Intervista al Massone

di Camerata Stizza su Satira, Scaricabile il 16 giugno 2009, 19:36

Scaricabile 17

In esclusiva solo per ScaricaBile (arrivato al numero 17) un’intervista ad un’esponente della massoneria italiana – uno vero, uno serio – per parlare degli ultimi avvenimenti di cronaca che hanno visto coinvolto questo ordine iniziatico assieme ad altri tre, molto più pericolosi. Chiesa, Mafia e Politica.

L’intervistato, S.d.C.V. A ppartenente alla loggia massonica “Serenissima Gran Loggia Unita d’Italia”, ha preferito mantenere l’anonimato. Per comodità lo chiameremo con un nome di fantasia: Attanasio De Marinis Casas Schultz. Questa è la versione integrale ed originale dell’intervista, non ancora stuprata dal Corriere della Sera e dal Tg1.

Benvenuto dott. Attanasio De Marinis Casas Schultz. Iniziamo questa intervista con qualche domanda leggera, tanto per farla stare a suo agio. Che razza di nome sarebbe “Serenissima Gran Loggia Unita d’Italia”?

Ah, ehm, grazie a lei. Quello in realtà è un nome così, non ne conosco bene la genesi, credo sia stato utilizzato il metodo che siamo soliti usare: parole ridondanti a caso.

Bene. Ma lei è a conoscenza del fatto che alla sua loggia non è riconosciuta alcuna regolarità o legittimità massonica dalle Logge ufficiali?

Beh, sì certo, ma non siamo mica i primi. In Italia esisteranno qualche centinaio di logge e pseudologge non controllate, nate soltanto peroccultare pratiche illecite. Ma non facciamo i moralisti, d’altronde l’abito non fa il monaco. Chi non ha mai fatto parte di una società segreta con finalità eversive, in fondo?

Credo la maggior parte delle persone, ma lasciamo perdere. Addentriamoci nello specifico parlando dell’inchiesta Hiram…

Ah,ecco, a questo proposito volevo dire che io questo Homar non lo conosco. Cioè, l’ho incontrato solo una volta ad un festino e – che mi prenda un colpo – sembrava veramente una donna…e poi invece vai a ravanare e trovi la sorpresina. E pensare che doveva soltanto portarmi 3-4 grammi di roba…

Ehm, no. Ho detto Hiram, non Homar. Siamo qui per parlare di quell’inchiesta, si ricorda? Quella che vede implicati la sua loggia massonica in rapporti con la mafia per corrompere pubblici ufficiali e comprare i processi in cassazione?

Aaah! Sì sì, è che sa, questi extracomunitari hanno tutti i nomi uguali e poi uno si sbaglia…Mario, Andrea, Attanasio, questi sì che sono nomi. E comunque sì, ne ho letto qualcosa in giro, ma vede, è che ero alle Hawaii fino ad un paio di giorni fa e quindi…

Ma come? Da quanto leggo, lei risulta indagato per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione. Come fa a non sapere niente? I Pm la accusano di aver interceduto con alcuni personaggi ambigui per insabbiare procedimenti penali di boss mafiosi.

Questo lo afferma lei che è un bieco ignorante. Quando rimani invischiato tra le maglie della giustizia deviata tutto è possibile purtroppo. Il problema è che noi liberi massoni subiamo sempre il pregiudizio altrui, come se volessimo creare delle logge segrete ad hoc per beceri interessi privati…. io sono solo un semplice operaio muratore.

Continua a leggere »

Commenti 1 Commento »

What’s Left?

di SKA su Notizie Commentate il 9 giugno 2009, 14:40

Alla lunga in realtà diventa anche un gioco un po’ stancante, a tratti irritante, questo del commento a freddo del post-elezioni. Qualunque esse siano, ovunque esse siano. Ma non è mai bene che le proprie riflessioni si schiantino in un loop continuo solamente tra le quattro mura della propria casa.

Josè Saramago scrive: “Non è possibile votare a sinistra se la sinistra ha smesso di esistere.” all’interno di un discorso più ampio sul progressivo processo di suicidio della Sinistra tutta, inteso come movimento socio-culturale piuttosto che politico-partitico. Un discorso sicuramente già risentito, ma che oggi ritorna con veemenza a rimbombarci nei timpani. L’Europa sta andando a destra – nettamente a destra – mentre l’Italia è ferma lì, come sempre, a metà. Nonostante quel che se ne possa dire, la sterzata improvvisa dell’Europa è comunque sintomo di cambiamento – seppur probabilmente dettato da istinti più irrazionali ed emotivi – di qualcosa percepito come malfunzionante e non immutabile. Una sorta di maturità democratica e sovversiva, nel suo stretto significato etimologico, che l’Italia invece non ha mai sviluppato e che – ahimè – non svilupperà mai.

La sinistra non c’è più perché si è messa a scimmiottare la destra.
L’ha già scritto Nick Cohen ad esempio, così come decine di altri commentatori. Quindi non ci inventiamo niente. Resta lì in bella mostra soltanto il dato che l’Italia ha dato l’ultimo calcio definitivo ad un movimento di emancipazione sociale e culturale, di rivolta razionale ed in qualche modo di speranza. Perché semplicemente, non c’è più.

Quella che una volta era la classe operaia ora ha deciso, probabilmente a ragione, di concedersi anima e corpo alla Lega. Perché è lì, sul territorio, vicino casa e soprattutto parla lo stesso linguaggio che parla l’operaio. Schietto, rude e passionale. Come dice anche Sartori, commettere l’errore di bollare la Lega come movimento passeggero e di destra sarebbe, oltre che ingenuo, anche controproducente. Come infatti è successo.

Così come va sottolineato come buona parte dell’“intellighenzia” nostrana si trovi ad aderire, se non a partecipare attivamente, ad un movimento come l’Italia dei Valori che è – comunque la si veda – conservatore sin dal nome. Ma è tutto quello che ci rimane, finché i Democratici non si decidono a fare i Democratici per davvero.

E’ un bene quindi che come contraltare ai vari Mastella, De Mita, Bonsignore, Borghezio ci possiamo fidare ed affidare a persone come De Magistris, Sonia Alfano, Orlando, Vattimo. Peccato per Tranfaglia e Vulpio. Così come, va detto, anche della Borsellino, di Crocetta o anche della giovane Serracchiani, perlomeno fino a che non marcisca anche lei tra le maglie della politica decisa nei salotti privati.

Nel Parlamento Europeo queste persone non hanno alcun potere di governo ed influiscono molto relativamente sulla politica interna. Ma resta ugualmente un bene, anche fosse soltanto d’immagine, che la nostra rappresentanza di europea non sia composta solo da delinquenti. Perché in fondo siamo ancora lì, fermi impalati a quella “questione morale” che una volta fu vessillo quasi esclusivo della Sinistra – ma anche missino in parte minore – e che ora è rimasta orfana sia da una parte che dall’altra. Finché non risolveremo questa, possiamo continuare ancora a giocare alla destra e alla sinistra, ma continueremo a far decidere i pochi per i molti.

Commenti Nessun Commento »

FranceScreen is now a meme

di Camerata Stizza su Satira il 5 giugno 2009, 15:33


(video from LaPrivataRepubblica)

Uno sfondo verde (l famoso green screen) per lo spot PD e con protagonista Franceschini fa gridare all'”oh exploitable!” mezza internetz che si mette a giocare con il chroma key.

Non poteva non nascere quindi il FranceScreen. A firma di chi? Non vorreste saperlo.

Related: LPR, Francesco Costa, RetroPensieroLiberale…e ne verranno altri.

Commenti 4 Commenti »

De Rerum Fica

di SKA su Satira il 29 maggio 2009, 16:23

berlusconi_mima_fica

E’ la ratio, la spiegazione razionale dei fenomeni naturali ed umani, secondo Lucrezio quel processo che “squarcia le tenebre dell’oscurità” per illuminarci sugli accadimenti attorno. Mentre la religio, fede incondizionata e passiva, ottunde il nostro senso critico trasportandoci verso la più “bovina ignoranza”.

Di riflesso direi che la politica, in qualche modo giunta ai giorni nostri completamente trasformata e corrotta da quella che era la struttura dell”antica polis, andrebbe considerata attraverso questa antinomia. Anche se ad oggi, in molti casi, appare più come una dicotomia. Un’inestricabile guazzabuglio di ragione, poca, e fede incondizionata. Il caso Berlusconi in Italia è esattamente questo: sono anni che si procede a rallentatore tra chi porta tesi e fatti a supporto dell’assoluta incompatibilità a governare di un personaggio come B e chi invece lo innalza ed esalta senza porsi alcun ragionevole dubbio.

La ratio con cui spesso la cosiddetta società civile ha provato a combattere lo strapotere di B. non è mai servita a granchè: conflitti d’interesse, collusioni mafiose e massoniche, corruzioni giudiziarie e politiche acclarate, prescrizioni ed amnistie, falsi in bilancio depenalizzati,leggi ad personam, Lodi per la sospensione dei processi, invettive autoritarie contro la magistratura ed i giudici, il Parlamento, accordi con un partito razzista e xenofobo come la Lega, ecc… Tutto inutile. Alla bovina ignoranza questi argomenti non interessano.

Hanno interessato in maniera più vasta, anche se ugualmente molto limitata, le opinioni pubbliche estere lasciando trasparire sempre un po’ quella sensazione di lassez faire: gli italiani stanno nella merda, ma alla fine ci si può anche passare sopra in una qualche maniera.

Ma oggi no. Il vecchio detto sul carro di buoi è valido universalmente, e se all’interno dei nostri confini il giornalistico “NoemiGate” sta facendo molto – troppo? – rumore all’estero non è da meno.

Il New York Times prende le mosse dallo scandalo e si scomoda parlando di caduta imperiale in stile Satyricon, perfino il Time si prende beffa di noi appellando l’Italia come uno Berlusconistan facendo lunghi parallelismi con i riflettori sulla vita privata di B. di questi ultimi tempi e la sua possibile fine politica. La Fica può tutto. El Pais e Le Figaro puntano il dito sulle menzogne raccontate in questi giorni – ma parliamo sempre del caso Noemi/Veline, mica d’altro – così come fanno in maniera molto più pesante il Guardian e Liberatiòn. I primi ci fanno sapere che anche i coniugi Blair hanno preso le distanze da B. e che anzi ora lo prendono pure per il culo. I francesi invece si chiedono – a ragione – come sia possibile che in un momento di crisi economica come questo ed a ridosso delle elezioni l’Italia tutta sia più colpita dalla relazione (presunta) tra un 73enne Presidente del Consiglio ed un’anonima – sino a poche settimane fa – 17enne. Stesse cose che scrive il misterioso Christian Science Monitor.

Ancora El Paìs ci dedica morbosa attenzione per la questione “Veline” (la battuta sulle camicie nere va commentata?)

Ma la chiusura l’ho lasciata volontariamente al The Indipendent perché porta il lungo discorso a giusta conclusione: può un’adolescente far cadere Berlusconi?

Dopo anni di battaglie, informazioni e controinformazioni, girotondi, picchetti, manifestazioni per smuovere le coscienze ci siamo ridotti a questo, al – pure presunto – scandalo sessuale come summa conclusiva di tutto ciò che siamo e che non siamo stati in grado di capire. Il raffronto con Clinton non regge, se pur entrambi vittime di eventi che con l’amministrazione pubblica non dovrebbero c’entrare nulla. Clinton ha scatenato una guerra illegittima contro il Kosovo ed è stato punito per un pompino. Berlusconi ha distrutto l’Italia e probabilmente soccomberà sotto ciò che ama di più nella vita: la fica.

Commenti 2 Commenti »

Fidel Brunetta

di Camerata Stizza su Antimafia il 28 maggio 2009, 17:15

Mentre praticamente tutti i giornali soffermano le proprie attenzioni su “look casual”, poliziotti “panzoni” e facebook dagli uffici pubblici Fidel Brunetta esterna un’affermazione leggermente più grave, auspicando lo scioglimento dell’antimafia:

Nel senso che mi piacerebbe che non ci fosse nemmeno lo specifico della mafia. C’è l’antimafia perché c’è la mafia. Se si rispettassero le regole, non ci sarebbe bisogno dell’antimafia, perché la mafia è una forma di criminalità e dovrebbe essere perseguita come tutte le altre. La mafia dev’essere affrontata in modo laico e non ideologico. Se della mafia facciamo un simbolo ideologico, con la sua cultura, la sua storia e così via, rischiamo di farne un’ideologia e come tale, alla fine, produce professionisti di quella ideologia proprio nei termini in cui ne parlava Sciascia, professionisti dell’antimafia #

Che è un po’ come dire che la prima causa dei divorzi sono i matrimoni.
O che per combattere la fame nel mondo, andrebbe sterminato chi ha fame.

Che poi sarebbe stato anche positivo se Brunetta avesse letto l’articolo di Sciascia, che dice l’esatto opposto.

Rivoluzione in corso, amici.

Update 21.01: TUTTO quello che c’è da dire sulla questione e oltre l’ha scritto harlot su LaPrivataRepubblica. Da lasciare ai posteri.

Commenti Nessun Commento »

Dentro la politica nella Magistratura

di SKA su Satira il 27 maggio 2009, 09:00

[Pubblicato sul nuovo Scaricabilenumero 16 – e riferito, per i meno attenti, a questo. In fondo al post, dopo il Continua, c’è anche il codice per sfogliarvi tutto lo scaricabile in allegria.]

Fuori la Magistratura dalla politica. Dentro la politica nella Magistratura.

E’ ora di dire basta a questa Magistratura che fa politica.

E’ la politica che deve fare la Magistratura.

E’ assolutamente inammissibile che i gangli della politica siano entrati a pieno titolo – e a ragione – ad invadere tutte le maglie della vita pubblica e privata, siamo nei giornali, nelle TV, nei comuni, banche, ospedali, associazioni di volontariato, associazioni criminali, e non possa farlo direttamente negli organi Giurisdizionali.

Vogliamo farci veramente giudicare da persone che non abbiamo scelto liberamente ed autonomamente attraverso il processo democratico del voto di scambio? Vorreste veramente continuare a farvi giudicare da persone che entrano – pensate! – per concorso! Io dico No!

Solo noi possiamo decidere da chi farci giudicare. Dico io: ma quale autonomia! Quale indipendenza! Quale imparzialità! Imparziale? Imparziale un cazzo! – applausi – Ah giudice, deciditi! O stai con noi o non stai con noi, ma deciditi! La terzietà è democristiana! Rivolete di nuovo la Democrazia Cristiana? – Sììì!! – Come sì! No! Dovete dire No! – Sìììì!! – Mapporc…Eja, Eja, Eja, Alalà! – Eja, Eja, Eja, Alalà!

Ognuno di noi ha il diritto di fasi giudicare da un proprio pari ed io mi faccio giudicare dal popolo! Sarete voi a giudicarmi e farmi giudicare, non uno Indipendente! Fa l’alternativo lui, è indipendente, fa lo snob. Ecco cosa sono i giudici italiani, delle checche snob!

Il salumiere? Il falegname, l’idraulico? Sono il popolo, è il popolo che vota da chi farsi governare. E’ il popolo che deve decidere da sé da chi farsi giudicare! Dico io, questa cosa delle tangenti Enimont/Montedison, del vilipendio alla bandiera dello Stato – addirittura! – ma chi lo deve decidere che sono reati? Noi o loro? – Noi!- E allora che sia! La disciplina deve cominciare dal basso se si vuole che sia rispettata in alto!

Da oggi in poi i magistrati ce li scegliamo noi, tramite regolari elezioni pilotate! A breve ogni regione avrà il suo pool di pubblici ministeri conniventi, ad uso e consumo del libero cittadino padano! Basta con tutta questa ossessione della legalità, le regole, la società civile. Ci siamo rotti i coglioni! – Sìì!! –La società civile vuole vivere libera e impunita, tranquilla e prescritta! E’ ora di cambiare aria! Chi è qua sotto che ha una pendenza con la giustizia…tu? Hai molestato una ragazzina? E tu? Tangenti? Ahaha! – risate scroscianti – E sti cazzi! Vota il tuo – il nostro – Pubblico Ministero Veneto e vedrai che la cosa si risolve. Più assoluzioni per tutti! – Indulto! Indulto!
Continua a leggere »

Commenti Nessun Commento »

Pletoche?

di SKA su ControInformazione il 23 maggio 2009, 13:29

“le assemblee pletoriche sono assolutamente inutili e addirittura controproducenti”
(S.B. Assemblea Confindustria, 20 Maggio 2009)

La Finocchiaro e D’Alema si sono comportati in modo indegno, ignobile e spudorato, attribuendomi parole che non ho mai pronunciato e cioè che il Parlamento sarebbe inutile e dannoso
(S.B. 22 Maggio 2009)

Commenti Nessun Commento »

I Lodi della Virtù

di SKA su Satira il 19 maggio 2009, 20:51

Dalle motivazioni della sentenza di condanna a David Mills:

Egli (Mills ndr.) ha certamente agito da falso testimone, da un lato, per consentire a Silvio Berlusconi ed al Gruppo Fininvest l’impunità dalle accuse o, almeno, il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso il compimento delle operazioni societarie e finanziarie illecite compiute sino a quella data

Dell’Utri sulla vicenda: “David Mills è stato ripetutamente invitato a fare dichiarazioni contro di me e il Presidente Berlusconi. Se lo avesse fatto, lo avrebbero scarcerato con lauti premi e si sarebbe salvato. È un eroe, a modo suo.”

Commenti 1 Commento »

PD dei Valori

di Camerata Stizza su ControInformazione il 17 maggio 2009, 14:34

Il Partito Democratico si ricorda di chi governa l’Italia da 30 anni soltanto durante le elezioni.
Sembrano passati secoli da quando un mellifluo personaggio si riferiva a Mr. B. con la formula de “il principale esponente dello schieramento politico a noi avverso” con la paura di esporsi e probabilmente di andare incontro all’eliminazione politica, oltre alla disfatta già largamente pianificata.

Ora il PD, poco prima delle elezioni, si ricorda chi è Berlusconi, cos’è il PDL e vengono rispolverati temi che sino all’altro ieri facevano parte del programma politico di un “giustizialista” e “giacobino” come Di Pietro. E così, il sino all’altro ieri l’Innominabile, immediatamente prima delle elezioni europee diventa nominabile. E più che nominabile diremo Ineleggibile, facendo riferimento alla giusta informazione sull’incompatibilità delle cariche tra Presidente del Consiglio Italiano ed Europarlamentare: si dovrebbe rinunciare ad una delle due, chi vota Berlusconi (ma anche Bossi, Di Pietro, Vendola) sa già che vota per nessuno. Il Pd dimentica però di dire che Berlusconi non è eleggibile neanche in Italia. D’Alema is not amused.

Poi nel citare il sempreverde Mastella, candidato PDL, cavalcano nuovamente il cavallo del giustizialismo – ma come? – ricordando la candidatura di Vito Bonsignore condannato in via definitiva a 2 anni di carcere per tentata corruzione, ora candidato nella circoscrizione nord-occidentale alle europee. Se dovete utilizzare il metodo Travaglio, ricordateli tutti quanti.

Il partito della razionalità si rende conto che un po’ di populismo e di “pancia” male non fanno. L’italiano non vuole pensare, vuole qualcuno con cui prendersela. Ed ecco che ritorna in auge la solita proposta pre-elettorale di tassazione sui parlamentari, cavalcando gli strascichi de La Casta. Meno sikurezza per tutti!, ricordando i tagli alla voce di bilancio “sicurezza”. E giù di slogan ed enfasi. Internet è di tutti e deve restare libero! “Sarà forse perchè Mediaset ha un contenzioso in tribunale con Youtube, per eliminare spezzoni delle trasmissioni tv ??”. Con DUE punti interrogativi. DUE.

400 milioni di euro bruciati!!!! per colpa del ricatto della Lega!! Oh noes!
Eppure tutto questo mi ricorda qualcosa.

Fortuna che alla fine delle elezioni tutto questo sparirà, altrimenti qua si rischia la deriva giustizialista.
E magari di vincere le elezioni.

Commenti 1 Commento »

Scaricabile 15

di SKA su Satira, Scaricabile il 11 maggio 2009, 17:51

Scaricabile 15 Stavolta segnalazione rapidissima per l’uscita del nuovo Scaricabile N° 15 sempre pregno di tante belle cose. Ovviamente quelle degli altri intendo. Questa volta devo anche ringraziare Ste con il quale ho collaborato per stilare il nostro Casting Europeo: ossia i migliori candidati – secondo il nostro umile parere – che l’Italia ha da offrire al parlamento europeo nelle prossime elezioni. Nasce in questo numero anche la nuova rubrica “La Cassata Leghista”, interamente dedicata alla caccia al cinghiale.

Per la lettura, andate sul sito di Scaricabile.

Commenti 2 Commenti »

Maiali e bufale dal Messico

di SKA su ControInformazione il 4 maggio 2009, 15:00

In tutto il paese sono chiusi da tre giorni i siti archeologici, i musei, i cinema e i teatri, le scuole e le università, molti uffici pubblici, molti complessi industriali. A Città del Messico un sindaco ambizioso, Marcelo Ebrard, in perenne competizione con il presidente del distretto e con il governatore dello stato, ha voluto mostrarsi più papista del papa: così ha ordinato la chiusura completa di bar, ristoranti, discoteche e locali notturni, visti quali potenziali luoghi di assembramento e di propagazione dell’influenza suina. Peccato che si sia scordato di chiudere anche la metropolitana, dove ogni giorno si ammassano cinque milioni di viaggiatori e che è certamente più affollata di un ristorante. Locali chiusi anche ad Acapulco e in altre città in cui l’influenza non si è manifestata per nulla.
Il presidente della repubblica è apparso in tv a raccomandare alla gente di rimanere in casa propria, in tutto il paese. Perché tanto allarme? Vediamo le cifre ufficiali di un’epidemia così spaventosa da paralizzare l’intero Messico e da fare rischiare il collasso a un’economia già malridotta. Il 30 aprile i contagiati da influenza suina erano valutati in 99, con un totale di 7 (SETTE!) deceduti per complicazioni respiratorie – cioè per la degenerazione dell’influenza in broncopolmonite.
Il Messico ha 100 milioni di abitanti, la capitale (dove si è verificata la metà dei casi) ne ha 20 milioni. Considerate le proporzioni, si direbbe che sia più probabile annegare nella propria vasca da bagno che morire di influenza suina.

Citazione dall’ottimo articolo di Valerio Evangelisti pubblicato su Carmilla on line che fa il punto su questa nuova “emergenza” improvvisa, destinata a scomparire come successe con l’aviaria.

Commenti Nessun Commento »

Liberi di non essere Liberi

di SKA su ControInformazione il 4 maggio 2009, 12:45

Post veloce di segnalazione, anche se non ho ancora implementato la funzione dei post brevi. Come già citato da molti (vedasi LPR, Repubblica, Voglioscendere ed altri) è uscito l’annuale rapporto sulla libertà di stampa stilato da Freedom House, di cui si è spesso parlato.

In aggiunta alcuni dait: nella classifica siamo al 73° posto mondiale dopo Benin, Israele e Corea del Sud, assieme a Tonga. Ma prima del Botswana, eh.

I motivi riguardanti l’Italia:

The region registered one status downgrade in 2008, as Italy slipped back into the Partly Free range thanks to the increased use of courts and libel laws to limit free speech, heightened physical and extralegal intimidation by both organized crime and far-right groups, and concerns over media ownership and influence. The return of media magnate Silvio Berlusconi to the premiership reawakened fears about the concentration of state-owned and private outlets under a single leader.

Fine. Come se ci fosse da dire altro.

Commenti 1 Commento »

Fare i dentisti a Milano

di SKA su Satira il 1 maggio 2009, 00:34

“Se uno nasce con il piacere di fare del male ha tre scelte: può fare il delinquente o il pm o il dentista. I dentisti si sono emancipati e adesso esiste l’anestesia.”

E Berlusconi ne sa.
Nella sua lunga carriera non ha mai fatto nè il pm nè il dentista.

Commenti Nessun Commento »

La banca arricchisce col sudor dei poveri

di SKA su Satira il 27 aprile 2009, 15:15

Ultimamente questo sta diventando un po’ un blog quindicinale, ma il radicale cambiamento in lavorazione prima o poi vedrà la luce. Non dispero.

Nel frattempo segnalo l’uscita del numero 14 dell’ormai atteso ed assodato ScaricaBile, ormai fonte di ispirazione e plagio un po’ per tutti i comici del circondario. Ma tant’è.

Come si può benissimo evincere dal titolo questa settimana il mio contributo parlerà di usura banche e truffe di stato Tremonti Bond.

La banca arricchisce col sudor dei poveri

Dopo l’introduzione dei cosiddetti Tremonti Bond non c’è stato più lavoro per la piccola e media impresa usuraia. Dissero che era una manovra per far ripartire l’economia, ma qui da noi – piccoli e disonesti lavoratori – le cose sono iniziate ad andare sempre peggio.

Andavamo a riscuotere dai commercianti e non c’era giorno che invece di sentire le suppliche e lamentele a cui eravamo ormai abituati, ci sentivamo dire che non avrebbero potuto pagarci perché dovevano pagare le banche. Ad accenni di doverosa e giustificata violenza (pestaggi, piccoli incendi, cose così) facevano spallucce: ci dicevano che le banche, a differenza nostra, gli avrebbero tolto anche le mutande. Effettivamente è vero, noi di solito le mutande le lasciamo.

Puoi anche essere la più grossa associazione criminale sul territorio nazionale, ma non riuscirai mai ad avere la meglio sulle banche private. C’è una differenza sostanziale tra noi e loro: noi andiamo a prenderci la nostra parte ed in cambio forniamo protezione e se ci scappa qualche posto di lavoro.

Le banche invece si fanno dare i soldi dai risparmiatori, li reinvestono in titoli a rischio truffando altri risparmiatori e quelli prima. Quando c’è un crack bussano a cassa dallo Stato, che sempre con soldi dei cittadini le rifinanzia. Ad un piccolo usuraio non verrà mai concesso un finanziamento statale, capite che c’è un dislivello sostanziale?

Con il cosiddetto “fondo di garanzia” lo Stato, nella persona di Tremonti, presta soldi alle banche a un tasso tra l’8,5% e 10%, talvolta anche 15. Con questi le banche dovrebbero a loro volta consentire prestiti per le piccole medie imprese e privati, ma per avere il proprio margine di profitto applicano interessi del 15, 20, 25%. Quelli sono i NOSTRI tassi. E’ concorrenza sleale. Qualcuno dovrebbe vigilare.

Le banche hanno firmato una “dichiarazione di buone intenzioni”, che infatti non costituisce alcun vincolo contrattuale ne puo’ essere impugnato in sede penale. Come se “banca” e “buone intenzioni” possano convivere nella stessa frase. Una dichiarazione che è un po’ come il decalogo di Cosa Nostra trovato a casa di sua signoria Lo Piccolo – che dio l’abbia in gloria – che definisce cosa deve fare un vero uomo d’onore.

Punto 9: “Non ci si puo’ appropriare di soldi che sono di altri e di altre famiglie”.

Le buone intenzioni sono state la rovina del mondo.

Commenti Nessun Commento »

Pornografia Sismica

di SKA su Satira il 11 aprile 2009, 12:04

E’ stato alle 4.34 di quel 6 aprile che la mia già vistosa erezione ha raggiunto il suo climax.

Svegliato alle 3.32 da un tumulto di pareti e lampadari avevo già subodorato la portata orgasmica del disastro imminente, ma non speravo – in tutta onestà – di ricevere una così lauta ricompensa divina per il mio lavoro. Lassù qualcuno mi ama.

Dopo aver pulito la mia eiaculazione sul doppiopetto di B. – lasciato qui chissà in quale delle serate all’insegna di droga e puttane – mi sono diretto in redazione per abbeverarmi direttamente alla fonte delle agenzie. Arrivo e trovo già un visibilio fatto di 10, 20, 30 morti, case dilaniate, famiglie in fuga, appelli disperati dai primi soccorsi.

Erano le 7.27 e tutto quel ben di Dio era lì solo per me e ne volevo di più, sempre di più. “Datemi i morti! Datemi i dispersi, le famiglie affastellate! Datemi lacrime” gridavo in completa trance alle mie collaboratrici. E loro lì, con quelle facce lunghe e qualche imperscrutabile accenno di compassione frammista perfino a tristezza. Forse anche qualche lacrima sui loro visi induriti. Un vero anticlimax che riuscirebbe ad ammosciare finanche la più priapistica prestazione. Non potevo permetterlo.

Ma le notizie dei bambini schiacciati sotto le loro stesse case e gli studenti intenti a drogarsi senza più un alloggio fanno riaffluire improvvisamente un nuovo getto di sangue nei miei corpi cavernosi. All’estremo dell’eccitazione decido che non posso più stare qui. Devo vedere. Devo odorare. Devo toccare. Devo Informare.

La A24 è chiusa, vogliono evitare il turismo della tragedia. Evitare che morbosi della morte godano dell’immenso spettacolo creato dalla natura. Inconcepibile. Con una sola telefonata al Ministero dell’Interno riesco ad obbligare la Rai a concedermi un elicottero privato che mi porti lì, tra le macerie ed il sangue. “Panoramica”. “Carrellata”.

Schivo, scanso e spintono membri dei vigili del fuoco e della protezione civile per guadagnarmi la prima linea ed immergermi in uno degli spettacoli più estatici a cui abbia mai potuto assistere in vita mia. Sono lì e riesco a respirare la mista polvere di cemento ed amianto degli edifici anni ’70 – fortunatamente mai adeguati alle norme antisismiche. “Campo Medio”. Faccio domande compulsive ai passanti, sfoderando il microfono come un vessillo colonialista. “Primi piani”. Vi porto empatia, vi porto la parola, vi porto Amore. Vi porto l’Informazione. Voi datemi il vostro dolore. Il nostro dolore. Voglio la mia dose di dolore altrui. Datemela!

E’ questo che facciamo: ingurgitiamo la vostra sofferenza, la ruminiamo e la rivomitiamo completamente stravolta, violentata e deturpata per farla conoscere a tutti. Siamo i professionisti della pornografia informativa.

Poi mi trovo finalmente lì, ad Onna. Abbagliato, accecato, da cotanta miseria e desolazione. Vedo solo campi, cumuli di macerie ed un epifanico dramma. Ma poi li vedo in lontananza, una fila di 40 corpi coperti solo da lenzuola e stracci. “Campo Piano”. Il pantalone di tweed non riesce a contenere l’esplosione che mi ritrovo tra le gambe.

Ho sempre immaginato la morte come una fonte di gelatina scura, dentro cui affondare le mani fino agli avambracci. Gelatina da schiacciare, spappolare, squartare, succhiare, ingoiare, per godere della sua truculanta polpa fatta di dolore e paura.

Mi accascio su uno dei corpi in fila, assaporando ancora cosciente i singulti dei familiari. “Campo Medio”. Scopro una donna contusa, deturpata nel viso probabilmente da un soffitto crollatole addosso. “Primo Piano”. Le accarezzo il sangue coagulato sulle guance, scendendo per il collo fino ai seni coperti da quel poco tessuto rimasto di quella che era una t-shirt. “Zoomma”. Con l’altra mano inizio a toccarmi, non resisto più. Trovo una cavità nello stomaco dentro cui si è probabilmente infilato un tondino di acciaio, è ancora morbido. E’ caldo. E’ perfetto. “Soffermati sul particolare. Zoomma.”

Ma il cameraman non zoomma. Sono lì, con il membro in mano pronto a ridare vita a quel corpo ancora caldo. Ma lui esita. “Perchè esiti, zooma, è lo show-biz, è pronta, dobbiamo far vedere a tutti! Dobbiamo Informare.”

“No dottor V. non ce la faccio, spero stia scherzando.”

“No ragazzo!” – gli urlo indemoniato forte della mia erezione in atto –“tu non capisci. Non potresti mai capire l’importanza del nostro mestiere. Perché questa è l’Informazione ragazzo. E l’Informazione è una cosa seria.”


Il pezzo è uscito per ScaricaBile n.13, in download direttamente dal sito o leggibile da qui sotto.

SFOGLIABILE N. 13

Commenti 1 Commento »

Aquile all’ingiù

di SKA su Notizie Commentate il 8 aprile 2009, 11:48

Ogni tanto bisogna anche essere seri e seriosi. Non ho scritto un bel niente su quello che sta succedendo in questi giorni in Abruzzo proprio perché non c’era proprio niente da aggiungere. Sento vicina la tragedia proprio perché E’ vicina alla mia famiglia ed a me, nonostante io viva a centinaia di chilometri di distanza in questo momento. Prendetelo quindi come un open post per dire tutto quello che volete.

In questo momento qualcosa da scrivere però c’è, anche se in maniera incompleta, ed è tutto quello che i media principali non dicono e non vogliono dire. Quello che la propaganda politica per il tramite della Protezione Civile nasconde e sotterra. I soccorsi non hanno funzionato come dicono, sono arrivati in ritardo, non c’era niente di pronto nonostante la terra tremasse da mesi. Interi paesi sono stati lasciati abbandonati dai soccorsi per molto tempo, salvo i primi soccorsi delle persone non sommerse dalle macerie. Vi invito a seguire, per quel che riuscirà ad aggiornare, il blog di Anna (Miss Kappa) Aquilana Doc ed estratta anch’essa dalle macerie nonostante fosse sicura della tragedia imminente. Se ci sono altri siti/blog che possono fornire testimonianze dirette e diverse da quelle mainstream fatelo sapere qui sotto.

Poi ci sarebbe bisogno di parlare di come sia possibile che strutture moderne come l’ospedale, inaugurato 2 anni fa, o la casa dello studente siano completamente implose su se stesse perché costruite con cartone e pongo. Mentre strutture dell’antica Roma siano rimaste pressoché intatte. E di come sia fortissimo il rischio di sciacallaggio imprenditoriale per quella che chiamano già ricostruzione, come insegna il precedente dell’Irpinia con soltanto il 20% dei fondi stanziati effettivamente utilizzati per ricostruire.

Per sapere come aiutare in qualche modo le popolazioni in Abruzzo vi invito a leggere questo specchietto riepilogativo su Roma Visibile. Sempre attenzione occhi aperti però.

Per ora basta così.

Commenti 2 Commenti »

Ne uccide più la burocrazia che la spada

di SKA su Satira il 26 marzo 2009, 15:56

(Uscito il numero 12 di Scaricabile, questa volta anche in allegato al “Mucchio”. Andate e scaricatene tutti)

Sono ancora palestinese e quindi, formalmente, un extracomunitario.

L’anno in cui da lassù mio padre decise di rispedirmi tra gli uomini, trovai questi ultimi davanti la televisione.
Nacqui così per la seconda volta, ma nella scelta della terra da far diventar per me natìa un dubbio mi assalì:”ora che posso scegliere, non posso mica tornare in Giudea. Sotto Erode ho rischiato di venir fatto fuori a neanche due anni, poi gli amici di Roma ci sono riusciti a 33: mi hanno appeso a quattro pezzi di legno chiedendo al popolo di scegliere tra me e un ladro.”
Hanno scelto il ladro.
Adesso continuano ad ammazzarsi per colpa mia. Se mi vedono in giro mi fanno un culo come una Moschea, non è il caso.
Io che tutto posso, decisi di vivere in un posto in cui regnava pace, armonia e tolleranza.

Ho scelto l’Italia.

Culla della tradizione umanista e sede dei miei più fedeli adepti, è la terra che più di tutte idolatrava la mia immagine, in perenne sofferenza e dolore, esposta al pubblico ludibrio all’interno di posti tristi, ma allo stesso tempo trasudanti opulenza.

A volte ho il dubbio di essere rinato Elvis.

Ma sono ancora palestinese e quindi, formalmente, un immigrato irregolare.

L’anno in cui nacqui era in vigore una norma che mi riportò la memoria indietro di secoli: volevano impedire ai bambini di esistere. A suon di “obblighi per il cittadino straniero di esibire il permesso di soggiorno in sede di richiesta di provvedimenti riguardanti gli atti di stato civile”, iniziarono a scomparire bambini. Erano in giro, erano dappertutto, sudici, lerci, sporchi, vivevano sotto cartoni con poco cibo e sniffando colla. Genitori stranieri privi di permesso di soggiorno non potevano certificare la nascita dei propri figli. Bambini inesistenti per lo Stato, che pur li accoglieva, ma non voleva né vederli né sentirli. E dalla nuova Maria irregolare, dopo un parto clandestino, nacqui io. Un Gesù senza nome, senza uno Stato, senza una dignità. Un Gesù apolide. A stateless Jesus.
Continua a leggere »

Commenti 1 Commento »

La risposta è Cristo

di Reverendo SenzaDio su L'ora di religione il 18 marzo 2009, 15:17

MiticoRatzinger riafferma una posizione vecchia (dicesi obsoleta) della Chiesa Cattolica sull’Aids: “E’ una tragedia che non si può superare solo con i soldi, non si può superare con la distribuzione di preservativi, che anzi aumentano i problemi.” (#)

La risposta all’Aids è Cristo.
Si adatta perfettamente alla forma del pene grazie alla sua notevole elasticità e duttilità.

Commenti 4 Commenti »

Se ci è riuscito lui ci riusciremo tutti

di Camerata Stizza su Satira il 12 marzo 2009, 14:51

I toni allarmistici di questi ultimi mesi non fanno bene al paese. In realtà è vero: la crisi non esiste.
E lo dimostrano chiaramente questi dati: il nostro Presidente del Consiglio e le sue aziende hanno guadagnato – quindi utili – il 50% in più del 2008, anno di inizio di questa fantomatica crisi. 159 milioni di euro in più. Tutto frutto del sudore della sua fronte e di quella dei figli.
E pensare che nel 1994, quando è sceso in campo per salvare il paese, era letteralmente oberato di debiti. Una bella storia italiana, non c’è che dire.

Allora, dov’è questa crisi?
Andate a lavorare invece di lamentarvi sempre.

Commenti 3 Commenti »

Scaricabile 11, spesso l’uomo si infila in un cul de Sacconi

di SKA su Satira, Scaricabile il 9 marzo 2009, 13:37

Scaricabile 11
Ennesima uscita del mirabolante ScaricaBile arrivato al numero 11 e settimana oramai imprecisata a causa del fuso orario. Vi rimando al sito per scaricare il PDF, qui sotto per lo SfogliaBile in cui stavolta troverete anche un mio pezzo – che pubblicherò anche qua domani – chiaramente ispirato a Polanski. Sì, l’ala destra della Repubblica Ceca.

Commenti 1 Commento »

Pagina 10 di 38« Prima...89101112...2030...Ultima »

extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.