L’ex Cirielli è Incostituzionale

di SKA su Satira il 16 Gennaio 2006, 09:01

Non lo dico io.
Lo dice l’avvocato Ettore Randazzo, presidente dell’Unione delle Camere penali.
Ma soprattutto dice questo : “E’ una legge fuori-legge”, “fuori dal nostro sistema costituzionale”, ed “una resa evidente all’ingiustizia di una giustizia differenziata“.

Tutto questo alla vigilia dello sciopero di tre giorni delle Camere Penali che partirà da domani 16 Gennaio.
Ecco. Se 8500 penalisti protestano, si infuriano e scendono in piazza contro una legge che regolamenta (magari) una materia del diritto penale, ci sarà pure un motivo.

Perchè sono Toghe Rosse, è vero.

“A noi non importa se questa legge vada in favore di questo o quel deputato di destra, o di sinistra, a noi interessa soltanto che le leggi siano utili a tutti i cittadini“.
dice sempre Randazzo

Sembra anche crederci veramente quando dice “a tutti i cittadini”.
Specificare nazionalità , reddito, occupazione e, ove richiesto, fedina penale.

KMFDM - Adios

Commenti 3 Commenti »

Repressioni informatiche dalla Cina

di SKA su ControInformazione il 14 Gennaio 2006, 00:29

image
Fonte : cittadini.rai.it
Se n’è parlato poco, ma in questi ultimi giorni il Regime Cinese si è reso protagonista di 2 ulteriori casi di censura.

Dai prossimi giorni i Cinesi che utilizzano il software Skype non potranno più dire le parole Dalai Lama, Falun Gong e molte altre perchè saranno censurate da un filtro che ne disturba la loro pronunciazione.
Skype ha dovuto piegare la testa al Regime Cinese

Non solo
Il Governo Cinese infligge un altro clamoroso diktat su Internet oscurando completamente Wikipedia. La famosa enciclopedia libera deve sopperire alla dura repressione perchè “Tra i 225 milioni di vocaboli che contiene ci sono troppe definizioni scomode: Tienanmen 1989 e democrazia, Tibet e repressione.”
Wikipedia ha dovuto piegare la testa al Regime Cinese

Per completare il quadretto mettiamoci anche il sigillo a Google, la censura alle News di Google o la censura dei post su Msn Space ed il risultato che otteniamo è quantomai agghiacciante.
Microsoft e Google hanno dovuto piegare la testa al Regime Cinese

Perchè la famosa “opinione pubblica” si è vista unanime nel concordare che la guerra in Iraq era giusta in base alla tesi che Saddam Hussein era un terribile dittatore, ma non ci poniamo nessuna domanda su quello che è successo, succede e succederà in un Regime altrettanto repressivo come quello Cinese?

Anche in Italia si ha paura delle parole.
E’ per questo che non se ne parla, per evitare che qualcuno faccia paragoni

Tori Amos - China

Commenti 4 Commenti »

Ogni tanto ci va dai giudici

di SKA su Satira il 13 Gennaio 2006, 14:45

Berlusconi è andato dai giudici.
Bravo. Alla faccia di quelli che insinuano che lui davanti ai giudici non ci va mai.

Quello che però mi desta più curiosità sono le facce dei magistrati che hanno ascoltato attentamente le sue dichiarazioni infuocate.
Immaginatevi la scena : lui esce salutando col sorrisetto in faccia e magari dicendo una battuta, che ne so, sulla figa.
I magistrati contraccambiano ed appena la porta è chiusa si guardano in faccia…e scoppiano a ridere.
– “Ma hai scritto veramente quello che ha detto?”
– “No, in realtà giocavo al Sudoku”

– “Che ci mettiamo agli atti allora?”
– “Boh, tanto son le stesse cose che dice a Porta a Porta”

– “Ma non l’avevano condannato per falsa testimonianza?”
– “Sì, ma si è fatto fare l’amnistia da Craxi nel 1989”

– “Ma Craxi non era di sinistra?”

P.S. Ormai parlare di Mr. Bellachioma annoia, scaturisce soltanto battutine d’infimo livello.
E per questo me ne scuso.
Per veder affrontata la questione in maniera più seria andate qua

Francesco Guccini - La Locomotiva

Commenti 3 Commenti »

Alè Manno

di SKA su Satira il 11 Gennaio 2006, 21:27

Come titolo non mi è venuto niente di meglio.

“Roma – Il Tribunale dei ministri ha chiesto alla giunta per le autorizzazioni della Camera di poter procedere nei confronti del ministro Gianni Alemanno accusato di aver ricevuto dalla Parmalat di Callisto Tanzi “illeciti contributi in denaro pari ad euro 85.000 da destinare ad An, tramite contribuzioni alla rivista Area”. Il ministro ha fatto sapere poco dopo che intende rinunciare all’immunità parlamentare. ”

“Callisto Tanzi avrebbe versato gli 85.000 euro a titolo di “ringraziamento” per l’interessamento dimostrato dal ministro delle Politiche Agricole nella vicenda del latte “Fresco Blu”.

Fossimo stati nel 1992-93 si sarebbe parlato, a chiare lettere, di tangenti.
I tempi cambiano, i ringraziamenti restano.

Ora vorrei chiedere al Cav. se non se la sente di andare dai giudici anche per il processo del suo ministro.
2 processi con una fava.
In testa.

Sigur Ròs - Hoppipolla

Commenti 1 Commento »

Sharon uomo di guerra

di SKA su ControInformazione il 10 Gennaio 2006, 15:43

“…si parla della vita del premier di uno dei Paesi attorno ai quali ruota tutta la stabilità geopolitica internazionale…”
“…Dalla sua vita o dalla sua morte dipende l’esito di queste elezioni, in parole povere dalla sua vita dipende il futuro, positivo o negativo, di una guerra che segna l’ago della bilancia terrestre e a te non importa una sega?…”

questo è stato scritto in un commento al precedente post su Sharon.
Sì forse dire Sti cazzi può risultare barbaro ed incivile.
Ma personalmente non ho intenzione di partecipare all’opera di santificazione di un uomo che quella guerra ha contribuito esclusivamente ad alimentarla.

Il solito can-can dei media “ufficiali” è riuscito persino ad instillare nelle menti (più o meno pensanti) dei passivi lettori/ascoltatori che Sharon è un uomo di pace

Come può essere uomo di pace una persona accusata di crimini contro l’umanità , genocidio e crimini di guerra?
O addirittura crimini contro persone e cose protette dalla convenzione di Ginevra del 1949?
Un uomo che ha acconsentito alla costruzione del famigerato Muro per la divisione, illegittima, tra le terre Israeliane e Palestinesi.
Un Muro simbolo di divisione. Un mezzo di trafugamento di quanta più terra possibile.

La descrizione di Sharon come di una persona nuova, un moderato che ha rischiato il tutto per tutto per salvare il processo di pace, è una tesi fuorviante ed imbarazzante.

Dopo questo, dire che poco mi interessa delle condizioni di vita di Sharon è persino riduttivo.

Litfiba - Guerra

Commenti 10 Commenti »

Edizione speciale : morte

di SKA su Notizie Commentate il 9 Gennaio 2006, 17:43

TG1 : abbiamo il filmato shock dell’esecuzione di Fabrizio Quattrocchi, restate con noi per vederlo
TG2 : ci è appena pervenuto il filmato shock dell’esecuzione di Fabrizio Quattrocchi, restate con noi per vederlo nello Speciale di 10 minuti dopo il TG.
Studio Aperto : come anticipato nei titoli abbiamo il filmato shock dell’esecuzione di Fabrizio Quattrocchi, stiamo preparando il servizio, restate con noi

e così il Tg5, Tg4 oppure i Titoloni su La Repubblica e Il Corriere della Sera.

Ecco cos’è l’informazione oggi.
Dopo 2 anni l’esecuzione di un italiano diventa un’edizione speciale. O un Reality
Se volete veder morire Quattrocchi dovete aspettare dopo la pubblicità .
Se volete sapere se Sharon si è ripreso dovete aspettare la telepromozione.

A questo punto vorreste vedere il video, no?
Qua non lo troverete.
Accendete la Tv però, qualsiasi canale va bene.

Commenti 11 Commenti »

Dammi tre parole

di SKA su Satira il 7 Gennaio 2006, 22:10

“Sharon sta morendo”
“Sharon forse si riprende”

ora mi chiedo, con tutto il dovuto rispetto
ma sti cazzi?

Commenti 4 Commenti »

Furbettopoli

di SKA su Satira il 5 Gennaio 2006, 11:26

A causa di festività varie, che portano via sempre più tempo di quanto se ne vorrebbe in realtà .
A causa di influenze stagionali, che arrivano sempre al momento meno opportuno.
Questo blog non è stato più aggiornato.

In questi giorni si è parlato molto delle liaisons dangereuses tra Fassino e Consorte (che non è la moglie) sul caso Unipol.
C’è poco da dire, se la magistratura riterrà quei fatti punibili in sede penale che lo faccia.
Nel frattempo Fassino, senza offesa, si tolga dalle palle.
Non per niente, ma non sarebbe bello continuare a vederlo in giro.
Poi magari uno pensa che è come Fazio, Gnutti, Fiorani, Ricucci o lo stesso Cavalier Bellachioma che non avendo mai risolto i suoi tanti personali conflitti d’interesse si prende anche la briga di dare lezioni su l’intreccio inaccettabile tra politica e affari.
Senza neanche un po’ di vergogna.
E soprattutto proprio mentre in Parlamento si ripristina in toto la legge vergogna sul Falso in Bilancio facendolo diventare un semplice reato di danno.

Dovremmo essere stufi di dover scegliere il meno peggio, o quello che ruba di meno o dover sentir blaterare noi rubiamo, ma loro di più quindi non possono attaccarci.
Le parole di Berlinguer risuonano nelle orecchie come una martellata.
Ed era il 1981

MCR - I Funerali di Berlinguer

Commenti 1 Commento »

Vietato toccarsi a scuola

di SKA su Notizie Commentate il 29 Dicembre 2005, 07:00

“LOS ANGELES – Darsi la mano o, nel peggiore dei casi, un bacio appassionato può costare molto caro. Almeno in una scuola media di Culver City, quartiere di Los Angeles, dove da oggi effusioni in pubblico o scazzottate sono garanzia di richiami e convocazione dei genitori nell’ufficio del preside. La regola numero uno che gli studenti dovranno imparare appena entrati nella scuola, infatti, è il “no contact”: vietati tutti i tipi di contatti tra ragazzi.
Il Vicepreside Hiram Celis: “Se sono in giro e vedo un comportamento inappropriato prima lo faccio presente ai ragazzi stessi, affinché loro capiscano che un gesto intimo come darsi la mano può portare a situazioni ben più intime“.
Il Preside Kosh:”Si fa presto, prima si danno la mano e poi li vedi sul prato a sbaciucchiarsi“.
[tratto da Repubblica.it]

Tralasciamo il fatto che negli Usa devono sempre menarla con la coercizione ed i principi morali.
Neanche fossero in uno Stato di Polizia Ecclesiastica.

Ma è questo il primo passo per uno dei futuri possibili?
La paura che abbiamo di noi stessi porterà ad auto-isolarci dagli altri?
La fobia degli altri porterà ad auto-isolarci da noi stessi?
Diverremo contattofobi.
Diverremo solitudine-dipendenti

E’ possibile far diventare trasgressione una stretta di mano ?

Anathema - Destiny is Dead

Commenti 3 Commenti »

Senso estetico del Falso in Bilancio

di SKA su Satira il 27 Dicembre 2005, 21:59

Oggi sono state pubblicate le motivazioni della sentenza inerente al processo “All Iberian” che vede coinvolti Silvio Berlusconi e tre ex manager Fininvest.

Avevo già parlato del Falso in Bilancio già nel settembre scorso.
C’è poco altro da dire, se non una bella risata per l’ironia con cui i giudici hanno decretato la propria sentenza.
Passaggi come :
“…non risulta contestato uno degli elementi costitutivi del reato così come configurato dalle nuove norme, gli imputati devono essere prosciolti perché il fatto in sé “non è più previsto dalla legge come reato”

possono essere scritti nei battutari dei prossimi anni.

Una volta i delinquenti le leggi si limitavano a contravvenerle, adesso le cancellano

Gorillaz - Feel good inc.

Commenti 1 Commento »

Un altro Natale se ne va

di SKA su Il Terzo Occhio il 26 Dicembre 2005, 21:49

Come tutti gli anni, anche questo Natale va buttato dietro alle spalle.
Come tutti gli anni in questo Natale non c’è proprio niente di speciale.
Come in tutte le festività religiose e non, sono triste ed incazzato.

Triste perchè non reggo il peso della felicità artificiale di cui tutti ci vestiamo in questi giorni.
Ipocrisia.
Incazzato perchè come tutti gli anni ci ricado puntualmente.
Cretino.
Incazzato perchè alla fine di religioso non c’è mai niente.
E quel poco che c’è lo ignoro ed evito.
Eretico.

“Fino alla genesi, capitolo undici, non abbiamo avuto guerra.
In una pianura nella terra di Shinar, tutte le genti lavoravano insieme.”
L’intera umanità con una visione comune, un grande e nobile sogno per realizzare il quale lavorarono fianco a fianco.
In quest’epoca prima degli eserciti e delle armi e delle battaglie.
Poi Dio abbassò lo sguardo per vedere la loro torre, il sogno comune delle genti, crescere piano piano, pericolosamente vicina.
E Dio disse :”Ecco, sono un unico popolo…e questo è solo l’inizio di ciò che compiranno.
Ora nessun progetto risulterà loro impossibile…”

Le sue parole, nella sua Bibbia, Libro della Genesi, capitolo undici.

E così il nostro Dio onnipotente si è spaventato al punto da disseminare la razza umana ai quattro angoli della terra, frantumandone il linguaggio per mantenere i suoi figli divisi

Un Dio onnipotente tanto insicuro?
Da spingere i suoi figli l’uno contro l’altro, per mantenerli deboli.
E’ questo il Dio che dovremmo venerare?

Cavie, Chuck Palahniuk

P.s. il signor Giovanni Falcone ha scambiato i miei commenti per uno spazio pubblicitario. Io la pubblicità gliela faccio pure qua, qua e qua perchè sono articoli interessanti, ma non mi intasi il blog.
Grazie

Depeche Mode - World in my eyes

Commenti Nessun Commento »

Lo Stato e la Mafia

di SKA su ControInformazione il 22 Dicembre 2005, 22:16

Ricevo e pubblico questo lungo, ma belissimo articolo scritto da Christian Abbondanza e Simonetta Castiglion de La Casa della Legalità .
Sicuramente contro ogni regola del Buon Blogger, ma a favore di una forte coscienza civile che si opponga alla Mafia e alle Mafie.

“Italia che strano paese, la nostra cosiddetta Repubblica democratica fondata su una delle più belle Costituzioni. Questo nostro Stato, sempre perennemente spaccato, tra chi, Istituzioni e cittadini, incarnano e promuovono le regole costituzionali ed i valori in essa indelebilmente sanciti, e quell’altra parte, con Istituzioni e cittadini che ignorano o
disdegnano e violano quel dettato, quei valori, ed abbandonano di fatto o per scelta, l’irrinunciabile linea di demarcazione tra etica, civiltà ,diritto ed il loro esatto opposto.
La nostra storia di Repubblica giovane è segnata troppo spesso da questa frattura, dall’opportunismo politico e dalle lobby trasversali e corrotte, sia nella coscienza che nel comportamento. E’ recente la sentenza di Ustica in cui la verità è stata ancora negata, come per Piazza Fontana e Bologna, è incombente il pericolo di insabbiamento e negazione di verità e giustizia per la morte di Nicola Calipari. E’ fresca, freschissima, la violazione del principio di garanzia democratica portata dalla controriforma
dell’ordinamento giudiziario per assoggettare la magistratura al potere politico, questo e qualunque potere ad esso si sostituirà , con la negazione di autonomia ed indipendenza della Magistratura. E’ di pochi giorni la violenza alla verità storica e giudiziaria del nostro Paese, con una maggioranza della Commissione Parlamentare Antimafia che vuole negare, cancellare definitivamente la sentenza che riconosce Giulio Andreotti colpevole di associazione mafiosa con Cosa Nostra, accertata sino alla primavera del 1980, in via definitiva. Da inquietudine la proposta di riforma della legge Rognoni-La Torre, scritta per cancellare nel concreto una delle “armi” più efficaci dello Stato contro le Mafie: il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alle cosche ed ai boss mafiosi. L’uso antidemocratico delle forze dell’ordine da parte di vertici istituzionali per piegare il diritto alla libera e ferma, ma
sempre civile e pacifica, mobilitazione e manifestazione del pensiero e del dissenso da parte di ampi movimenti di persone libere dopo il G8 di Genova torna contro i Valsusini. Per le pagine oscure di Genova incombe l’ombra della prescrizione. La questione morale, dell’etica nella politica, del rispetto dei ruoli e della separazione dei poteri è sempre più messa in discussione dall’inciucio, cioè dal quel compromesso, sottobanco, tra quella e questa parte politica, tra questo e quel esponente di governo ed opposizione, che dalla Bicamerale di D’Alema ha sancito l’involuzione delle regole proprie di uno Stato di Diritto, di stampo liberale, sino a portarci ad un Regime, per via legislativa e con acquiescenza di un sistema mediatico controllato o asservito per scelta ed opportunismo.
La notte della Repubblica, il buio dei tanti misteri che avvolgono vicende del potere, continua a tenere nell’ombra e ben protette
personalità e alleanze. La sciagurata compagine della P2, ufficialmente sciolta, continua a ritrovarsi, a ripresentarsi nei contenuti e nelle gestioni della finanza, come di parte delle Istituzioni e delle Amministrazioni, dell’economia come del mondo dell’informazione. Continua a leggere »

Commenti 7 Commenti »

Testamentaria

di SKA su La dimanche des crabes il 16 Dicembre 2005, 21:59

Parliamoci chiaro. Non ho alcuna intenzione di lasciare questa terra nell’immediatezza.
Ma prima o poi toccherà anche a me.
Magari non subito, sono troppo pigro anche per quello.

Vorrei solo mettere un paio di cose in chiaro con chi si occuperà del mio funerale:

– innanzitutto fuori da una Chiesa. Magari in un bosco, un rito celtico, una grande fiammata in mezzo al paese. Va bene anche una discoteca, per quel giorno farò un’eccezione.

– se proprio dovete portarmi in chiesa, fatemi il piacere di far celebrare la messa ad un prete sordomuto (o sordo pre-verbale in base alle nuove direttive) che faccia soltanto gesti.
Non voglio che si parli di mie reincarnazioni in cielo ed in terra, di quanto sia stato buono e bravo, di come incontrerò finalmente la Luce o di come la squadra Cristiana batta a tavolino tutte le altre.

– fuori dai coglioni la gente che viene solo per farsi vedere, le persone che non vedo da anni, le persone che mi hanno sempre odiato e le persone che ho sempre odiato io (posso anche allegare curriculum)

– avete la libertà di piangere, ma se non lo fate è meglio. che poi mi commuovo

– non voglio delle vecchie e racchie che cantino qualche osanna o ave maria. colonna sonora del mio funerale : tool, sigur ròs, depeche mode e litfiba

– nessun corteo in cui c’è gente che parlotta male di quelli davanti, che parlotta male di me, che risponde al telefono con una suoneria indecente o che sbadiglia. proprio perchè il corteo è una palla clamorosa. lasciatemi là dov’è stata fatta la cerimonia e poi tutti a divertirsi.

– se cospargete le mie ceneri in mare non avrete neanche il problema del posto in cimitero, pensateci.

– se invece dovete proprio farmi la lapide che ci sia scritto “nato il” e “morto il”, senza altre pietose stronzate. per la foto, non prendetene una di profilo : potrebbe non bastare la lapide.

– ah, e per favore. niente fiori ed incenso. sono allergico

Il Testamento - Fabrizio De Andrè

Commenti 3 Commenti »

Sordo preverbale, questo sconosciuto

di SKA su ControInformazione il 15 Dicembre 2005, 09:35

Post aggiornato al 19 Gennaio
image
Oggi 15/12 i vecchi sordomuti, che si erano ormai abituati ed essere chiamati così, diventano sordi preverbali.
E lo diventano per legge, in base al decreto 3417 del Ministero del Welfare.
Da oggi tutti i documenti ufficiali ed amministrativi dovranno sostituire il termine sordomuto con sordo preverbale.

Questa è ormai la farsa del politically correct.
Quella che nasconde le sofferenze e le disuguaglianze chiamandole in altra maniera.
Il Cieco diventa Non vedente
Lo spazzino diventa Operatore ecologico
Il bidello, assistente scolastico
Il becchino, Necroforo
La servetta, Badante o Collaboratrice Domestica
Gli anziani, Terza Età
L’inceneritore è ora un Termovalorizzatore
Una discarica diventa Rimodellazione del paesaggio
Un Ospizio, Residenza protetta
Oligarchia diventa Democrazia. Per assurdo.

Ed ora il sordomuto, diventa sordo preverbale. Perchè non anche presonoro?

Ma soprattutto : come si chiamerà da domani l’Ente Nazionale Sordomuti ?

Aggiornamento : mi associo completamente alla protesta dell’ENS e relativa mobilitazione

Commenti 1 Commento »

Politica degli affari

di SKA su Satira il 14 Dicembre 2005, 15:13

“Mai come in questo ultimo anno abbiamo assistito all’accrescersi dell’intreccio tra politica e affari portando a livelli inaccettabili l’etica in un Paese come il nostro”
dice Montezemolo

“Abbiamo assistito alla perdita di credibilità di una delle istituzioni più rispettabile e prestigiosa del nostro Paese una perdita di credibilità sia come voce interna che come voce internazionale. Ha perso la credibilità internazionale nelle stanze della finanza e delle strategie internazionali”.
dice Montezemolo sulla Banca D’Italia

Dopo le vicende che hanno portato all’arresto di Gianpiero Fiorani, Gianfranco Boni, Silvano Spinelli, Fabio Conti e Paolo Umberto Marmont relative alla scalata della Bpi alla Banca Antonveneta

Si parla di 80 nomi di parlamentari coinvolti ancora coperti da omissis (quelli scomodi si sapranno, gli altri no).
C’entrano i rossi, come c’entrano i neri, come c’entrano i verdi.

Caro Montezemolo, l’intreccio tra politica e affari c’è sempre stato, non stiamo a prenderci per il culo.
La differenza è che stavolta li hanno beccati.

“Gli affari sono affari” dicevano su Blow
Ma loro erano spacciatori di droga

Litfiba - Maudit

Commenti 4 Commenti »

Sulla simbologia politica attuale

di SKA su ControInformazione il 13 Dicembre 2005, 19:15

La sublimazione massima dello strumento blog è quella della riflessione.
Si può leggere, condividere o meno un pensiero e partecipare attivamente alla discussione.
Alla fine è anche una piccola soddisfazione per chi su di esso ci lavora, o ci perde tempo. Fate voi
Riprendo con qualche spunto argomentativo in più quello che è iniziato nel post precedente.
Parlando anche a voce con altre persone ho trovato alcuni che hanno accostato il saluto romano di Di Canio ai pugni chiusi di Lucarelli o altri. C’è chi accosta le bandiere rosse (e gli striscioni contro la TAV) alle svastiche e le celtiche dei tifosi laziali, e non solo.
E’ legittimo, ma non credo abbia poi molto senso.
Come non ha molto senso quando si parla di Regime Fascista in Italia e si sente gente difenderlo, non con argomentazioni insite in esso, ma con l’arbitrario paragone/accostamento al Regime Comunista.
Puntualizziamo : sono stati (nel secondo caso sono ancora) dei regimi sanguinari, illiberali, crudeli e coercitivi. Ma sono 2 cose distinte tra loro.
Discussioni del tipo :
– “Il regime fascista è da condannare, senza sè e senza ma”
-Sì, però anche Stalin e Tito non sono stati meglio

O le fosse ardeatine.
Tutto terribile, ma differente.
Che senso ha? Perchè dire il contrario?
Dire una cosa non esclude di certo l’altra. Anzi.

Parlando di simbologie, da titolo, il saluto romano ed il pugno chiuso (trasaliamo dall’uso nel calcio, per favore) credo vadano considerati su due piani differenti, non tanto per la loro rappresentazione ideologica assoluta, ma per la loro rappresentazione sociale e civile in Italia.

Il saluto romano simboleggia, univocamente e senza possibilità d’errori interpretativi la volontà partecipativo/ideologica nei confronti di un Regime ed un periodo terribili per lo Stato Italiano, banditi e condannati per legge dalla Repubblica, proprio per evitare (perlomeno formalmente) il riformarsi di movimenti simili.
Per dimenticare.

Perchè ancora rappresenta un’offesa per l’Italia e larga parte delle coscienze civili.
Il pugno chiuso, chiaramente non apprezzabile da chiunque, per lo Stato Italiano non rappresenta niente, per larga parte delle coscienze civili è invece un gesto di lotta o di vittoria generica. Può non piacere, ma non è condannabile.
Vivono su due piani differenti, non accostabili in maniera arbitraria.

(Non ho volutamente parlato di fasci littori, svastiche, celtiche, falci e martelli o immagini del Che, le racchiudo nella conclusione sotto)

Dopo questo ragionamento, ne ammetto io stesso la sua inutilità perchè nel 2005 dovremmo saper pensare con le nostre teste e dissociarsi da qualsiasi rappresentazione di omologazione del pensiero.
Purtroppo però, checchè se ne dica, checchè ognuno creda di sè stesso il contrario, siamo (anche io) schiavi di ideologie imposte.
Pensate ad una massa civile di cervelli realmente pensanti.
Un casino ingestibile.
Ed in fondo, fa comodo a molti da sempre.

Commenti 3 Commenti »

Il Di Canio perde il pelo…

di SKA su Notizie Commentate il 11 Dicembre 2005, 20:18

image
A volte non è colpa del cervello delle persone.
Spesso è colpa della gente che consente a queste persone di girare liberamente.
Spesso è colpa dei genitori che non li soffocano da piccoli, invece.

Dopo aver beccato 10.000 euro di multa ancora non è contento. L’ha rifatto
Il problema non è il saluto in sè, la multa o “l’ideologia”.
Il problema è la sbruffonaggine, che inevitabilmente porta ancora più odio tra i tifosi.

Di Canio non lo fa perchè è fascista, non sa neanche cosa significhi (come non lo so io, non lo sanno gli irriducibili nè gli altri sedicenti “comunisti”).
Lo fa soltanto per eregersi a capopopolo. O a capobranco.
A seconda dei punti di vista.
Il mio amico Faciolo mi ha detto a chiare lettere Sti Cazzi, parlando di questa notizia.
Ed ha ragione.
Io ne parlo perchè mi chiedo : ma nel 2005 andiamo ancora in giro con saluti fascisti, immagini del Che, svastiche, celtiche e quant’altro?
Ma quanto siamo idioti?
Quanto poco abbiamo imparato dalla storia?
Tanto. Nulla.
Infatti.

dEUS - Pocket Revolution

Commenti 7 Commenti »

No Pacs No Party

di SKA su Notizie Commentate il 5 Dicembre 2005, 13:53

Da oggi 5 Dicembre anche in Gran Bretagna le coppie gay possono convolare a nozze tramite la formula del Civil Partnership Act.

Un altro paese Europeo che si accorge di essere nel nuovo millennio e che anche le coppie omosessuali di fatto possono e debbono godere degli stessi diritti civili delle coppie etero regolarmente sposate.

Qui si può leggere l’attuale situazione Europea in merito alle Unioni Civili
Cogliamo fior da fiore :

Italia
L’Italia non prevede alcuna legislazione per la regolamentazione delle unioni civili.

Vaticano
Il Vaticano non prevede alcuna legislazione per la regolamentazione delle unioni civili.


La tragica realtà dei fatti

Sulla porta - Federico Salvatore

Commenti 3 Commenti »

Vecchio comico noioso

di SKA su Satira il 2 Dicembre 2005, 21:15

image
fonte : bengodi.org

Non riuscivo a trovare le parole più adatte per esprimere la noia, la scocciatura e la depressione che mi suscita quel simpatico vecchietto, pelato e bassino, che blatera tutto il dì, che sorride tutto il dì e che soprattutto ci allieta con le sue battute al cloroformio che neanche al Bagaglino.
Beh, io non le ho trovate. Però ci ha pensato Michele Serra

“Uh, quanto è noioso, con questa storia dei comunisti malvagi, del TG3 bugiardo, di lui che è buono e bravo e tutti lo odiano…ma da quanti anni va avanti a rimenarla con sta solfa?

A me sembrano cento: si vede che la monotonia ingigantisce il problema, dilata il tempo, la ripetizione delle stesse parole con la stessa faccia, la stessa giacca blu, negli stessi telegiornali, alla stessa ora, mentre sto scolando la pasta…e il peggio è che mi sento insopportabile anch’io, come se la pasta che sto scolando fosse sempre la stessa, con lo stesso maglione addosso, dopo aver scritto lo stesso articolo…bloccati fissi, immutabili, entrambi tignosamente uguali giorno per giorno, lui che rompe l’anima dal televisore con i suoi eterni lamenti, io che borbotto “uffa quanto rompe”, come due vecchi coniugi stremati e inaciditi, come in certe vecchie stampe appese in anticamera a prendere la polvere…va a finire che mi sento in colpa io, che sto facendo le ragnatele per la noia, con questo anziano chiaccherone che tutti i santi giorni, da un’eternità , si presenta a casa mia come un manichino di sartoria per dirmi che lui qui e lui là .

E non mi viene niente di nuovo da dirgli, da secoli che non sia il solito “ancora! Ma non è possibile!”.

Siamo, tutti, le mediocri spalle di un pessimo comico.”

Michele Serra

Tears Of A Clown - Smokey Robinson

Commenti Nessun Commento »

Digitali e Zapateri

di SKA su Satira il 1 Dicembre 2005, 17:19

Mentre in Italia per il Digitale Terrestre arriva già la sua fine annunciata da tempo, in Spagna il Presidente Zapatero mette in atto la sua riforma Radiotelevisiva che esclude interferenze politiche sulla tv pubblica.

Come si permette questo Zapatero di tirar fuori la politica dalla televisione e di non rubare soldi alla gente con dei decoder inutili?

Tool - à?nema

Commenti Nessun Commento »


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.