L’hacker antisistema che vuole portare la lotta di classe online – Valigia Blu

di SKA su ControInformazione, Cose dette da altri, Notizie Commentate il 25 Novembre 2019

La prima apparizione è stata il 3 agosto 2014. Su Twitter sbuca un account, @GammaGroupPR. Il riferimento (che allora pochissimi potevano cogliere) è a una azienda anglotedesca, GammaGroup, che vende uno spyware, un software spia, usato dai governi per infettare e intercettare tutto ciò che passa su uno smartphone o un computer di un indagato. All’epoca si tratta di un settore – quello degli spyware o trojan a fini di indagine, in Italia detti captatori informatici – ancora poco noto e discusso, anche se da un paio di anni erano iniziati a uscire alcuni studi da parte di ricercatori e attivisti proprio sulle aziende che vendevano tali strumenti, e sui loro clienti, inclusi Stati autoritari e accusati di violare i diritti umani. GammaGroup produceva una suite di spyware nota come FinSpy/FinFisher, che vendeva a vari governi.

L’attacco a GammaGroup e la nascita di Phineas Fisher

Il misterioso e neonato account Twitter @GammaGroupPR, che tutto è tranne un ramo del marketing dell’azienda, ha anche un nome curioso: Phineas Fisher. Un gioco di parole che allude allo spyware. Da quel momento in poi diventerà il nome (in verità poco apprezzato dal protagonista, e molto amato dai media) di uno dei cybercriminali più ricercati, ma anche politicizzati, di questi anni.

“Siccome qua a Gamma abbiamo esaurito i governi, apriamo le vendite al pubblico”, esordisce il primo tweet che, in una escalation, inizia a pubblicare brochure, listino prezzi e documenti confidenziali dell’azienda. Qualche ora dopo, l’account pubblica anche il link a un rapporto 2012 del Citizen Lab, centro di ricercatori dell’Università di Toronto, secondo il quale il software spia rinvenuto sui dispositivi di attivisti del Bahrein sarebbe stato prodotto da Gamma Group (report ripreso all’epoca da varie testate come Bloomberg e Wall Street Journal).

Continua a leggere su: L’hacker antisistema che vuole portare la lotta di classe online – Valigia Blu

Share

Scrivi un commento


extra

WTF?

Giornalista, web designer e pubblicitario. Da blog di protesta negli anni in cui i blog andavano di moda, questo spazio è diventato col tempo uno spazio di riflessione e condivisione. Per continuare a porsi le giuste domande ed informare se stessi.



Available for Amazon Prime