Sono cattolico, sono uguale a te

di Reverendo SenzaDio su L'ora di religione il 30 Aprile 2005, 07:00

Finalmente un altro pezzo di civiltà si aggiunge alla nostra già sgangherata Costituzione.
La Corte Costituzionale ha infatti dichiarato illegittimo l’articolo 403 del Codice Penale in cui si punisce il reato di vilipendio ad una religione, con l’aumento di pena per chi offende il Cattolicesimo.
Da ora in poi viene cancellata un “inammissibile discriminazione” sanzionatoria tra religione cattolica e le altre confessioni religiose

D’altronde l’assemblea costituente era d’impronta fortemente Cattolica, sia per i famosi patti, sia proprio per il futuro partito che andrà a creare De Gasperi e che tanti danni ha fatto in giro per il Belpaese : la Democrazia Cristiana.
I tempi cambiano, le Costituzioni si adeguano e gli scudi crociati se ne vanno in cantina

Depeche Mode -- Personal Jesus

Commenti 2 Commenti »

Terroristi! Irakeni? No, Usa

di SKA su Notizie Commentate il 29 Aprile 2005, 08:57

Noam Chomsky è il fondatore del Generativismo Linguista, ed è titolare della cattedra di lingue moderne e linguistica al MIT (Massachussets Institute of Tecnology – da dove vengono tutti i Nobel scientifici Statunitensi).

Tempo fa è stato invitato a Bologna, in cui gli è stata conferita la Laurea honoris causa ed ha potuto tenere una lezione su Mass Media e Terrorismo.
Lascerò alle sue parole spiegare cosa ha detto :

Gli Usa sono uno dei principali paesi terroristi ma nessuno può perseguirli per atti di terrorismo internazionale
nessun mezzo termine…

Sull’Iraq : nel 1982 il paese fu tolto dalla lista dei paesi minaccia per gli Stati Uniti; all’epoca gli Usa mandavano aiuti militari all’Iraq per supportare l’industria bellica di Saddam, quando l’Iraq fu tolta da quella lista restava un buco e nell’elenco fu messa Cuba che aveva tutte le potenzialità per farne parte. Gli aiuti degli Usa all’Iraq continuarono anche quando Saddam compiva atrocità contro i curdi. Nel 2002 – continua – fu deciso l’attacco all’Iraq perché stava sviluppando armi di distruzione di massa e malgrado il governo abbia ammesso che non era vero metà della popolazione americana continua a crederci, questo dimostra l’efficacia dei media. Il motivo per cui gli Usa creano attraverso questi mezzi una situazione di continua minaccia, è perché negli ultimi 25 anni il potere salariale è diminuito, e il solo modo per far accettare tutto questo alla gente è farla sentire continuamente minacciata, distratta dalle sue preoccupazioni.

Ricordando il duro intervento contro la Guerra di Papa Giovanni Paolo II : In realtà a Bush non interessava assolutamente, o interessava poco il consenso del Papa alla guerra. Le critiche del Vaticano sono state pressoché ignorate dai media statunitensi. In realtà gran parte di ciò che il Papa ha detto durante il suo pontificato non è stato pubblicato negli Usa, perché le sue prese di posizioni sono state giudicate troppo critiche nei confronti del capitalismo. Voglio dire che quando critica il comunismo va bene e lo pubblicano, ma spesso nei suoi messaggi oltre a criticare il comunismo fa appelli per la libertà e critica anche il consumismo, il materialismo, il capitalismo, la barbarie. Questo fa sì che sia stato praticamente escluso dai media statunitensi.

Dunque i Media Statunitensi sono preoccupatamente controllati, ma quelli Europei?
L’Europa e gli Stati Uniti – afferma Chomsky – non sono poi molto diversi. Negli Usa la maggior parte dei media sono essenzialmente aziende, corporation, o parte di corporation ancora più grandi. I loro omologhi in Europa, i principali quotidiani internazionali, sono in gran parte aziende che vendono un pubblico privilegiato ad altre aziende e non è sorprendente se l’immagine del mondo che presentano riflette l’interesse degli acquirenti, dei venditori. Ci sono altri fattori, ad esempio i forti legami con il governo. C’è un grande interscambio tra il governo, i media, il mondo economico, il mondo accademico. Esiste una sorta di classe politica in tutti i paesi, circa il 20% della popolazione, attivamente coinvolta in una qualche forma di gestione, politica, economica o accademica dei media e nell’ambito di questa classe ci sono più o meno gli stessi interessi. Voglio dire che condividono ampiamente gli stessi interessi, quelli dei privilegiati che sono al potere e le loro pressioni esterne sui media tendono a condurre i mezzi di comunicazione in una certa direzione.

Nient’altro da aggiungere

Fonti :
Repubblica.it
Disinformazione.it

Faith no more -- Zombie eaters

Commenti Nessun Commento »

Fininvest Vs. Grillo

di SKA su Notizie Commentate il 28 Aprile 2005, 07:17

Alla faccia della libertà d’espressione contenuta nell’art. 21 della Costituzione (che recita “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.” nella sua forma abbreviata) la Fininvest denuncia
Beppe Grillo per un articolo pubblicato su Internazionale intitolato per la precisione Il caso Parmalat e il crepuscolo dell’Italia

Grillo viene denunciato per Diffamazione perchè si parlerebbe dei fondi neri e dei falsi in bilancio della società del Presidente del Consiglio.
Se si va a leggere l’articolo invece si può tranquillamente presumere che il Cavalier RicrescitaMiracolosa si sia stizzito per frasi di questo tipo:

Prima di fondare Forza Italia la dimensione dei debiti di Berlusconi, la sua dimestichezza nel falsificare i bilanci, la sua ragnatela di società finanziarie offshore ricordavano la situazione di Tanzi. Berlusconi confidò a giornalisti come Biagi e Montanelli che l’unico modo per salvarsi era conquistare il potere politico.

Si può dire che è basso, pelato, megalomane e va tutto bene. Ma se metti in dubbio i suoi beni più cari, i guadagni, sguinzaglia i seguaci avvocati.

La nuova concezione di libertà d’espressione : puoi dire ciò che vuoi finchè non ti impicci dei fatti miei.

———————————————-
Fonti :
Il sito di Beppe Grillo
Lo “scandaloso” articolo denunciato
Grillo-Fininvest, show in Aula

Joy Division - Transmission

Commenti Nessun Commento »

Il Bis non s’ha da fare, o sì?

di SKA su Satira il 26 Aprile 2005, 22:01

“Non si tocca niente nel governo e nel programma”. (Silvio Berlusconi, 5 aprile 2005)

“Questa storia del Berlusconi bis mi pare una vera buffonata, e io non faccio il buffone”.
(Silvio Berlusconi, Corriere della sera, 14 aprile 2005).

Forse invece farebbe meglio a cambiare mestiere…
——————————————————————————————————————
AUGURI FACIOLO!
lo stereotipo prevederebbe l’augurio di altri 100 giorni come questo. Ma non mi sembra davvero il caso. Mi auguro soltanto che questo giorno possa siglare l’inizio di una nuova pagina, che scriverai tu di tuo stesso pugno.
Auguri amico mio.

… notare la tempestività dell’orario

The Cure - Boys don't cry

Commenti Nessun Commento »

Calipari non è morto

di SKA su Notizie Commentate il 26 Aprile 2005, 08:07

Questa potrebbe essere una delle conclusioni dei sempre meravigliosi processi militari statunitensi.

Riporto la notizia Ansa così come l’ho trovata :


WASHINGTON – L’inchiesta militare americana sull’uccisione di Nicola Calipari ha stabilito che i soldati che hanno ucciso il funzionario del Sismi, e ferito la giornalista Giluiana Sgrena, il 4 marzo a Bagdad, sono da considerare “non colpevoli” per quanto accaduto perché “seguirono le consegne”. Ma l’Italia non ha accettato queste conclusioni. Lo ha detto oggi, al Pentagono, una fonte militare Usa che vuole mantenere l’anonimato: “Gli Stati Uniti sono pronti a diffondere il rapporto, ma l’Italia ha altre domande da porre”. Secondo la stessa fonte, le posizioni di Stati Uniti e Italia divergono in merito alla velocità alla quale procedeva il veicolo su cui viaggiavano i due italiani, e al contenuto delle comunicazioni intercorse tra funzionari italiani e americani prima del tragico episodio.

Insomma, hanno seguito le consegne. Il che potrebbe anche portare a dire : ma allora gli ordini erano proprio quelli di non far uscire vivi Calipari e la Sgrena?
Improbabile, ma non del tutto da escludere.
Da uno Stato su cui ancora gravano pesantissime accuse sulla tragedia dell’11 Settembre, su cui gravano i moniti dell’Onu per la guerra del Kosovo (appoggiata dal governo italiano-di sinistra) e la guerre ingiustificate in Afganistan-Iraq, che ha sempre sotterrato i vari scandali dei Presidenti, in fondo non ci si poteva aspettare altro.

E l’Italia, purtroppo, deve soccombere alle decisioni USA.
Siamo o non siamo una colonia statunitense?

Kyuss - Odyssey

Commenti 2 Commenti »

25 Aprile : Liberi Tutti

di SKA su Satira il 24 Aprile 2005, 22:00

60 Anniversario della Liberazione Italiana dal regime Fascista.
Non voglio nemmeno stare a sentire i soliti revisionisti neo-fascisti che blaterano degli orrori del comunismo (?), delle foibe, dei militari buoni che combattevano per amor patrio, di Mussolini che ha fatto tantotanto bene a tutti.
L’anti-fascismo è un valore condiviso e su cui si fonda la nostra Costituzione, quella stessa Costituzione che sta alla base della Democrazia di cui tanto ci vantiamo e paventiamo all’estero come l’unica e giusta forma di governo esistente.
La democrazia ci ha permesso quello che abbiamo, e tutto quello che abbiamo recuperato ce l’aveva tolto il regime.
Una serie di fattori hanno permesso questo: primo fra tutti la rivolta partigiana che ha portato alla guerra civile ed il susseguente smantellamento progressivo del già flebile regimetto instauratosi dentro casa nostra. Poi gli interventi americani e sovietici. Già , anche i sovietici hanno combattuto sia contro i Fascisti che contro i Nazisti, ma gli americani ci hanno liberato.

Ancora paghiamo lo scotto della loro liberazione.
I partigiani di anno in anno invece perdono sempre più quel rispetto che gli dobbiamo, se non altro per aver creduto in qualcosa ed aver combattuto per il loro ideale di libertà .
Anche loro hanno abusato di quella situazione scadendo in azioni terribili.
Ma sono più terribili le loro azioni illegali di rivolta o omicidi e genocidi tranquillamente legiferati e legittimati da uno Stato? Le squadracce fasciste avevano ragione a trucidare uomini e donne?

Mettiamo la bandiera a mezz’asta per le vittime delle Foibe?
Perchè non metterla per le vittime italiane (civili, partigiani e fascisti) cadute in quel periodo?

Siamo veramente così ottusi da credere che la liberazione di un popolo sia limitante a quell’ottusa schermaglia tra destra e sinistra?

Buona festa della Liberazione

p.s.
In conclusione, parlo ai sedicenti fascisti o neo-fascisti che leggono qua: ma il fascismo non voleva un’Italia unica? Non voleva un’unica bandiera? Non vedeva Roma come capitale e centro del regime? E perchè allora utilizzate il voto democratico per darlo a quell’accozzaglia di buffoni che si fregiano del nome di Lega Nord, che comiziano contro Roma Ladrona! e che vorrebbero bruciare (o pulirsi il culo con) il tricolore e che nonostante tutto sono Ministri dello Stato Italiano?.
Se avete veramente le palle di cui vi vantate tanto, allora fatevi sentire!

CSI - Linea gotica

Commenti 2 Commenti »

Salute romana sul viale del Tremonti

di SKA su Satira il 24 Aprile 2005, 13:15

Il titolo è uno split tra i due degli ultimi giorni pubblicati su
il manifesto che, come al solito, insegna l’arte della titolistica a tutti gli altri giornali. Con tanto di cappello.

Tornando a noi. Cacciato Sirchia, paladino dei non-fumatori e dei proibizionisti, dentro Storace paladino di non si sa bene cosa. Forse della pasta all’amatriciana. Dopo aver sotterrato la Sanità nel Lazio ci riprova per tutta Italia, con la speranza di mantenere a lungo un altro record negativo, tra gli altri italiani.
Insomma, tra tutti i ministri quella testa di Sirchia era forse il più competente. Proprio per questo andava stroncato, tanto per mantenere il livello qualitativo al di sotto dello zero.
Una sorta di rivincita degli sconfitti.
Forza Italia perde consensi in tutta la penisola, e diventa il partito con più ministri.
Storace perde la regione, diventa ministro.
Tremonti viene cacciato con garbati calci nel culo dall’economia, ora diventa vice-presidente del consiglio.
La Malfa l’hanno trovato che vagabondava per strada e l’hanno messo alle politiche comunitarie.
E Gasparri? Aveva stufato, si è messo di traverso per la candidatura di Storace e molto democraticamente è stato segato. Landolfi ne capisce di più.

Oltre al contentino per quei rompicoglioni dei socialisti, giocolieri da Prima Repubblica e maestri del voltagabbana, il resto del Governo è una fotocopia del precedente.
E si riparte con slancio.
Verso il baratro.
Prendete squadra e compasso, vi serviranno.

Clap clap clap! Bene! Bravo! Bis. Anzi, Tris

Current 93 - The death of the corn

Commenti 2 Commenti »

La Presidenza del Consiglio condanna Berlusconi

di SKA su Satira il 21 Aprile 2005, 20:44

No, non è una delle solite barzellette comuniste.
Non è neanche una strana redenzione del Cavalier Bellachioma, che in un impeto di super-egocentrismo ricorda di essere un delinquente e si auto condanna.
Sarebbe bello però…
In realtà è proprio quel che è successo: durante il processo Sme l’avvocato Salvemini, che rappresenta la parte civile per Palazzo Chigi, chiede la condanna di Berlusconi (imputato) ad un risarcimento di 1,1 milioni di euro + 300mila euro da versare immediatamente.
Il paradosso nasce dal fatto che il processo è iniziato durante il 97 quando alla Presidenza del Consiglio c’era D’Alema.
L’accusa è di corruzione, non corruzione semplice ma mercimonio dell’attività di giudice. Sì insomma, ha pagato 500 milioni al giudice Squillante per corromperlo.
A parte la solita persecuzione che non sta più nè in cielo nè in terra, il simpatico giudice Squillante per aver preso quei soldi dalla Fininvest si è beccato 8 anni di carcere.
Berlusconi, tutt’ora a capo della stessa Fininvest, è in giro a far campagne elettorali. Giusto per il gusto di non presentarsi ed allungare i processi finchè i capi d’imputazione non cadano in Prescrizione.
E la scusa della Presidenza del Consiglio lo legittima a farlo, ecco perchè a quella poltrona ci sta attaccato con il mastice.

Approfondimenti:

La presidenza del Consiglio chiede la condanna di Berlusconi
ed anche
Squillante ammette che nel ’96 Berlusconi gli offrì la candidatura in Forza Italia per evitare il processo
Buon divertimento…

P.s. i Cinegiornali della Rai dicono che è stata richiesta la condanna di Previti. Ma non è così…fa quasi pena quel pover’uomo.
Previti come Craxi by Silvio Bellachioma

The Legendary Pink Dots - Third Secret

Commenti 3 Commenti »

Notte solitaria

di SKA su La dimanche des crabes il 20 Aprile 2005, 20:34

Sono ancora solo.
Sì lo so, il discorso è il solito trito di ingredienti rispalmati in tutte le salse.
Eppure mi sento di nuovo solo.
Sento maledettamente la mancanza di un’amicizia vera con cui parlare, anche solo per stare una serata a parlare di dischi, di culi o di politica.
Vorrei sentirmi veramente amico di qualcuno, sapere che “hey, dammi una mano” e dire “ehy, ci sono”.
Ed esserci.
Ed allora mi nascondo dietro la mia finta aria da snob, per disprezzo degli altri, per puro autolesionismo, per non sentirmi succube delle mie angoscie.
Vorrei , dovrei, preoccuparmi per primi degli altri. Eppure prima di pensare agli altri mi faccio prendere dall’egocentrismo e nella mia testa frulla il solito IO. Sì, IO!.
Io che si elogia, Io che si sente frustrato, Io che ha paura,
Io
E poi gli altri…

“ma anche io ti faccio sentire così?”…no, te lo dico già da qua.

Acid Brains -- The end of the show 

Commenti 1 Commento »

Bene, bravo. Bis

di SKA su Satira il 20 Aprile 2005, 17:11

Berlusconi si è dimesso. Il governo cadrà e se ne rifarrà uno nuovo.
Tutto, come sempre, a sua immagine e somiglianza.
Poche modifiche ministeriali annunciante, assolutamente niente detto alle Camere. O perlomeno sempre la solita retorica spicciola, in 1 anno l’Unto del Signore (ormai verso il Bis-Unto) vorrebbe attappare tutti i buchi economici, risollevare il meridione, attenzione alle famiglie e magari far vincere lo scudetto al Milan. Vorrebbe tenere insieme la coalizione, ma non sa come. E neanche si è degnato di spiegarlo.
Il Berlusconi-Bis ha 3-4 giorni per ripartire, il solito Governicchio che la nostra Italia Demo-Piduista è abituata a vedere dal dopo guerra, sempre con gli stessi, identici, obiettivi. Mai raggiunti, ovviamente.

Peccato che l’elezione di Benedetto XVI, il Papa Razti come lo ha chiamato il “Sun”, abbia tolto spazio ai soliti deliri di onnipotenza di Sua Emittenza.
Fino all’ultimo ho creduto di vedere un omino basso basso, con pochi capelli in miracolosa ricrescita ed una papalina in testa.
I comunisti l’avrebbero chiamato : Pio Tutto
Invece si sarebbe chiamato : Bettino I

Can - Mushroom

Commenti Nessun Commento »

Crolla il mondo, ma non mollo

di SKA su Satira il 14 Aprile 2005, 18:40

Il nostro amico Silvio sembra veramente attaccato con la colla alla sua poltroncina di velluto (o di pelle umana?). Ci si sbraccia a dire che siamo una democrazia – governo del popolo – ma quando arriva una batosta tale da far pensare ad una mezza rivoluzione proprio dal popolo ci si inventano le scuse più strampalate, di quelle che fanno prendere appunti a tutti i comici ancora abilitati alla parola.

Non basta neanche il richiamo ufficiale dell’Unione Europea sui nostri conti tutt’altro che rosei, anzi è sempre la solita manfrina dei buchi colossali lasciati dalla sinistra ( ma quale governo di Sinistra ha governato seriamente prima di quello attuale se non quello di Craxi, tutt’altro che nemico del Premier ?)

Ed ora non basta neanche la crisi ufficiale lanciata dall’UDC di Marco Follini che si ricordano di essere Democristiani Doc. e rompono il cazzo.

Il Cavalier Bellachioma è disposto a rimanere da solo dentro Palazzo Chigi, magari portandosi pizza e patatine, pur di arrivare a fine legislatura e far divenire finalmente legge tutti i decretini e decretucoli a tutela di sè stesso.

BERLUSCONI! Non ci crede più nessuno! Basta con le panzane!

Questi sono i dati dell’Unione Europea sull’Italia attuale : 6.700.000 poveri “veri” e 1.500.000 famiglie a rischio di diventarlo, grado di fiducia dei consumatori in picchiata verso il basso, sforamento dei parametri di Maastricht, riduzione delle vendite del made in Italy, volontà di de-tassare per 12.5 milioni di euro.

Ed intanto vende ad aziende di sua stessa proprietà (ma non a nome suo) il 17% delle azioni Fininvest – 2.080 milioni di Euro – una cifra che da sola potrebbe attappare il debito pubblico italiano.
Il così tanto citato – e purtroppo esistente – conflitto d’interessi ora diventa arma di propaganda politica..

Vi lascio con un passo di un giornale danese tale Politiken:

“Mentre l’Europa si torce le mani al pensiero che tra alcuni anni la Turchia possa guadagnarsi il merito di diventare membro della UE, si accetta tranquillamente un’Italia il cui leader usa una parte sempre maggiore del suo potere politico per affossare il sistema di diritto e la libertà di espressione.”

Non a caso siamo il paese di Pulcinella e ci piace essere presi in giro.

Queens of the stone age - Everybody Knows That You're Insane

Commenti Nessun Commento »

Ed ora?

di SKA su Il Terzo Occhio il 13 Aprile 2005, 20:50

Sto lavorando come un matto dalla mattina alla sera a tutte quelle grandi e piccole cose che sono costretto, mi sono promesso-proposto e che semplicemente ho voglia di fare. Questo piccolo spazio è una di quelle. Lo studio e il lavoro tra quelle precedenti.
Il Blog è finito, non mi prendo neanche tanto in giro sul fatto che questo non è partito per esserlo. Lo è, fine. Nonostante il mio vecchio articolo Mi Scappa un Blog non mi rende poi così coerente con me stesso. Fortunatamente allora parlavo di altre cose, e poi quel titolo mi faceva morire dal ridere.

Ed ora?
Non lo so, sarà un blog-sitopersonale-d’informazione, ci saranno le mie impressioni, i miei pseudoarticoli, i miei lavori…e poi basta. Mi volete morto?

Per ora ciao, poi si vedrà

Commenti Nessun Commento »

Riaperto il Terzoocchio

di SKA su Il Terzo Occhio il 1 Aprile 2005, 15:19

Finalmente riapre il Terzoocchio dopo aver perso tutti gli articoli ed i post, cambio server, cambio nome e cambio stile. Cambio tutto.
Non ho altro da aggiungere perchè tanto questo post introduttivo farà una brutta fine a breve.
Per adesso un saluto a voi, miei cari 2 lettori.

Commenti Nessun Commento »

Libertà di stampa in Italia?

di SKA su ControInformazione il 19 Marzo 2005, 23:23

Esiste nel mondo la Freedom House che si occupa delle Libertà in senso globale, per tutti i cittadini in tutti gli Stati del Mondo. Fortunatamente nulla ha a che fare con la nostra ben più ridicola Casa delle Libertà .

Tratterò nello specifico le Libertà di Stampa.
Ogni anno la Freedom House stila una classifica comprensiva di tutti gli Stati, assegnando dei punteggi in base al tasso di legalità , le influenze politiche e pressione economica con una successiva e dettagliata valutazione degli avvenimenti, o situazioni, che hanno consentito di raggiungere quella posizione.

La tabella è tranquillamente scaricabile da questo indirizzo o raggiungibile dalla sezione sulla Libertà di Stampa.

La Valutazione (in Inglese) ….
Continua a leggere »

Commenti Nessun Commento »

Scusa vita

di SKA su La dimanche des crabes il 13 Marzo 2005, 00:57


Sto male, ma non è una novità .
Non devi stare male, continuo a sentire.
Non voglio che tu stia male.
Devi essere felice.
Devi vivere la vita.
Mille grazie, lo so già da me.

Ma che ci vuoi fare, sono il solito ostinato.

Mi nascondo dietro il fumo di parole
eretto per difendermi dal mondo
eretto per non pensare a ciò che sento
perchè magari posso pensare di essere sereno.

Ho paura
Ho paura degli uomini
Ho paura degli altri
Ho paura di me stesso
Ho paura della vita.

E mi dicono che va vissuta,
e mi dicono anche come, dove e perchè
e se penso devo chiedere scusa.

Già , scusate.
Scusate se sono di disturbo
non ho chiesto io di essere qua.

Vivi! Mi hanno detto,
e già da subito ho dovuto abbassare la testa.
Vivrò. Eppure non ne ho voglia.
Vivrò, anche se i demoni continueranno a corrodermi.
Vivrò, almeno sino a quando non troverò il coraggio di smettere.

Fai di me cenere
da soffiare via col vento.

Fai di me terra
per questo mondo affaticato.

Fai di me polvere
da cospargere nel mare.

Fai di me ciò che credi
e forse solo così

mi riuscirò a liberare.

Commenti Nessun Commento »

Fuoco amico, dicono

di SKA su Satira il 6 Marzo 2005, 23:28

Ero in attesa di qualcosa di veramente importante per tornare a scrivere, tra queste pagine che sembrano sempre più casa mia e su cui provo ad esprimere il mio umile quanto presuntuoso pensiero.
Qualcosa di grosso, già . Ed ora che è successo cosa rimane?

La cronaca è sotto gli occhi di tutti e non è certo questa la sede per ricostruirne le fila.
Abbiamo assistito attoniti ai momenti confusi in cui, quei pochi telegiornali puntuali, annunciavano la liberazione della giornalista de “Il Manifesto” Giuliana Sgrena. Gioire? Piangere? Cosa fare? E po si scopre che invece non c’è neanche il tempo per essere felici,poichè alla liberazione di un’italiana è susseguita la morte di un altro concittadino che ha fatto in modo che questo potesse accadere.

Nicola Calipari, dirigente del Sismi, è morto dopo un vero e proprio agguato attuato nei loro confronti a circa 700 metri di distanza dall’areoporto di Baghdad. Il luogo dove tutto sarebbe finito.
Si è gridato al Blitz, ad una rivolta dei “terroristi”. Ebbene no. Il crogiuolo di colpi è partito da un tank USA, ma il perchè non è dato sapersi. Inutile perdersi nel marasma di ipotesi, opinioni, false ricostruzioni utili soltanto a riempire di fuffa il già ostico territorio dell’informazione.

Scherzi del destino, fai da mediatore con dei pericolosissimi “tagliagole” e non succede niente, stai per arrivare a casa e ad ammazzarti sono gli “amici”. Beh, begli amici. Lo diceva la mamma di non dare confidenza agli sconosciuti, specie se sono stranieri.
Continua a leggere »

Commenti Nessun Commento »

Una vita sul comodino

di SKA su La dimanche des crabes il 27 Febbraio 2005, 00:54

Una notte come tante, senza luna, senza stelle
rumori lontani fanno da collante tra
la realtà ed il sogno da cui sono uscito

Porta chiusa alle spalle, impossibile tornare da dove si è venuti.
Eppure è così facile immaginare ciò che non è,
costruisco mondi con case, strade e uomini
con sentimenti, idee e varietà d’amori,
ma sono uomini.

Spengo la vita per tenerla sul comodino
le basta una luce per non essere sola,
la sento pulsare, chiamare, gridare
pretendere attese disattese
ormai da tempo confuse

Chiudo la stanza e riprendo i blocchi sfatti
provo a ricomporre l’idea di me
vuot d’inutili ruoli e pregiudizi
vuota di menzogne e consimili

Viaggio in uno spazio senza tempo
senza obblighi ne cemento
senza uomini sottostanti
senza capi maleodoranti

Solo gente che parla di sè
inaspettata e senza volto
non importano cifre o indirizzi
pensieri, idee oltre i giudizi.

E’ questo un viaggio senza tempo
senza lacrime ne un lamento.

Commenti Nessun Commento »

Vento

di SKA su La dimanche des crabes il 13 Febbraio 2005, 00:51

Sorpreso nella mia solitudine
rileggo i pensieri stipati nella mente,
ritornano lenti per pervadere
questo presente

L’immaginazione non ha più colori
come in un affetto embrionale mai nato
dimentico parole, suoni, odori
dmentico il mio passato.

E’ l’illusione che rende tutto vacuo
inutile agli occhi, inutile al tatto.

Ora posso sorridere
non senza una lacrima,
ma a questo provvederà il vento,
come è giusto che sia
si riporta indietro le malinconie.

Tutto in un soffio di vento.

Commenti Nessun Commento »

Incondannabile

di SKA su Satira il 10 Febbraio 2005, 00:47

Non credere che il giusto sia l’ incondannabile.
Non credere che l’amore sia solo parole.

Non credere che i poeti siano i saggi e gli altri gli stolti,
non credere che i poveri siano i mendicanti,
non credere che il nulla e l’eterno siano la stessa cosa.

Chi ha deciso per noi, per le nostre gioie, le nostre speranze,
per i nostri amori così come per i dolori?

Chi ha deciso che qualcosa di piccolo piccolo
non possa contenere qualcosa di immenso?

Chi ha deciso che qualcosa di umile
non possa essere infinitamente prezioso?

Chi ha deciso che qualcosa di umile
non possa essere infinitamente prezioso?

Come in un’ironica antitesi della vita,
qui dentro ho messo il mio amore.
Mi ha confidato di non stare poi così stretto,
si lascia racchiudere tra le parole
sapendo che è solo una faccia
della sua immensità .

Ed io, come un mendicante di parole,
mi spoglio della vita e ti regalo i miei sogni
ed il mio cuore.

Da custodire con gelosia,
perché è solo uno.

E lo regalo a te.

Commenti Nessun Commento »

Passeggeri

di SKA su La dimanche des crabes il 6 Febbraio 2005, 00:53

Rimetto in tasca tutti i miei fogli
accartocciati ed imbrattati servono soltanto
a confondere ancora la mia incongruenza.

Rimetto in tasca ogni singolo foglio
marchiato a fuoco
macchiato r’orgoglio

Potrei farne dei piccoli aerei
che si muovono a sogni
con passeggeri i dolori.

Potrei farne dei coriandoli
per lanciare gioia in Carnevale
ma senz’anima non potrei amare.

Se ne facessi un fuoco
scalderei la pelle altrui
ma brucerei poco a poco.

Metto in tasca anche una parte di te
perchè è a te che devo i sogni
perchè i giorni trascorsi non si possono dimenticare
perchè il tuo pensiero mi saprà cullare.

Commenti Nessun Commento »


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.