Noi si nominava i capi dei servizi segreti

di SKA su ControInformazione il 28 Ottobre 2010, 16:35

Il testo integrale dell’intervista a Licio Gelli mandata in onda ad Exit il 27/10/10, gentilmente inviatami dall’ufficio stampa Goigest.

SULLA P3

Se lei mi parla della P3 mi offendo. Noi si nominava i capi dei servizi segreti: Miceli, Santovito, Martini. Il Capo di Stato Maggiore lo si nominava noi. Su suggerimenti del comandante generale della Guardia di Finanza. Avevano tutti i poteri in mano perché sapevano che avevamo il Ministro della Giustizia, Sarti. Anche lui prima di entrare sapeva, voleva sapere prima quali erano le nostre intenzioni: le nostre intenzioni erano tutte positive e favorevoli. Sapevano però che noi non si scherzava.

Intendevano superarmi. E invece sono affogati. Mi sono fatto una risata e basta. Hanno dimostrato che purtroppo questa P3, che non esiste, è stata inventata da qualcuno. I servizi segreti sanno inventare, sanno fare molte cose. Sanno scrivere, sanno inventare.

Cosa c’entrano servizi segreti, secondo lei?
Non lo so. Io Carboni non l’ho mai conosciuto. Non ho mai tenuto neanche a conoscerlo, molte volte è un fatto di pelle. Lui apparve quando Calvi era in disgrazia. Io ero intimo amico di Calvi.
(NB: era il 1981)

E’ possibile pensare che Carboni fosse in contatto con Berlusconi e Dell’Utri? Che ci fosse un legame organizzativo tra loro che magari non era una loggia ma era appunto un comitato d’affari?

Berlusconi, dopo essere stato secondo lui “scottato” dalla P2, non si sia messo assieme perché Berlusconi sa chi è Verdini. Senz’altro lo saprà bene. Legge anche i giornali. Gliel’avrà chiesto. E quindi un provvedimento doveva prenderlo subito, non tollerare. Se non ha preso il provvedimento può darsi che ci sia qualcosa per cui non lo può prendere.
Gli armadi chi li apre? Negli armadi ci sono tanti scheletri. Uno li tiene chiusi in quel modo lì e non vuole che vengano scoperti. Per non essere scoperti, quindi, bisogna tacere.

SU BERLUSCONI

Lui ha in mano il partito. E anche gli altri stanno zitti, lo sanno benissimo. Anche Letta è indagato. Sono tutti indagati. Noi eravamo persone che se c’era uno che aveva ricevuto un avviso di garanzia sarebbe stato prima chiarito e poi espulso oppure trattenuto. Non c’è mai stato un caso nostro che era stato imputato perché sennò avremmo preso provvedimenti immediati. Ma oggi se non hai la mazzetta, anzi, non fai niente.

SU ESISTENZA DI EVENTUALI ALTRE LOGGE

Mi sono distaccato completamente da tutte le istituzioni massoniche. Poi oggi ce ne sono 60-70 di associazioni – di “obbedienze”, diciamo – che sono come al Governo: al Governo sono tutti uno contro l’altro, si offendono completamente e anche queste altre piccole logge tutte dicono che la propria loggia è quella regolare. Ma non ce ne sono di regolari. Non c’è nessuna loggia regolare in Italia.

Ho conosciuto un paio di persone che credo facciano, avessero fatto o facevano parte di questa loggia illegale. Non mi hanno detto la P3, mi hanno detto “In Sardegna abbiamo creato una massoneria”. Ho detto: “Guardate, non mi interessa”.

Prima o dopo che emergesse la cronaca sulla P3?
Questo non glielo posso dire. Ma io tutti i giorni ricevo sette, otto, nove persone. Dieci. E mi chiedono tante cose…

SU LISTE COMPLETE DEGLI ISCRITTI ALLA P2

Non mi ricordo. E’ difficile, bisogna avere anche una buona memoria. Però certe cose ogni tanto conviene dimenticarle. Distruggerle. Incenerirle. Una volta incenerite non se ne parla più. E’ il miglior archivio che esista al mondo. Quando lei incenerisce qualcosa si riesce a dormire tranquilli. E’ difficile leggere polvere bruciata, no?

Manca una realtà come la P2, oggi?
No. Si tratta di saper organizzare. La Cinquetti non cantava perché non aveva l’età. Io non lo faccio perché non ho l’età. Io non faccio nulla perché non ho l’età.

Altrimenti?
Probabilmente…

Commenti Nessun Commento »

Assalto a Confindustria

di SKA su Notizie Commentate il 11 Ottobre 2010, 12:32

In quest’ultima pantomima autunnale orchestrata dagli Spin Doctors ufficiali di Silvio Berlusconi & co. – parlo de Il Giornale ovviamente – mi sembra si sia fatto un gran baccano e non si sia colto un nodo fondamentale della vicenda. Il Giornale decide di attuare una vera e propria operazione di trolling nei confronti delle testate da loro considerate “di sinistra”, sfruttando la brutta – quanto ovvia e corretta – nomina di giornalisti servi del capo pronti ad utilizzare dossier per delegittimare avversari politici o critici non allineati.

Durante la creazione del dossier-troll Porro, evidentemente informato sulle intercettazioni dei rispettivi telefoni, decide di iniziare a fare lo spiritoso con Arpisella, portavoce della Marcegaglia. Lo scherzone riesce nell’intento di spaventare Arpisella e conseguenzialmente Emma Marcegaglia che cade come una fessa nel gioco del Giornale appellandosi a Fedele Confalonieri e dimostrando quindi tutta la sua debolezza.

Ed è proprio questo il punto. Come ha detto giustamente Feltri a Le Invasioni Barbariche, per quale motivo un quotidiano dovrebbe far sapere al diretto interessato di avere un dossier su di lui (lei in questo caso) ed informarlo dell’uscita imminente dell’inchiesta? Anche volendo accostare l’episodio alla vicenda Fini-Montecarlo – ma l’intento dissimulatorio de Il Giornale era proprio questo – non mi risulta che Fini sia stato avvertito dell’inchiesta o pseudo-tale. Tantomeno Boffo tempo prima.

L’intento non esplicito, ma ormai dichiarato abbastanza chiaramente anche da Sallusti era quello di delegittimare l’attuale presidente degli industriali mostrandone tutte le debolezze davanti al comitato di presidenza di Confindustria, spostando aghi della bilancia in favore di nomi più vicini al premier – Marina Berlusconi? – ed ovviamente interessi di interi settori industriali.

E quindi “Se gli imprenditori italiani si consegnano a Travaglio” di Sallusti diventa il manifesto conclusivo dell’operazione, in cui viene disegnata una donna debole in balìa di attacchi isterici e “dilettante allo sbaraglio”. Una donna a capo di industriali che non ha ben chiaro “il concetto di libero mercato”, “bambina impaurita”, “mediocre” per arrivare a :

Una figuraccia senza precedenti, che ha fatto ridere mezza Italia e preoccupare tutti per lo stato in cui si è ridotta la pri­ma organizzazione imprenditoriale del Paese. Se gli interessi degli industriali vengono gestiti con lo stesso sistema non c’è certo da stare allegri. Siamo di fronte alla stessa doppiezza della magi­stratura, che da una parte invoca il ri­spetto delle regole e dell’autonomia, dall’altra delle regole, e delle leggi, se ne infischia.

E tutti gli altri giornali italiani dietro al carrozzone.

Commenti Nessun Commento »

Le Case degli Altri

di SKA su ControInformazione il 23 Settembre 2010, 02:43

Sulla noiosissima quanto irrilevante questione “casa a Montecarlo” di Fini e congiunti ci sarebbe da aggiungere, a corredo informativo, una questione di qualche anno fa che rende ancora più palese la forza degli spin doctors berlusconiani quando c’è da fare fuori un avversario politico pericoloso.1

Qualcuno ricorda l’inchiesta de L’Espresso del 2007 chiamata poi “svendopoli”? Si scoprì che personalità politiche, di tutti gli schieramenti, acquistarono immobili direttamente da enti pubblici o da privati a prezzi stracciati. E qualcuno si ricorda, sempre all’interno di quell’inchiesta, di quell’attico acquistato da Silvio Berlusconi – una sua società ovviamente – per l’amica/soubrette Sonia Grey a metà prezzo. Si trattava di un attico ex Ina alla Balduina, che non sarà Montecarlo, ma insomma.

Mi mancano tutte le prime pagine de Il Giornale e Libero che si prodigano con la stessa veemenza per le vicende narrate da L’Espresso. Devono essermi sfuggite.

  1. Fini in verità potrebbe anche sparire senza che se ne senta la mancanza, ma la vicenda ci fornisce ancora una volta il polso dei danni che si possono arrecare al Paese con mezzi d’informazione – propaganda – così concentrati. []

Commenti Nessun Commento »

Castagna Mea Lux

di SKA su Notizie Commentate il 15 Settembre 2010, 22:57

Su segnalazione del maestro Tonus, a cui rubo anche l’azzeccatissimo titolo, torno a parlarvi di un oscuro personaggio comparso da queste parti nel lontano 2007. Il Sig. Alberto Castagna più che oscuro è nero, talmente nero che decise di rifondare il Partito Fascista Repubblicano con tanto di sito internet (chiuso), statuto, programma ed una tessera d’iscrizione da pagarsi versando 40 euro nella Postepay Littoria.

Torniamo a parlare del Sig. Alberto Castagna perché, squillino le trombe eia eia alà alà!, è tornato. E più cattivo che mai. E’ tornato attraverso un’intervista dedicatagli su Affari Italiani in cui viene raccontata in realtà una storia vecchia. La storia di una sentenza d’archiviazione (infatti del 2008) che sancisce la non punibilità – in breve – nel dichiararsi fascisti se non si perseguono finalità antidemocratiche. Fascista bello, pestaggio brutto.

Ma cosa c’è di interessante in questa intervista?

Ti senti il nuovo Duce?
Se per Duce intende capo, condottiero, colui che conduce, ovvero una persona che cerca di “condurre” gli italiani verso un futuro migliore, allora sì, mi sento il nuovo duce.

Il Duce è tornato! Vividdusce! Ed ha a cuore la nazione. Prima di tutto l’italica sicumera: ripristino immediato delle squadracce Guardia Nazionale Repubblicana a supporto della milizia, altro che ronde padane. Poi dimezzare i parlamentari e senatori, dimezzare il loro stipendio ed infine ordine e disciplina!

Qualcuno gli faccia conoscere Beppe Grillo: andrebbero d’accordo.

Commenti Nessun Commento »

Zucconi Gonna Hate

di SKA su Notizie Commentate il 30 Agosto 2010, 13:06

Dunque, riassumendo: un vecchio porcello ridicolmente pittato, cammuffato e truccato come un guitto da avanspettacolo, diventato milionario a spese dei propri connazionali attraverso oscure connections, incapace di tollerare anche la minima opposizione alla propria stizzosa prepotenza, dotato di televisioni e giornali sotto controllo governativo che cantano la sua gloria e azzannano i suoi avversarsi a comando, cinicamente capace di esibire per il pubblico una devozione religiosa che si guarda bene dal praticare in privato, arriva a Roma circondato da legioni di smandrappone per (e)scortarlo e intrattenerlo e per sparecchiare qualche altro milione dalle nostre tasche in cambio di qualche nocciolina regalata alle scimmiette italiane per far contenti i beduini dei suoi media che le spacciano per grandi affari. Nei prossimi giorni, questo grottesco, ma ricchissimo satrapo, da anni oggetto di ridicolo internazionale, incontrerà Muammar Gheddafi.

Zucconi, sul suo blog di Repubblica

Com’è sagace ed originale questa opposizione, signora mia.

Commenti Nessun Commento »

Il popolo fatto libero

di SKA su Antimafia il 11 Agosto 2010, 23:10

Che il popolo fatto libero si ritempri nel sentimento della sua dignità e della sua potenza; che la violenza e l’iniquità dell’alto non autorizzino la violenza e l’iniquità del basso; che la paura, questo vergognoso istinto di degradazione e schiavitù, sia sradicata affatto dalla coscienza popolare che si rialza: ecco il sistema di repressione che senza fallo riuscirà; e la pallottola sarà estratta dalla ferita, e la camorra non esisterà più, se non come memoria in quest’opuscolo caduto nell’oblio.
Marco Monnier, 1° Novembre 1862

Nel 1862 Marco Monnier scriveva questo all’interno del suo “La Camorra: Notizie storiche raccolte e documentate” quando in Italia la Camorra era più famosa della mafia, Cosa Nostra non esisteva ancora e camorre erano definite tutte le forme di delinquenza organizzata. Società segrete finalizzate a far soldi attraverso l’intimidazione da parte di misteriosi esattori appostati lungo le strade, quelle che Monnier definiva adeguatamente “estorsione organizzata”.

Negli anni le organizzazioni criminali si sono radicate, evolute, spostate dal Sud al Nord,dalle strade al Parlamento, ma il cuore stesso del fenomeno è rimasto intatto: la paura. Dopo 148 anni non è cambiato molto. Un testo prezioso e puntuale che è caduto, come predisse lo stesso Monnier, “nell’oblio” di un paese congelato da paura, omertà ed interessi personali. Eppure molto più attuali di alcuni editoriali scritti da prestigiose firme lontani anni luce dal comprendere il problema.

Commenti 1 Commento »

OURTHING™ (Part III)

di SKA su Satira il 14 Luglio 2010, 17:43

[Pubblicato sullo Scaricabile 33 che, ahitutti, è anche l’ultimo che verrà mai pubblicato. RIP Scaricabile.]

Un piano perfetto

Decidemmo di rimetterci a lavoro dopo aver passato due piacevoli ore a visionare le foto delle vacanze estive a Vieste di MMD. Non riuscirò mai più a liberarmi da quell’immagine di un boss sudato in spiaggia, munito di catena con croce dorata al collo e orde di bambini urlanti attorno. Quelle tonnellate di carne flaccida ed appiccicaticcia che vorticavano sullo sfondo – come fossi in un trip di 3,4-metilenediossimetamfetamina e mescalina – mi fecero pensare che in realtà non siamo poi così diversi.
Anche un boss soccombe alla triste routine estiva di borsoni, sedie a sdraio e tette settantenni penzolanti. Chi non vorrebbe far saltare in aria qualcuno dopo una settimana così?

Il Piano Marketing prevedeva una serie di operazioni a breve e lungo termine atte a rivitalizzare l’identità del brand e la reputazione aziendale. Una successiva operazione sarebbe servita a superare la concorrenza e tornare sulla scena internazionale in qualità di Top Of Mind tra i consumatori per quanto riguarda il settore commerciale “Associazioni a delinquere di stampo mafioso”.

A livello internazionale avevamo un grosso peso nel G5, ma internamente avevamo alle costole giovani aziende come la Cam[Omissis] e la ‘ndran[Omissis] che minavano la nostra supremazia territoriale. Con atteggiamenti veramente maleducati e poco ortodossi, anche se efficienti. Il Piano Marketing prevedeva, una volta andati al governo, una lunga serie di arresti tra le file delle altre aziende in maniera da rafforzare gradualmente anche la nostra Brand Awareness. La crisi economica successiva alla caduta del muro di Berlino fece disperdere degli accordi import/export e succursali interne – franchising – con il fallimento dell’azienda “Democrazia Cristiana”.

Il primo punto del Piano Marketing era quello di riallacciare quei rapporti. Si decise di cercare tra i ricchi facoltosi che erano pesantemente in debito con noi e che non avrebbero potuto rifiutare un accordo con i nostri agenti commerciali. Doveva avere capacità finanziaria, ma soprattutto un controllo quasi totale sui mezzi di comunicazione di massa per poter riutilizzare con efficacia quella che, negli anni ’20, funzionò a perfezione: la calvizie. Ma anche la Propaganda.

Nel 1994 trovammo il brand istituzionale adatto. Dopo il successo delle fasi operative di guerrilla marketing del ’92 e ’93 anche il brand Magistratura ebbe un calo del consenso interno, lasciando strada spianata ai nostri Account per vendere il prodotto – fittizio – chiamato Forza [Omissis]: una sorta di merendina con il buco dentro, fuori e tutt’intorno.
Una volta completato il lavoro ci stringemmo tutti la mano in segno di cortesia e di accettazione degli accordi, ma un brivido mi penetrò dall’ano spezzandomi in due la spina dorsale. Uno degli scagnozzi che erano rimasti impalati sulla porta mi fece un impercettibile cenno con la testa che aveva un solo significato: dovevamo andare fuori.

Fu lì che si decise che Executive Creative Director ed il Direttore del Settore Ricerche avevano ascoltato sin troppo di quelle decisioni prese là dentro. Servivano soltanto come copertura nei miei confronti e come manovalanza per la redazione dei dati statistici/commerciali di nostro interesse. Dalla loro giovialità ed ingenuità iniziale si poteva capire perfettamente che non avessero l’intelligenza adatta per capire che non avrebbero dovuto mai accettare, mai sapere, mai invischiarsi in una cosa di questo tipo.

Guardai da lontano i tre scagnozzi prendere sottobraccio l’Executive Creative Director ed il Direttore del Settore Ricerche che iniziarono ad essere visibilmente preoccupati di quello che stava accando a loro ed attorno a loro. Non ebbero più la possibilità di preoccuparsi una volta legati.

Accesi la mia prima sigaretta della giornata e li guardai da una certa distanza, con mani e piedi legati da una spessa fune ed attaccati a due ganci su un montacarichi. Un vecchio metodo per far sparire le persone.
Li guardai sprofondare lentamente in quello che non era cemento vivo, ma merda.

Dieci tonnellate di merda grumosa e liquida, nauseabonda da farti uscire gli occhi dalle orbite e farti vomitare ostriche e champagne sulle scarpe di vero cuoio italiano. Fu lì che vidi l’Italia.
Sprofondare sotto tonnellate di merda, per scelta di un manipolo di persone miserabili come me.

Commenti Nessun Commento »

Morire due volte a L’Aquila

di SKA su ControInformazione il 6 Luglio 2010, 11:43

scritto da Anna Pacifica Colasacco aka MisKappa. Immagine da Addrox su Flickr

Ieri mi ha telefonato l’impiegata di una società di recupero crediti, per conto di Sky. Mi dice che risulto morosa dal mese di settembre del 2009. Mi chiede come mai. Le dico che dal 4 aprile dello scorso anno ho lasciato la mia casa e non vi ho più fatto ritorno. Causa terremoto. Il decoder sky giace schiacciato sotto il peso di una parete crollata. Ammutolisce. Quindi si scusa e mi dice che farà presente quanto le ho detto a chi di dovere.

Poi, premurosa, mi chiede se ora, dopo un anno, è tutto a posto. Mi dice di amare la mia città, ha avuto la fortuna di visitarla un paio di anni fa. Ne è rimasta affascinata. Ricorda in particolare una scalinata in selci che scendeva dal Duomo verso la basilica di Collemaggio. E mi sale il groppo alla gola. Le dico che abitavo proprio lì. Lei ammutolisce di nuovo. Poi mi invita a raccontarle cosa è la mia città oggi.
Ed io lo faccio.

Le racconto del centro militarizzato. Le racconto che non posso andare a casa mia quando voglio. Le racconto che, però, i ladri ci vanno indisturbati. Le racconto dei palazzi lasciati lì a morire. Le racconto dei soldi che non ci sono, per ricostruire. E che non ci sono neanche per aiutare noi a sopravvivere. Le racconto che, dal primo luglio, torneremo a pagare le tasse ed i contributi, anche se non lavoriamo. Le racconto che pagheremo l’i.c.i. ed i mutui sulle case distrutte. E ripartiranno regolarmente i pagamenti dei prestiti. Anche per chi non ha più nulla. Che, a luglio, un terremotato con uno stipendio lordo di 2.000 euro vedrà in busta paga 734 euro di retribuzione netta. Che non solo torneremo a pagare le tasse, ma restituiremo subito tutte quelle non pagate dal 6 aprile. Che lo stato non versa ai cittadini senza casa ,che si gestiscono da soli, ben ventisettemila, neanche quel piccolo contributo di 200 euro mensili che dovrebbe aiutarli a pagare un affitto. Che i prezzi degli affitti sono triplicati. Senza nessun controllo.Che io pago ,in un paesino di cinquecento anime, quanto Bertolaso pagava per un appartamento in via Giulia, a Roma. E tutti sanno quanto può arrivare a costare un affitto a Roma. La sento respirare pesantemente. Le parlo dei nuovi quartieri costruiti a prezzi di residenze di lusso. Le racconto la vita delle persone che abitano lì. Come in alveari senz’anima. Senza neanche un giornalaio. O un bar. Le racconto degli anziani che sono stati sradicati dalla loro terra. Lontani chilometri e chilometri. Le racconto dei professionisti che sono andati via. Delle iscrizioni alle scuole superiori in netto calo. Le racconto di una città che muore. E lei mi risponde, con la voce che le trema. ” Non è possibile che non si sappia niente di tutto questo. Non potete restare così. Chiamate i giornalisti televisivi. Dovete dirglielo. Chiamate la stampa. Devono scriverlo.”

Commenti Nessun Commento »

Nutellobby

di SKA su ControInformazione il 22 Giugno 2010, 12:31

Qualche giorno fa è circolata insistentemente la notizia di una messa “al bando” della Nutella da parte del Parlamento Europeo. Titoloni allarmistici dei giornali “Al bando la Nutella” (Libero); “I traditori della Nutella” (Il Riformista), pseudo-paladini della rete che decidono di schierarsi con le aziende e non con i consumatori prendendosela con europarlamentari che una volta appoggiavano.

Ovviamente è tutta una bufala.

Giornali e società di promozione – che si occupano sia di un Grillo che di un Ferrero – hanno deciso di prendere per buone le dichiarazioni del Signor Francesco Paolo Fulci, dirigente della Ferrero (“Non potremo fare nessuna pubblicità alla Nutella”) preoccupatissimo per un possibile calo delle vendite.

Nessuno tocca la Nutella, come scrive la stessa Sonia Alfano:

la norma in questione regolamenta le forme di pubblicità dei prodotti alimentari in maniera che i  messaggi promozionali di alimenti siano effettivamente coerenti rispetto ai valori nutrizionali e agli effetti sulla salute di tali prodotti.

E’ tutto perfettamente spiegato da Piergiorgio Grossi su Peacelink o da Alfredo Clerici diAltroconsumo NewsFood1.

Ogni tanto anche i presunti Messia devono sottostare alle logiche del mercato.

  1. ringrazio Alfredo Clerici per avermi segnalato l’imprecisione []

Commenti Nessun Commento »

OURTHING™ (Part II)

di SKA su Satira il 22 Giugno 2010, 11:21

[Pubblicato sullo Scaricabile 32. Qui la prima parte. Ci rivediamo in galera.]

Quegli esplosivi anni ’90

MMD ci guardava come si osservano tre mummie in fila: con la stessa curiosità e scetticismo che si hanno pensando a come sia possibile vedere tre mummie in fila, ma con la stessa passione di chi guarda qualcosa già morto da secoli. Il nostro obiettivo di oggi era completamente diverso da quello di quasi 20 anni fa, o perlomeno dovevamo perseguire una strategia di comunicazione meno invasiva ed appariscente. Stavamo passando ad un Marketing più burocratico per conseguire una Brand Awareness del nostro cliente più ragionata e graduale, senza quell’impatto emotivo che potemmo testare negli esplosivi anni ’90.

Ero poco più di un ragazzino quando uscii dalla Bocconi e venni chiamato a lavorare a [omissis]. Ero uno stagista, anche se allora ancora ci chiamavamo ancora apprendisti. Quel primo incarico di un certo rilievo lo ricordo ancora oggi come fosse successo ieri e come se fosse marchiato a fuoco, T4, tritolo, nitroglicerina ed EGDN. E da lì ne susseguirono molti altri. Era quella che avevamo descritto nel Marketing Plan come strategia di fidelizzazione, rivolta principalmente a promozione e posizionamento. Un gioiello.

La mission conclusiva si modificò nel tempo, ma sapevamo già dall’inizio che l’obiettivo dei nostri clienti era quello di spianare la strada ad un nuovo progetto politico che pur non avendo inizialmente un referente preciso, si andava giorno per giorno delineando. Ci dissero chiaramente di fare molto rumore – e solo noi potevamo capire cosa intendessero – per poter allacciare stretti rapporti con i vertici politici di allora, cioè i socialisti e gente “combinata”. Una volta messa in atto la nostra strategia di marketing territoriale la politica si sarebbe sicuramente interessata al nostro Brand, con relative richieste e proposte.

Iniziammo a spingere il Brand il più alto possibile nella curva di segmentazione percettiva del nostro target audience attraverso i soliti mezzi di promozione: cartellonistica, spot, testimonial e bombe per le strade. Tutto come al solito insomma. Ad un certo punto ci comunicarono che il soggetto politico da poter collegare al Brand era stato trovato, faceva parte dell’imprenditoria italiana ed aveva un settore marketing che riusciva ad essere più spietato persino di noi. Così ci inglobarono completamente. La Fin[omissis] e Cosa[omissis] divennero quindi un tutt’uno, soprattutto nella strategia comunicativo/finanziaria, e si gettarono le fondamenta per quella che diventò un grande Brand: Forza[omissis].

Fare rumore, farlo bene: Guerrilla Marketing

Su ordine dei nostri nuovi e vecchi capi dovemmo iniziare una strategia virale molto più pressante ed invasiva: c’era bisogno di spingere in alto i due Brand consorziati, bisognava dare alle due marche una chiara identità distintiva nella mente del consumatore e chiaramente posizionarsi come Top of mind. Bisognava insomma instillare nella mente dei consumatori che l’unico soggetto politico in grado di salvarli era il nostro e che l’unico soggetto criminale in grado di ammazzarli era il nostro. Le due cose con l’andare degli anni iniziarono a confondersi tra loro.

Il budget del settore Marketing di quel tempo strabordava, ce n’era per tutti e tutti volevano dare una mano. Eravamo una squadra unita e mettevamo in pratica tutto quello che ci avevano insegnato alla Bocconi, riga per riga. Gli obiettivi della nostra strategia erano sempre gli stessi infatti: creare consapevolezza, cercando di incrementare il riconoscimento del marchio; ottenere un cambiamento di atteggiamento e percezione dell’importanza degli attributi del prodotto, stimolando la domanda primaria. Ma soprattutto: rinforzare i comportamenti in modo da aumentare la fedeltà del cliente nei confronti della marca.

Oltre a tappezzare le città con cartelloni raffiguranti infanti sfruttati, gadget e volantini, grandi tette in tv, dovemmo occuparci del Viral Marketing più esigente. Scorrevamo le diapositive fatte con i lucidi con titoli tipo Pizzolungo, Capaci, Amelio, Georgofili, Palestro. Soltanto nomi in codice che non avevano alcuna attinenza con la realtà, lo facevamo per capirci tra di noi. Ci occupavamo soltanto di posizionare gli obiettivi della strategia, definendo la target audience: la parte operativa era data in outsourcing a piccole ditte locali. Non sapevamo bene chi fossero, anche se lo scoprimmo molti anni più avanti.

Già nella seconda metà degli anni ’90 la nostra strategia aveva raggiunto tutti i suoi scopi di Brand Awareness: Forza[omissis] era diventato il progetto politico principale e dettava l’agenda setting di tutta Italia. Cosa[omissis] era confluita in Forza[omissis] e vennero colpite soltanto le piccole ditte e lavoratori a progetto che operavano per conto nostro. Ma al tempo stesso avevamo modificato la percezione del nostro target audience: gliel’avevamo messa nel culo con il loro stesso consenso.

Commenti Nessun Commento »

OURTHING™ (Part I)

di SKA su Satira il 1 Giugno 2010, 20:10


[Pubblicato sullo Scaricabile 31 con le illustrazioni del sempre paziente Ste. E’ la prima parte di tre che formano quella nella mia testa dovrebbe trattarsi di una sperimentazione satirico/letteraria o quello che è, che ovviamente riuscirà male.]

Il giorno in cui fummo portati nel covo eravamo appena usciti dal Focus Group su una merendina al cioccolato. Vennero a prelevarci direttamente dalla nostra sede di Milano, ufficio 148 del Palazzo [omissis] situato in Via [omissis] immediatamente dopo aver lasciato uscire il nostro campione di riferimento designato composto di unità con una griglia demografica poco omogenea, suddivisa per età ed estrazione sociale. Non per sesso, erano tutti maschi.1

Due uomini vestiti completamente di nero ci aspettavano immobili e silenziosi come statue al di fuori della porta a vetri. Li seguimmo verso l’ascensore senza la necessità di ricevere alcun cenno o segnale. Si sentiva un forte odore di pino silvestre misto ad un altro profumo delicato, ma un po’ molesto se respirato in quei 3x3m che dovevamo condividere scendendo dal [omissis] piano dell’edificio. Potevo chiaramente distinguere una punta di cumarina – 1-benzopirano-2-one- inconfodibile aroma utilizzato nel gel per capelli [omissis] lanciato dalla nostra agenzia attraversi i soliti canali promozionali.2

Il viaggio in aereo da Milano Malpensa a Trapani fu molto tranquillo seppur non troppo piacevole a causa di alcune inadempienze da parte delle hostess. Una di loro era senza fiocco d’ordinanza, un’altra con la giacca sbottonata. Fu sempre in aereo che mi accorsi di aver sbagliato, mio malgrado, la scelta dell’orologio da polso da abbinare al mio blazer Armani blu scuro. Avevo scelto quello con il cinturino in pelle di cervo marrone con quadrante in oro, anziché quello con il cinturino di pelle di coccodrillo nero e montatura in oro bianco. Mi portai quel senso di inadeguatezza per tutto il giorno.
Continua a leggere »

  1. Il campione di riferimento designato di quello specifico Focus Group era composto da 12 unità di sesso maschile, suddivise in quattro gruppi per fascia d’età e target demografico. Tre unità facevano parte del target 14-17, tre unità del target 18-25, tre unità del target 26-35 e le ultime tre unità collocabili nella fascia anziana 40-50. Il segmento “tween”, corrispondente alla fascia 10-12, pur sotto costante monitoraggio dagli analisti nelle ricerche di mercato, non è ancora includibile all’interno dei Focus Group a causa del retaggio culturale che tende a voler proteggere i minorenni senza considerarli come una consistente fetta di mercato. Anche se ugualmente sfruttato. []
  2. Il gel per capelli [omissis] ha una tenuta ultra-forte adatta a tutti i capelli ed il suo prezzo inferiore rispetto ai prodotti top of mind e leader del settore è dovuto ai lunghi ed economici esperimenti sugli animali, nonché l’utilizzo massiccio del Prop[omissis], che può essere reperito ad un costo pari ad un quinto dei sui corrispettivi che hanno superato i test sanitari. Il Prop[omissis] è ovviamente illegale e nocivo per la salute umana. []

Commenti Nessun Commento »

Spin Doctors

di SKA su Notizie Commentate il 5 Maggio 2010, 13:50

Come volevasi dimostrare è bastato introdurre un argomento diverso all’interno di una trasmissione televisiva ed ora non si parla più di Scajola, della sua casa pagata coi soldi provenienti da probabile (?) corruzione, ma si parla della vicenda D’Alema vs Sallusti.

Spin Doctoring puro, semplice e di basso livello. Sallusti e co. sono pagati per fare quello, da sempre: sviare l’attenzione dall’argomento principale introducendone un altro fazioso e capzioso. Non c’è nessun motivo di entrare nel merito della vicenda di Affittopoli tirata fuori da Sallusti: risale al ’95, è morta, sepolta ed assolutamente irrilevante. Ed infatti il problema, come sanno benissimo Sallusti e Feltri, non è il merito, ma il metodo. La non-notizia diventa notizia, cavalcata da tutti i media, quindi dall’opinione pubblica. E Scajola? Sparito.

Commenti 2 Commenti »

Lo Zimbabwe no, ma quasi

di SKA su Notizie Commentate il 30 Aprile 2010, 11:06

Solito rapporto annuale stilato da Freedom House sulla libertà di stampa nel mondo e l’Italia, come ormai da molti anni, risulta ancora nella fascia “Parzialmente liberi”. Ma c’è una nota positiva: se l’anno scorso venivamo classificati al 73° posto, quest’anno siamo al 72° assieme al Benin, Hong Kong e India, ma sotto – per dire – alla Corea del Sud che è invece considerata “Libera”. (Qualcuno ha scritto 96° posto, ma non si capisce il perché.)

Nell’analisi introduttiva a quello che sarà il rapporto ufficiale ed esteso all’Italia vengono dedicate poche parole e riguardanti, ovviamente, sempre Lui.

In Italy, a country with a Partly Free ranking, conditions worsened as Prime Minister Silvio Berlusconi clashed with the press over coverage of his personal life, leading to lawsuits against both local and foreign news outlets as well as the censorship of critical content by the state-owned broadcaster

Commenti 2 Commenti »

Il serial killer della memoria e della libera informazione

di SKA su ControInformazione il 26 Aprile 2010, 15:00

Nota: pubblico questo articolo in forma integrale aderendo completamente alle motivazioni esposte qui e qui. I nessi causali dell’intimidazione ai danni di Morrione, Articolo 21 e Libera Informazione potrebbero anche essere altri, ma il fatto è che quando si verifica una coincidenza non è mai una coincidenza.

di Roberto Morrionepresidente di Libera Informazione, Osservatorio nazionale sull’informazione per la legalità e contro le mafie

Immersi nelle notizie del braccio di ferro di Gianfranco Fini contro l’asse Berlusconi-Bossi all’interno del PDL e del governo, abbiamo sottovalutato in questi giorni l’attacco che il premier ha rivolto il 16 Aprile contro le fiction e i libri sulla mafia, accanendosi nei confronti di Roberto Saviano e di Gomorra. Sull’argomento Silvio Berlusconi è recidivo. Già nel novembre scorso, infatti, si era scagliato inaspettatamente contro le storiche serie della Piovra e in generale le fiction televisive sul tema, che a suo dire lederebbero l’immagine del Paese all’estero, arrivando a una sorta di sfogo dell’anima “…strozzerei gli autori della Piovra e chi scrive libri sulla mafia”. La reazione a questa uscita era stata allora vasta, sul piano culturale e della comunicazione oltrechè su quello politico. Michele Pacido, che nella Piovra era l’indimenticabile commissario Cattani, gli aveva ironicamente ricordato che le più note e seguite fiction televisive, dal Capo dei Capi alla vicenda di Provenzano, fino alle figure di Falcone e Borsellino, erano state ideate e prodotte da Mediaset…
L’offensiva era poi proseguita il 28 Gennaio al termine del Consiglio dei Ministri a Reggio Calabria, quando alle critiche alle fiction sulla mafia aveva aggiunto una valutazione sull’immigrazione clandestina, sostenendo che “una riduzione degli extracomunitari in Italia significa meno forze che vanno a ingrossare le schiere dei criminali”. Ancora una volta la reazione di sdegno era stata ampia : c’era chi aveva sottolineato come la camorra e la ‘ndrangheta sono così attente a ingrossare le proprie file con gli extra-comunitari da farne strage a Castelvolturno e da espellerli con la forza a Rosarno, dopo averli sfruttati e schiavizzati nei campi…
E infine ecco la nuova sortita di pochi giorni fa, nella quale Berlusconi ha affermato che la mafia italiana, pur essendo per potenza solo “la sesta al mondo”, è la più conosciuta, proprio per i film, le fiction e i libri che ne hanno parlato, a partire da Gomorra. Nella stessa conferenza, coadiuvato dai ministri Maroni e Alfano, il presidente del consiglio ha per l’ennesima volta magnificato l’azione del suo governo contro la criminalità organizzata, con 500 operazioni di polizia giudiziaria, 5000 arresti di mafiosi, enormi quantità di beni sequestrati, ecc.
A questo punto emergono domande allarmanti, che abbiamo il dovere di estendere ai cittadini.
Continua a leggere »

Commenti Nessun Commento »

Ipse Dixit

di SKA su Antimafia il 21 Aprile 2010, 21:03

“In Italia da circa 15 anni c’è stato un golpe bianco tinto di rosso attuato da alcuni magistrati con pezzi della politica ed ancora oggi si vive su quest’onda”

Vi ricorda le parole di qualcuno? L’ispiratore però è un altro, un tal Matteo Messina Denaro in una delle lettere sequestrate negli ultimi anni.

Commenti Nessun Commento »

Scaricabile Speciale Ministri: una querela ci seppellirà

di SKA su Satira, Scaricabile il 12 Aprile 2010, 11:09

Questa volta pubblicità in formato large-size per un prodotto destinato a far rimanere ScaricaBile nella storia ed i suoi autori in galera. Uno “speciale dedicato ai ministri del quarto governo Berlusconi” con delle vere e proprie opere d’arte associate a descrizioni serissime. Da scaricare, leggere e diffondere. Ringrazio Marco Martellini – di cui devo linkare solo pagina FB, non trovando altro – per aver onorato il mio indegno contributo con un Raffaele Fitto d’antologia, già posterizzato.
Click sull’immaginona (oppure qui) per essere anche voi dei concorrenti esterni in associazione a delinquere.

Commenti Nessun Commento »

Polverini ha sempre ragione

di SKA su Satira il 30 Marzo 2010, 22:23

Ritrovati questa mattina, dispersi nei pressi delle discoteche alla periferia romana, gli eletti della Lista Polverini che si guardavano attorno spaesati spaesati mormorando tra sé: “e mò? e mò? e mò che cazzo famo?”

Con la vittoria della Polverini nel Lazio l’esclusione della lista del PDL dalla provincia di Roma diventa definitivamente un fatto drammatico.

Commenti 4 Commenti »

La Grève des sans-papier

di SKA su Notizie Commentate il 2 Marzo 2010, 12:57

Si è parlato – poco, molto poco – dello sciopero dei migranti che ha cercato di porre l’attenzione sui “comodi” irregolari presenti in Francia, Italia, Spagna e Belgio con una “Ventiquattr’ore senza di noi” per far comprendere la mancanza della loro assenza.

In Francia la manifestazione principale e siccome i giornali italiani non sono capaci di raccontarla decentemente, possiamo rifarci con il post de La Privata Repubblica in trasferta parigina.

Commenti Nessun Commento »

Toghe Candide

di SKA su Satira il 24 Febbraio 2010, 12:55

Era una notte buia e tempestosa in Via dell’Umiltà:

– “Anche nel PDL ineleggibilità a tutti i corrotti!”
– “E con Berlusconi come facciamo? C’è la questione di Mills, i fondi neri per i diritti tv di Mediaset, Mediatrade, la corruzione dei senatori…”
– “Embè?”
– “Come embè, non è una mossa un po’ azzardata?”
– “Abbiamo detto ineleggibilità a tutti i corrotti, mica ai corruttori.”

Commenti Nessun Commento »

Una Nave Carica d’Amore

di SKA su Satira il 21 Febbraio 2010, 14:57

Con clamoroso ritardo segnalo l’uscita dello Scaricabile 27 dedicato al nostro amico Bertolaso. Qui sotto il mio pezzo indegno che scopre la verità sulle navi dei veleni illustrato meravigliosamente da Ste.

Dal Piano di Rinascita Valdostana ritrovato in una valigia all’aeroporto Corrado Gex di Aosta, Ottobre 1989.

[omissis]

Per risollevare le sorti del turismo Valdostano e delle Alpi tutte è necessario allontanare il villeggiante italiano dalle coste marine del Sud, così ancora di moda e gremite di persone sudate che sembrano non fare altro [omissis] Per conseguire l’obiettivo prefissatoci è necessaria una strategia d’intervento diretta e rivolta a boicottare e danneggiare i mari che bagnano le coste calabresi, pugliesi e siciliane.

Si rende necessaria la collaborazione delle tipiche associazioni di Volontariato Calabresi – vedere ‘n[omissis] – per il controllo dei mari e delle Navi. E’ fondamentale per il piano contattare il Dott. [omissis], l’Ing. Giorgio C[omissis] ed il Sig. Francesco F[omissis]. Consentito l’uso delle armi e di canzoni a tema, purché coperte da copyright.

Obiettivo prioritario: Coste di Cetraro. Mezzo utilizzabile: Nave Mercantile Cunsky. Descr. Cunsky: carico di 120 fusti contenenti fanghi radioattivi. Obiettivo finale: affondare mercantile Cunsky con carico tossico su mari calabresi. Urgenza: alta. Disponibilità di grappa e vin brulè.

Obiettivi già raggiunti: Nave Rigel, largo di Capo Spartivento. Motonave Jolly Rosso, coste di Amantea. Carico: Rifiuti radioattivi. Conseguenze ipotizzate ed auspicate: aumento del tasso tumorale in uomini, donne, bambini e animali. Avvelenamento falde acquifere e terreni agricoli. Coste fluorescenti. Granita non più così buona. Ilaria Alpi, Miran Hrovatin – Somalia, porto di Bosaso: incidente di percorso. Dare colpa a comunisti.
Nota a margine: obiettivo Haiti, tredicimila tonnellate di rifiuti tossici scaricate su fondali, perfettamente raggiunto. (NdR. Dove si trova Haiti?)

Progetto Capsule Euratom: il Piano può godere del finanziamento di 120 milioni di dollari provenienti da più Paesi – USA maggiore sostenitore – progetto Euratom per conto di Cee. Paesi industrializzati hanno l’interesse di liberarsi delle scorie radioattive, il nostro Piano fornisce fondali disponibili. Percentuale riuscita: 100%. Non usare WC per scaricare scorie. Già provato, non funziona. Contattare Ing. Giorgio C[omissis] per istruzioni dettagliate. 500 navi già pronte.

Necessaria strategia di depistaggio. Basso profilo, trattenere Val d’Aosta Calcio in Serie D per non destare sospetti. Aumentare impianti sciistici e neve artificiale. Attenzione a dove si prende acqua. Obiettivo prioritario: salute dei cittadini.

Se scoperti fare faccia ingenua, dire che si proviene da Aosta e fare finta di non sapere italiano. Difficoltà prevista: 1%. Attenzione: alcune delle navi contengono orsetti gommosi e peluches. Priorità di recupero : alta. Non inquinare le coste con orsetti gommosi. Rischio di burla da parte dei torinesi: alto.

Commenti Nessun Commento »


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.