5%).
Altro dato significativo che viene sottolineato dall’Osservatorio è che la diffusione capillare degli smartphone ha consentito una crescita del gioco da mobile: nel 2016 è cresciuta sia l’offerta di gioco, sia la spesa generata tramite dispositivi mobili (un +50%, che equivale a 233 milioni). Per le casse dello Stato sono comunque tutti effetti benefici, perché con la tassa diretta si è riusciti ad incassare circa 250 milioni di euro, con un’incremento del +21% del gettito nelle casse dello stato.

L’Osservatorio e ADM sottolineano come la crescita sia provenuta dal contrasto al gioco irregolare, attraverso azioni dirette con la creazione di una lista nera di oltre 6000 siti web, azioni di persuasione nei confronti dei fornitori di software di gioco online a negare i servizi a chi opera sul territorio italiano senza concessione o autorizzazione; adeguamento della tassazione.

Sebbene l’identikit del giocatore italiano resta pressoché invariato il comportamento dei giocatori italiani ha subito qualche mutamento e può essere quantificato in un +15% dei giocatori totali rispetto allo scorso anno: si passa da 1,56 milioni del 2015 a 1,79 del 2016 che hanno effettuato almeno una giocata. Anche l’incremento delle giocate secondo l’Osservatorio è ascrivibile in gran parte agli effetti di contrasto contro il gioco irregolare, consentendo una progressiva migrazione – e relativo incentivo – sui domini con estensione italiana (.it) e quindi più controllati e certificati dall’Agenzia.

L’osservatorio e Adm sottolineano come le azioni di regolamentazione non possano essere un insieme di regole immutabili ed uguali tra loro nell’arco di decine di anni, ma che devono essere oggetto di controlli e revisioni continue per proseguire nell’ottica dell’innovazione e del miglioramento, soprattutto in un settore digital come quello del Gioco Online in rapidissima ascesa ed espansione che non si ferma mai.

 

Share

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.