Bonus mobili 2017: un’occasione per fare arredamento su misura

di SKA su Notizie Commentate il 11 maggio 2017

Quanti di noi hanno dentro le proprie case ed appartamenti mobili acquistati nella grande distribuzione? Tanti, basta alzare gli occhi e molto probabilmente vedrete davanti a voi una Billy o un Besta di Ikea. Spesso però gli spazi sono angusti, spigolosi, provenienti da vecchie costruzioni – o costruzioni fatte coi piedi – e quel maledetto mobile proprio non ci va: siamo sempre costretti ad arrangiarci, con soluzioni creative pur di riuscire a metterci quel mobile che ci siamo montati da soli, armati di santa pazienza e tante imprecazioni.

Un’occasione per poter cambiare un po’ le carte in tavola su questo modo di vivere la propria casa potrebbe essere quello di usufruire del Bonus mobili istituito dal governo. Ma andiamo con ordine.

Il Bonus Mobili è il sistema di agevolazioni che consente la detrazione dall’Irpef – nella dichiarazione dei redditi – il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di arredi o elettrodomestici per un massimo di 10 mila euro. Se spendete 10mila, si possono detrarre 5mila. Facile, no?
Il bonus è entrato in vigore nel 2016 ed è stato rinnovato nuovamente dentro la manovra economica del 2017.

A chi spetta

Spetta a giovani coppie (conviventi o sposate da almeno 3 anni) in cui uno dei componenti non abbia più di 35 anni e che abbiano acquistato un immobile, utilizzato come prima casa. Attenzione però: il bonus mobili spetta solo ai contribuenti che ne usufruiscono – entro il 31 dicembre 2017 – per lavori ed interventi di ristrutturazione iniziati a partire dal 1 gennaio 2016. Rientrando nel discorso “Bonus Casa” significa che per usufruirne è necessario effettuare una ristrutturazione edilizia ed è quindi necessario l’inizio dei lavori preceda quella dell’acquisto dei mobili. Se siete in questa condizione, siete ancora in tempo, perché il periodo compreso è tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2017.

I beni che usufruiscono della possibilità sono mobili nuovi, come ad esempio armadi, cassettiere, scrivanie, divani, letti, credenze, ma anche apparecchi di illuminazione ecc… Questo significa che potrebbe essere finalmente l’occasione per farsi fare degli arredamenti su misura dagli esperti del settore, dato l’effettivo vantaggio economico che se ne potrebbe trarre.
I motivi principali che potrebbero portarvi a questo tipo di scelta, che è indubbiamente più costosa ma qualitativamente decisamente più alta, sono pochi.

L’architettura moderna, per rispondere alle esigenze del mercato, applica regole sempre differenti – a volte più innovative, a volte semplicemente più strambe o lontane dalla tradizione – per sfruttar al meglio possibile la metratura calpestabile delle case. Quella maledetta parete asimmetrica vi dice qualcosa? E quell’angolo?

Ritrovandosi con spazi e forme fuori dallo standard è sin troppo frequente l’impossibilità di affidarsi, con soddisfazione, alle soluzioni di arredo della grande distribuzione. Preferibile quindi commissionare l’arredamento a professionisti e basandosi sulle misure, sulla forma della stanza e sulle reali esigenze.

A volte ci si ritrova invece in case in affitto ingestibili o già ammobiliate, dentro il quale è difficile far entrare qualsiasi elemento di arredo preconfezionato. Anche se il discorso “affitto” non rientra nel discorso bonus, non va comunque sottovalutata l’opportunità di rendere la casa in cui si vive più confortevole (magari per la sopraggiunta di un figlio).

I mobili su misura hanno solitamente un prezzo superiore ai pezzi fabbricati industrialmente, ma la qualità, l’attenzione ai dettagli e alle esigenze specifiche di ciascuno di noi hanno un valore intrinseco ben maggiore.
Sono varie le aziende che offrono prodotti su misura di qualità, sempre nel rispetto del Made in Italy – ci stiamo facendo fare un mobile su misura, accertiamoci che siano fatti in Italia – come ad esempio i rinomati Divani Santambrogio ed i Letti Santambrogio realizzati con materiali naturali.

L’innegabile vantaggio di poter scegliere fino al più piccolo dettaglio nell’arredamento su misura vi potrà far sbizzarrire – ed impazzire, come è successo a me – anche nella scelta dei pomelli, dei cassetti, della disposizione delle ante nell’armadio o con l’inserimento di una luce nella cabina armadio. Oppure realizzare finalmente una scarpiera che contenga anche la taglia 46!

Quando si commissiona un mobile su misura, inoltre, un altro vantaggio è quello di poter scegliere non solo modello e dimensione ma anche materia prima, colore, tipo di lavorazione e personalizzazione dei dettagli come, ad esempio, i pomelli, il numero dei cassetti, la disposizione delle ante. Partendo dal disegno del cliente l’artigiano può realizzare il mobile o l’arredamento completo secondo indicazioni, per far sì che il cliente ottenga esattamente ciò che desidera e ha in mente.

Ricordatevi che nel bonus fiscale non rientrano gli acquisti di porte, di pavimenti (anche parquet o moquette), tende o altri piccoli complementi d’arredo ed i pagamenti validi possono essere effettuati solamente con bonifico o carta di debito/credito. Niente assegni o contanti.

Share

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.